Amon Amarth – Berserker

Amon Amarth – Berserker

2019 – full-length – Metal Blade Records

VOTO: 6,5 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Johan Hegg: voce – Olavi Mikkonen: chitarra – Johan Söderberg: chitarra – Ted Lundstrom: basso – Jocke Wallgren: batteria

Tracklist: 1. Fafner’s Gold – 2. Crack The Sky – 3. Mjölner, Hammer Of Thor – 4. Shield Wall – 5. Valkyria – 6. Raven’s Flight – 7. Ironside – 8. The Berserker At Stamford Bridge – 9. When Once Again We Can Set Our Sails – 10. Skoll And Hati – 11. Wings Of Eagles – 12. Into The Dark

Quando si parla degli Amon Amarth si ha a che fare con la storia e i sentimenti, almeno per quel che mi riguarda. Era il lontano 1998 e un giovane appassionato di musica pesante scopre su Metal Shock, rivista cartacea all’epoca molto importante, un disco che gli cambierà la vita. In realtà si innamora della copertina, così prepotente e misteriosa, e di quello che, secondo il recensore, conteneva l’album: death metal con testi legati ai vichinghi. Quel disco è Once Sent From The Golden Hall, debutto degli Amon Amarth. La band svedese è quindi responsabile dell’avvicinamento al mondo scandinavo e vichingo del vostro Mister Folk, mica un merito da poco! Ma è anche vero che da quello strepitoso debutto sono passati ben ventuno anni e Johan Hegg e soci, da band che si esibiva in apertura a un tour che toccava l’Italia nello storico e indimenticato Babylonia di Biella, sono arrivati a calcare i maggiori festival europei come headliner in un’ascesa che forse nemmeno il più ottimista dei critici musicali avrebbe potuto immaginare.

L’undicesimo lavoro in studio della formazione svedese è senza ombra di dubbio il punto più basso nella carriera dei cinque vichinghi. Berserker è un album stanco, poco ispirato, pieno di filler (canzoni riempitive) e con pochi, pochissimi spunti vincenti. Eppure non è un disco brutto, né particolarmente noioso, ma ci vuol poco a paragonare i picchi della “seconda fase” degli Amon Amarth, ovvero Twilight Of The Thuner God e With Oden On Our Side, a Berseker e rendersi conto della pochezza di questa release. Tra riff scontati, canzoni prive di mordente e una pulizia del suono che quasi riesce a dar fastidio (!?), Berserker non è  comunque un brutto disco. Mikkonen e Söderberg sono troppo esperti per non tirar fuori dal cilindro quella manciata di brani che tra uno sbadiglio e l’altro ti entrano dentro fin dal primo ascolto e si viene assaliti dalla voglia di fare headbanging per tutto il tempo.

L’opener Fafner’s Gold è l’emblema di quello che è Berserker: prevedibile, ruffiano, tutto sommato godibile ma presto dimenticabile. Shield Wall ha una verve minacciosa e oscura che piace, così come il basso solitario (e lavoro di chitarra che segue) di Valkyria e non è male nemmeno il “lento” The Berserker At Stamford Bridge. Se c’è una canzone davvero ben fatta, quella è Ironside: quattro minuti e mezzo di death metal carico d’energia, ritmiche potenti e un break che ha motivo di esistere: un ascolto che fa male al cuore perché vuol dire che gli Amon Amarth, se solo lo vogliono, riescono ancora a spaccare i culi alla gente.

Berserker è troppo lungo (cinquantasette minuti) per quel che ha da dire, con tutte le caratteristiche che già sono state menzionate che non fanno bene all’ascolto, dall’inizio alla fine a dir poco prevedibile. Nonostante ciò in alcuni passaggi è anche piacevole, ma da un gruppo come gli Amon Amarth questo è davvero troppo poco. Senza scomodare pesanti paragoni, anche il discreto Surtur Rising vicino a Berserker fa un figurone. Che la band capitanata dal gigantesco Hegg abbia realmente finito la benzina? Continueranno gli Amon Amarth a proporre dischi mosci come questo, o c’è ancora speranza?