Stilema – Ithaka

Stilema – Ithaka

2017 – EP – autoprodotto

VOTO: 7 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Gianni Izzo: voce, chitarra acustica – Federico Mari: chitarra – Francesco Pastore: basso, tastiera – Domenico Pastore: batteria – Alessia Oliva: flauto – Fulvia Farcomeni: violino

Tracklist: 1. Ithaka – 
2. Sole D’inverno – 3. Girone Dei Vinti

Gli Stilema sono una realtà laziale in attività da qualche anno che ha pubblicato un paio di lavori prima di prendersi una pausa. Tuttavia la band è tornata nel 2015 con line-up e sonorità rinnovate: dalla musica acustica degli inizi a una sorta di folk metal molto delicato e raffinato dell’EP Ithaka di recente pubblicazione. La band di Gianni Izzo, difatti, ha col tempo indurito la propria musica inserendo le chitarre elettriche pur non perdendo i riferimenti folk/etnici che li caratterizzavano a inizio carriera.

L’EP in oggetto è un tre pezzi cantato in italiano molto asciutto e diretto, indicatore delle capacità dei musicisti e della nuova direzione musicale intrapresa. L’iniziale Ithaka è una composizione ispirata all’omonima poesia del greco Konstantinos Kavifis, brevemente citata in lingua originale: ritmata e delicata, con sfumature progressive che non disprezza momenti più duri, è forse la canzone migliore del lotto. La successiva Sole D’inverno vede nella coppia bridge-ritornello il pezzo forte, merito soprattutto delle ottime linee vocali di Izzo, mattatore del disco grazie a una voce sicura e a trovate mai scontate. Terzo e ultimo brano è Girone Dei Vinti, nel quale spiccano il violino di Fulvia Farcomeni e il flauto di Alessia Oliva in un contesto quasi cantautorale.

Nei quattordici minuti di durata del dischetto tutto gira bene. La produzione è abbastanza pulita e permette di ascoltare tutte le sfumature del sound dei sei musicisti, compatti e precisi. Sono numerosi i fraseggi di qualità e le melodie vincenti all’interno dei tre pezzi e anche la copertina dal forte impatto visivo non stona nell’insieme.

Tre brani sono oggettivamente pochi per giudicare una band, ma l’operato dei laziali, in questo EP, è davvero valido. Folk metal “adulto” che potrà piacere soprattutto alle persone che preferiscono i riff heavy e la voce pulita alle influenze estreme. Ithaka è un bel biglietto da visita, aspettiamo con fiducia i prossimi passi degli Stilema, una “nuova” realtà più che valida.

Annunci