Fjallstein Vikingr Fest: la presentazione del Festival

FJALLSTEIN VIKINGR FEST

20-24 giugno 2019, Montelanico (RM)

Il Fjallstein Vikingr Fest arriva quest’anno alla terza edizione, eppure sembra che sia una manifestazione in piedi da più anni: in pochissimo tempo gli organizzatori sono riusciti a creare una base solida e per il terzo anno il festival aggiunge eventi, concerti e conferenze al programma, quest’anno più interessante che mai.

Il Fjallstein Vikingr Fest si svolgerà il 20-21-22-23 giugno a Montelanico, in provincia di Roma, in una bellissima zona verde nel cuore dei Monti Lepini. Come è facilmente intuibile dal nome, si tratta di un festival a tema vichingo, quindi molti eventi sono legati al mondo dei vichinghi, ma non solo, ce n’è per tutti i gusti: si passa dalla presentazione di romanzi storici a interventi mirati su J.R.R. Tolkien e aspetti specifici delle rievocazioni storiche, ma ci sarà modo di saperne di più anche sulla cucina vichinga e la Tradizione Nordica “oltre la moda vichinga”. A tutto questo si aggiungono tanti espositori con la propria merce che sicuramente attirerà l’attenzione e la curiosità dei partecipanti e gli immancabili (e fondamentali) chiostri per mangiare. Cosa non da poco, l’ingresso è gratuito e dalle 11 di mattina il festival prende vita.

Molto importante da ricordare, tutti i giorni ci saranno giochi, dimostrazioni ed esercitazioni presso l’accampamento storico, dove gli spettatori potranno diventare protagonisti e avvicinarsi all’affascinante mondo della rievocazione storica. In particolare il sabato alle 18.30 ci sarà la Fjallstein Viking Battle, assolutamente da non perdere.

E poi c’è la musica, anche quest’anno di grande qualità. Sul palco del Fjallstein Vikingr Fest, a partire dalle 21 circa, suoneranno Viandanti Del Sole, Ala Bardica, Cernunnos’ Folk Band (che abbiamo incontrato su queste pagine QUI), Fehu Pagan Folk e gli irpini Emian Pagan Folk, che ormai possono essere considerati di casa.

La terza edizione del Fjallstein Vikingr Fest si preannuncia davvero interessante, un appuntamento ad appena un’ora da Roma nel verde dei Monti Lupini, vietato mancare!

EVENTO FACEBOOK FJALLSTEIN VIKINGR FEST:

PAGINA UFFICIALE Valhalla Viking Victory

Annunci

Corte Di Lunas – The Journey

Corte Di Lunas – The Journey

2019 – EP – autoprodotto

VOTO: 7,5 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Giordana: voce, percussioni – Nicolas: chitarra – Massimo: basso – Riccardo: batteria – Martina: ghironda – David: bouzouki – Maria Teresa: flauti

Tracklist:1. The Journey – 2. Eolo – 3. Star Of The County Down – 4. Lady Of The Lake (acoustic version)

I friulani Corte Di Lunas tornano a farsi sentire con un EP composto da quattro brani che, in un certo senso, significa una nuova rinascita. La band ha all’attivo tre dischi (Plaudite ‘sì Più Forte, Ritual e Lady Of The Lake) che dal 2010 in poi hanno segnato un’evoluzione musicale non di poco conto dallo strumentale renaissance folk rock dell’esordio al rock con brani originali dell’ultimo. Nel mezzo c’è stata molta attività live (li ho conosciuti grazie al Montelago Celtic Festival anni orsono) che ha permesso alla band di farsi apprezzare anche per la giusta attitudine sul palco. The Journey nasce dopo un periodo di transizione che ha visto dei cambiamenti in seno alla band e la cosa si rispecchia anche nella musica: il precedente Lady Of The Lake è un disco piuttosto roccioso per i canoni dei Corte Di Lunas, che con questi quattro brani tornano a sonorità più delicate e sognanti.

La title-track è un pezzo equilibrato, ogni strumento ha il suo spazio e contribuisce al successo della canzone. La voce di Giordana, espressiva e graffiante quando ce n’è bisogno, guida la band nel ritornello diretto e d’immediata assimilazione: sicuramente una delle migliore composizioni dei Corte Di LunasEolo prosegue stilisticamente quando fatto nell’opener, con un ritmo maggiormente sostenuto e gustosi intermezzi di flauto ad arricchire il già vasto repertorio musicale del gruppo. Il terzo brano in scaletta è Star Of The County Down, meravigliosa ballata irlandese dal testo romantico ed emozionante, un bel pezzo irish folk nel quale il protagonista rimane ammaliato dalla bellezza di Rosie McCann e canta di come sia impossibile non pensare sempre a lei. Chiude il dischetto Lady Of The Lake, versione acustica della composizione che dà il titolo al terzo full-length. In questa veste la canzone assume contorni fiabeschi e sognanti: lasciarsi trasportare delle note musicali non è mai stato tanto dolce e bello.

The Journey è un EP che mostra il nuovo corso dei Corte Di Lunas, ma che conferma la bravura dei musicisti e la bontà del progetto. Non resta altro, a questo punto, di attendere il nuovo disco con The Journey nel lettore cd a ingannare il tempo e, se possibile, di vederli all’opera in concerto. Bentornati Corte Di Lunas!

Live report: Arkona a Roma

ARKONA + BLODIGA SKALD

4 giugno 2019, Traffic Live, Roma

Finalmente, dopo diciassette anni di carriera e nove album in studio, i russi Arkona fanno tappa a Roma per il loro tour estivo che comprende cinque date da headliner (due in Italia) e una serie di festival in Europa. La prima calata capitolina degli Arkona vede i Blodiga Skald in veste di band d’apertura, un’accoppiata che, come vedremo, risulterà vincente.

Gli orchi romani, ovvero i Blodiga Skald, salgono sul palco belli carichi, pronti a portare un po’ di folle folk metal alla platea che già in buon numero staziona sotto al palco. Lo spettacolo è incentrato sulle canzoni del debutto Ruhn e non vengono proposti brani nuovi del disco attualmente in lavorazione. La scaletta, quindi, è quella classica con le varie I Don’t Understand, Epica Vendemmia e Blood And Feast a spiccare per intensità e coinvolgimento, tra gustosi siparietti e “balli di gruppo”. Il cantante Anton è grande protagonista, tra flauti, fischi e incitamenti al wall of death “altrimenti non iniziamo la canzone e non vedete gli Arkona”. Un concerto, quello dei Blodiga Skald, di qualità, un ottimo inizio in attesa degli Arkona.

Scaletta Blodiga Skald: 1. Epica Vendemmia – 2. Ruhn – 3. Blood And Feast – 4. Blue (Eiffel 65 cover) – 5. Laughing With The Sands – 6. I Don’t Understand – 7. Sadness – 8. Panapiir

La band di Masha e Lazar sale sul palco dopo un breve intro e in pochi istanti scatena tutta la furia a propria disposizione: la scaletta prevede diversi pezzi dell’ultimo disco Khram, come le massicce Shtorm e V Pogonie Za Beloj Ten’yu. La mattatrice della serata, quasi inutile dirlo, è l’incredibile cantante Masha “Scream”, vera forza della natura che sul palco non smette un istante di muoversi e incitare il pubblico; capace com’è di passare in una frazione di secondo dal pulito al growl più profondo, è uno spettacolo a sé da guardare. Ma gli Arkona, chiaramente, non sono solo Masha, tutti lavorano per il risultato canzone: Lazar alla chitarra macina riff senza tregua, il potente batterista Andrey Ischenko e lo storico Rusian “Kniaz” formano una solida sezione ritmica, con Vladimir “Wolf”, polistrumentista folk, che tra un flauto e una cornamusa trova il tempo di urlare al pubblico che felice risponde. Pubblico del Traffic Live che va in visibilio durante Goi, Rode, Goi – canzone amatissima, in concerto rende alla grande – e nelle conclusive Stenka Na Stenku e Yarilo, i brani più tipicamente folk metal del repertorio della band russa. La folla chiede a gran voce un altro pezzo, Masha sembra ben intenzionata, ma purtroppo il resto degli Arkona abbandonano il palco dopo quindici canzoni e oltre un’ora e mezza di spettacolo. Durante l’outro c’è tempo per regalare plettri, bacchette e scalette ai fan delle prime file.

Data la reazione e il calore del pubblico e i sorrisi sinceri dei musicisti, vien da pensare (e sperare) che molto probabilmente ci sarà modo di vedere nuovamente gli Arkona a Roma, magari per il tour del prossimo disco. Roma questa sera ha risposto presente.

Short Folk #3

Shot Folk, ovvero recensioni senza troppi giri di parole. Ben dodici dischi/EP/singoli raccontati in poche righe con la semplicità e la sincerità di Mister Folk. Piccole sorprese e piacevoli conferme dal mondo folk/viking, dritti al punto senza perdere tempo. Buona lettura e folk on!

Leggi Short Folk #1

Leggi Short Folk #2

Apocalypse – Si Vis Pacem, Para Bellum

2018 – full-length – autoprodotto

8 tks – 51 mins – VOTO: 6,5

Dal nord Italia arriva un nuovo progetto che tutto deve ai Bathory: sul sito della one-man band Apocalypse, infatti, si legge che l’intero lavoro è in onore di Quorthon. Effettivamente la musica (e non solo) ricalca fedelmente l’idea viking/black di Blood Fire Death, peccando però in suoni ed esperienza: tutte cose che con il tempo il giovanissimo Erymanthon potrà controllare meglio al fine di realizzare un lavoro maturo in grado di competere con i migliori seguaci dei Bathory periodo viking metal, ovvero Ereb Altor e Bloodshed Walhalla. Nel frattempo di nuovi sviluppi Si Vis Pacem, Para Bellum è un disco in grado di far stare bene tutti i nostalgici di Blood Fire Death.

Delirium – Urkraft

2019 – full-length – Black Sunset

8 tks – 36 mins – VOTO: 7

Pagan metal 100% teutonico: tanto dovrebbe bastare per inquadrare la direzione musicale dei Delirium, formazione in attività dal 2006 e autrice di due full-length e due EP. Il nuovo disco Urkraft arriva a ben cinque anni di distanza da Wolfshenker, ma sostanzialmente l’attitudine e la “durezza” delle composizioni è sempre la stessa. Breve e diretto, Urkraft è destinato a fare la gioia di chi segue con interesse le uscite discografiche della sempre fertile Germania e può essere un buon inizio per chi si vuole avvicinare a queste sonorità.

Draugûl – Plagueweaver

2019 – EP – Wolfmond Production

4 tks – 21 mins – VOTO: 7,5

Il nome tolkieniano Draugûdovrebbe essere più che noto agli amanti del viking black metal, essendo la one-man band autrice di quattro interessantissimi dischi tra il 2013 e il 2017, l’ultimo dei quali è Winterspell. Il polistrumentista Vargblod torna con un EP limitato a 100 copie contenente quattro brani di metal epico e oscuro, con riferimenti blackeggianti e riff che rimandano ai Bathory. Si tratta di un lavoro di transizione in attesa del quinto full-length, ma la qualità dei singoli pezzi è alta e il consiglio non più essere che quello di accaparrarsi una copia prima che finiscano.

Eldhrimnir – Deuses Alcoolicos Do Bar

2019 – full-length – autoprodotto

9 tks – 37 mins – VOTO: 7

Folk metal con tematiche alcooliche? Sicuramente non è il binomio più originale della nostra musica preferita, ma quel che conta è che Deuses Alcoolicos Do Bar sia un disco ben fatto: si ascolta tutto d’un fiato senza cali qualitativi, nove tracce di folk metal godereccio sulla scia dei Korpiklaani (soprattutto per quel che riguarda l’impatto del cantante), con alcune parti che rimandano al rock folk dei Flogging Molly e altre dove viene messa maggiormente in mostra la voce propria del gruppo. Un buon inizio, non c’è che dire.

Garmskrik – Великанская Зима

2018 – full-length – SoundAge Productions

7 tks – 41 mins – VOTO: 7,5

Dopo anni di gavetta, EP e demo, è arrivato il momento per i russi Garmskrik di pubblicare il full-length di debutto nell’ultimo giorno del 2018. L’esperienza delle precedenti release ha sicuramente pesato sul risultato finale di Великанская Зима, lavoro maturo e personale, privo di cali d’ispirazione e che presenta una registrazione di grande qualità. Il pagan black metal della band di Arkhangelsk risente delle (giuste) influenze di Khors e – in minor parte – Nokturnal Mortum, portando avanti comunque un discorso musicale proprio, ricco di fulminanti accelerazioni di doppia cassa e brevi ed inaspettati stacchi acustici. Nulla di nuovo, insomma, ma fatto veramente bene: consigliati!

Hands As Wings – Man Must Fall

2018 – EP – autoprodotto

4 tks – 22 mins – VOTO: 7

La Grecia, terra stranamente poco vicina al folk metal, è la patria degli Hands As Wings, qui alla prima pubblicazione con l’EP Man Must Fall. Il folk metal del power duo composto da Ursus Demens (voce e basso) e Meesigma (batteria e chitarra) è incentrato sui tempi medi, inni di potenza, voce pulita ed epicità, con la conclusiva Dreams Down Deep più cupa e doomish, con tanto di scream vocals in alcuni passaggi particolarmente significativi. Man Must Fall (bella la copertina!) è un inizio incoraggiante, ma per il full-length all’altezza serve maggiore varietà.

Heather Wasteland – The Sverd

2019 – single – autoprodotto

4 tks – 20 mins – VOTO: 6,5

Abbiamo già incontrato gli Heather Wasteland in occasione del loro EP di debutto Under The Red Wolfish Moon, un lavoro stravagante (tre bassi in formazione, nessun cantante) diverso da questo maxi singolo The Sverd, nel quale la principale novità è la presenza della voce. Le tracce del disco sono quattro, ma la canzone è una sola: versione “normale”, celtica, in russo e strumentale in pre-produzione. Si tratta quindi della classica uscita per mostrare i piccoli ma significati cambiamenti, in attesa di un prodotto più corposo.

Holy Blood – Voice Of Blood

2019 – full-length – Vision Of God Records

8 tks – 39 mins – VOTO: 6,5

Due anni dopo l’EP Glory To The Heroes e ben cinque da День Отмщения, i paladini del death/folk cristiano tornano con un disco breve e brutale nel quale la componente folk è quasi nulla, sostituita da un impianto chitarristico vicino al melodic death metal più robusto di scuola svedese. Le sette tracce (più un breve intro) sono discrete e niente più e l’ascolto scorre senza particolari scossoni, sia positivi che negativi. Forse è ingiusto da dire, ma senza la componente cristiana che porta curiosità, qualcuno parlerebbe di questo disco degli Holy Blood?

Norvhar – Kauna

2019 – full-length – autoprodotto

7tks – 39 mins – VOTO: 6,5

Questo è un EP fatto veramente bene, dove l’intro ha addirittura un senso e le canzoni sono tutte accattivanti e stilisticamente diverse tra loro. Il problema, l’unico ma piuttosto ingombrante, è che Kauna sembra esser fatto di outtake di Victory Songs degli Ensiferum. Tolta lo voce di Matt che è più cavernosa di quella di Petri Lindroos, il resto segue con religiosa fede quanto realizzato da Markus Toivonen e soci nel 2007. Di sicuro Kauna (del mastering se n’è occupato un guru come Mika Jussila, già con Children Of Bodom, Finntroll e Amorphis tra gli altri) è un buon punto di partenza per una carriera promettente, basta proseguire con maggiore personalità.

Oakenshield – Lyke Wake Dirge

2018 – EP – autoprodotto

3 tks – 14 mins – VOTO: 8

Il progetto di Ben Corkhill torna a farsi sentire a 6 anni di distanza dall’ottimo Legacy, lavoro che nel 2012 ha certificato la bontà musicale della one man band inglese. L’EP Lyke Wake Dirge è composto da sole tre canzoni risalenti al periodo Gylfaginning che però non hanno trovato spazio nella release di debutto. Come al solito si tratta di folk/viking metal di grande qualità, suonato con forte personalità e gusto; ciliegina sulla torta è la riuscita cover dei Bathory Man Of Iron. Questa release unicamente digitale ha visto la luce per far tornare la gente a parlare degli Oakenshield dopo il cambiamento da progetto personale di Corkhill a band vera e propria con tanto di musicisti per i live: non resta che aspettare il prossimo full-length, sperando di non dover aspettare altri 6 anni per ascoltare nuova musica.

Vanvidd – Fødsel

EP – 2019 – autoprodotto

3 tks – 17 mins – VOTO: 7

Un pensiero blasfemo, ma che mi è balenato più volte nel cervello: come suonerebbero i Dissection con una forte componente folk? La risposta sembra provenire da Fødsel, secondo lavoro dei Vanvidd, band del sud Norvegia. Il folk black metal dei gruppo è tagliente e sporco di terra, dannato dalla natura, ma che alla natura deve tutto. Tre brani di emozionante folk black dalle chitarre melodiche, con lo scream di Mathias Dahlsveen incredibilmente somigliante a quello mai dimenticato di Jon Nödtveidt, Dopo il disco d’esordio self-titled (2016), questo Fødsel conferma la bravura del gruppo: è ora che qualche etichetta si accorga di loro.

wulafiR – I

2019 – EP – autoprodotto

4 tks – 25 mins – VOTO: 7,5

Solo project di Grimlach, chitarrista di Eldkraft e Diabolical. Pagan black metal di matrice svedese, dove tutto è cupo, a partire dalla copertina e, soprattutto, lo è l’aspetto musicale. La produzione volutamente sporca aiuta tantissimo e consente all’ascoltatore di entrare nel mood del disco. Non mancano strumenti folk e ripartenze vigorose subito dopo break acustici. Quello che sorprende, oltre alla voce rude ma pulita, però, è il lavoro della chitarra, tutt’altro che scontato: ai classici riff “blackeggianti” si alternano parti più articolate che impreziosiscono l’intero lavoro, un risultato che per attitudine può ricordare i Borknagar con “più chitarre”. è un ottimo EP, l’attesa e la curiosità per il disco, a questo punto, è più che legittima.

Scuorn e Dyrnwyn live a Roma: il fotoracconto

Questo doveva essere il live report del release party di Far, nuovo e bellissimo disco degli Stormlord uscito pochi giorni fa per Scarlet Records. Motivi di salute, purtroppo, non mi hanno permesso di assistere allo show della band romana al Traffic Club, ma sono comunque riuscito a godermi lo spettacolo di Scuorn e Dyrnwyn (e di fare delle interessanti interviste nel tardo pomeriggio, prossimamente online su queste pagine), ovvero le band di apertura della ghiotta serata del 24 maggio – giorno di pubblicazione di Far – all’insegna dell’ottimo extreme metal tricolore.

La serata inizia alle 21.30 circa, quando sul palco salgono i Dyrnwyn, gruppo pagan folk metal che ad ogni pubblicazione ha fatto un passo in avanti per composizione e personalità. Il nuovo disco Sic Transit Gloria Mundi (SoungAge Productions, con Riccardo Studer, tastierista degli Stormlord, a curarne la produzione) è saccheggiato più volte e le canzoni permettono al nuovo frontman Thierry Vaccher di mostrare tutte le proprie doti vocali, un ottimo cantante che si è subito amalgamato con la musica bellicosa proposta dalla band. Lo show dei sei legionari è stato preciso e potente, con suoni all’altezza e assolutamente piacevole da vedere.

Scaletta Dyrnwyn: 1. Sic Transit Gloria Mundi – 2. Cerus – 3. Parati Ad Impetum – 4. Il Sangue Dei Vinti – 5. Feralia – 6. Assedio Di Veio

I partenopei Scuorn sono apparsi dal nulla nel 2017, pubblicando un debutto stellare dal titolo Parthenope e suscitando forte curiosità per via delle liriche e dell’etichetta “black metal napoletano”. Il progetto del mastermind Giulian ha rappresentato un terremoto per il metal estremo italiano e non solo, mietendo top album e riconoscimenti praticamente ovunque. Con una formazione per i concerti composta da musicisti talentuosi della zona campana, Scuorn live è una macchina da guerra con la preziosa aggiunta dell’allestimento del palco dal forte impatto. Ma è chiaramente la musica a parlare e la potente Fra Ciel’ E Terr’ da il via a uno show a dir poco intenso, con Giulian che gesticola e si dimena sul palco coinvolgendo il pubblico presente, stupendo soprattutto quelle persone che non conoscevano il gruppo e non sapevano cosa aspettarsi dal “black metal napoletano”: se triccheballacche cercavano, triccheballacche hanno trovato, insieme a tanto ottimo black metal fortemente personale. Da (ri)vedere assolutamente la prossima volta che si esibiranno in zona.

Scaletta Scuorn: 1. Cenner’ E Fummo – 2. Fra Ciel’ E Terr’ – 3. Sepeithos – 4. Tarantella Nera – 5. Virgilio Mago – 6. Averno – 7. Sibilla Cumana – 8. Sanghe Amaro – 9. Megaride

Purtroppo la salute non mi ha permesso di assistere al concerto degli headliner Stormlord, con il pubblico ormai caldo e in attesa del ritorno della storica epic black metal band romana. Ma non disperate, a breve sarà pubblicata la chiacchierata avuta con i membri del gruppo. 🙂

Kampfar – Ofidians Manifest

Kampfar – Ofidians Manifest

2019 – full-length – Indie Recordings

VOTO: 8,5 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Dolk: voce – Ole Hartvigsen: chitarra – Jon Bakker: basso – Ask Ty: batteria

Tracklist: 1. Syndefall – 2. Ophidian – 3. Dominans – 4. Natt – 5. Eremitt – 6. Skamløs! – 7. Det Sorte

Una storia che va avanti da ben venticinque anni. Venticinque anni che in questo periodo “moderno” e tecnologico sembrano essere almeno il doppio. Quando i Kampfar si formarono nel lontano 1994, difficilmente avrebbero anche solo sperato di essere un quarto di secolo più tardi ancora in giro per il mondo a portare la propria musica sui palcoscenici più importanti dei festival e nei locali che hanno fatto la storia dell’heavy metal. Ma i Kampfar, in realtà, non solo continuano a pubblicare dischi di grande bellezza, ma sembrano aver intrapreso una via ben precisa che unisce la staticità stilistica di chi ha trovato la propria dimensione e la necessità di apportare ad ogni lavoro delle piccole novità per poter continuare a suonare grande musica. Il nuovo Ofidians Manifest, ottavo sigillo della splendida carriera di Dolk e soci, arriva a tre anni e mezzo dell’ispirato Profan e, come detto poche righe fa, non si discosta poi molto dal predecessore, pur presentando qualcosa di fresco e inedito (o quasi) all’interno delle canzoni. Probabilmente la carriera dei Kampfar si può dividere in due parti, ovvero prima e dopo Mare, lavoro del 2011 che ha fatto da spartiacque tra il vecchio pagan black e quello “nuovo”. Molto si deve alla produzione più pulita e “orecchiabile”, ma è anche vero che qualcosa è cambiato nella fase compositiva dei brani (per forza, verrebbe da dire: è cambiato il chitarrista con l’ingresso di Ole Hartvigsen al posto di Thomas Andreassen), con una maggiore attenzione verso il “classico” ritornello e la ricerca della melodia che prima non era così intensa.

Sette canzoni per quaranta minuti di musica: breve e diretto, senza riempitivi o cali di qualità, Ofidians Manifest è un signor album che prosegue il discorso stilistico dei precedenti lavori senza per questo risultare “già sentito” o scontato. L’opener Syndefall macina riff senza tregua, con l’interpretazione stellare di Dolk che rappresenta la classica marcia in più. Il biondo cantante ha smesso di stupire ormai da tempo in quanto le sue vocals sono sempre state eccellenti, piuttosto quel che sorprende è la ancora più intensa capacità di essere un tutt’uno con la musica, una creatura notturna spaventosa e arcana che vaga nella foresta più fitta. Ophidian è una delle canzoni più belle del lotto, tra strofe sporche di terra e fango e l’inaspettato ritornello con voce pulita che spezza la furia dei Kampfar: pura classe cristallina. La voce di Agnete Kjølsrud, già in studio con Dimmu Borgir e Solefald, introduce la terza traccia Dominans, per struttura diversa dal classico stile della band norvegese, ricca com’è di parti ariose – pur sporcate da suoni quasi noise –, momenti di solo basso e riprese elettriche che non portano alle tipiche e attese sfuriate black metal. Velocità che torna parzialmente con Natt, canzone che non disdegna rallentamenti e mostra l’ottima chimica tra il basso di Jon Bakker e la batteria di Ask Ty. La bella Eremitt gioca sull’atmosfera, un mid-tempo accattivante con brevi istanti di pianoforte (che proseguono anche in sottofondo nella successiva accelerazione) e una potenza incredibile quando la band decide di suonare pesante e aggressivo. L’inizio old school di Skamlømette subito in chiaro come suonerà la canzone: i “vecchi” Kampfar, quelli più diretti e grezzi, ma sempre incredibilmente efficaci, si riaffacciano nel 2019 per portare a scuola la maggior parte dei gruppi che si sono recentemente incamminati su questo percorso musicale. Ragazzi, i professori son qui per spiegarvi come si suona pagan black metal! Gli otto minuti e mezzo di Det Sorte, ultima e più lunga traccia del disco, sono introdotti da un bell’arpeggio di chitarra acustica, un cappello quasi elegante in forte contrasto con il tipico brano dei Kampfar, un massiccio crescendo che porta allo stacco di pianoforte (strumento che se utilizzato in particolari casi come questo diventa preziosissimo) a metà canzone prima di avviarsi verso un finale ispirato e concreto.

Influenzato dalle foreste e le montagne che circondano la base dei Kampfar, Hemsedal, così come dai colori che la natura cambia a seconda delle stagioni, Ofidians Manifest è l’ennesimo centro di un gruppo che non ha mai sbagliato un colpo, una sicurezza in studio quanto in concerto, capace come pochi di riproporre la furia del disco sul palco. Otto dischi in venticinque anni e mai una volta a quota cinquanta minuti: i Kampfar hanno sempre preferito la sostanza e la qualità alla quantità.