Storm – Nordavind

Storm – Nordavind

1995– full-length – Moonfog Productions

VOTO: CAPOLAVORO – recensore: Mr. Folk

Formazione: Herr Nagell: voce, batteria – S. Wongraven: voce, chitarra, basso, tastiera – Kari Rueslåtten: voce

Tracklist: 1. Innferd – 2. Mellom Bakkar Og Berg – 3. Haavard Hedde – 4. Villemann – 5. Nagellstev – 6. Oppi Fjellet – 7. Langt Borti Lia – 8. Lokk – 9. Noregsgard – 10- Utferd

Senza giri di parole: Nordavind degli Storm è un capolavoro. Uno dei primi, se non il primo lavoro folk metal che può essere etichettato in questa maniera con tutti i meriti del caso (la questione è interessante quanto “complicata”, si parla di mesi/settimane di distanza tra i dischi pubblicati in quel periodo per stabilirlo): basterebbe dire che l’ondata folk metal di fine anni ‘90/inizio ‘00 sarebbe stata ben diversa da quella che conosciamo. Moonsorrow, Ensiferum ed Eluveitie esisterebbero se non ci fosse stato un Nordavind ad aprire la strada? Non che i gruppi prima citati abbiano mai risentito dell’influenza degli Storm, ma se a Fenriz e Satyr, qui conosciuti rispettivamente come Herr Nagell e S. Wongraven, va riconosciuto qualcosa, beh, questo è proprio quello di aver dato il via a tutto quello che oggi si chiama folk metal. Poco importa se Fenriz abbia iniziato l’intervista poi pubblicata sul mio libro Folk Metal. Dalle Origini Al Ragnarök con un crudo “mi dispiace, ma odio il folk metal”: sono parole al vento, per quanto sia incredibile che proprio lui se ne esca con una frase del genere. E allora viene da chiedersi cosa realmente sia Nordavind: un urlo d’amore nei confronti della Norvegia? Sì. Una dichiarazione indiretta di bravura e capacità di cambiare pelle dei musicisti? Sicuramente. Un brutto errore del passato del quale si preferisce non parlare? Assolutamente no, eppure è quello che puntualmente viene messo in pratica dai tre musicisti, in particolare la cantante Kari Rueslåtten non ha buoni ricordi di quel periodo e sistematicamente evita domande e curiosità relative a Nordavind.

Cosa rende il primo e unico lavoro degli Storm un capolavoro? Un insieme di fattori, primo tra tutti quello di aver realmente indicato la strada alle future band folk metal sul cosa vuol dire unire musica heavy metal e melodie e testi dall’impronta folkloristica: prima di loro (febbraio 1995) mai nessuno era riuscito a farlo con la continuità di Nordavind. Ci avevano provato gli Skyclad con una manciata di (ottime) canzoni nei primi dischi, senza però prendere in maniera definitiva la via del folk metal prima di Irrational Anthems del 1996. In Irlanda i Cruachan pubblicheranno il grezzo quanto fondamentale debutto Thuata Na Gael circa due mesi più tardi rispetto a Nordavind (“vento del nord”), lasciando a quest’ultimo la palma di primo lavoro folk metal. Ma questo è solo un aspetto statistico, quello che realmente conta è la bontà del prodotto, la qualità delle canzoni destinate a rimanere nella storia del genere, via da seguire da chiunque abbia un minimo di umiltà per ascoltare e capire quanto il cuore sia importante per la riuscita di un disco. Herr Nagell e S. Wongraven il cuore ce lo hanno messo di sicuro, arrivando a un livello di amore verso la Norvegia che sfiora il nazionalismo, un amore romantico quanto viscerale che si può capire anche guardando il booklet del cd, una grafica tanto semplice quanto diretta: le foto dei musicisti avvolti dalla natura sono, quella di S. Wongraven anche sfocata. Poche le scritte, oltre ai soliti crediti, ma una frase spiega alla perfezione la nascita di Nordavind: “Storm was created by S. Wongraven because of his love for Norway and a hunger for playing folksongs from his own shores”… non serve aggiungere altro.

L’intro Innferd ci conduce in un mondo freddo e isolato, il buio prima della luce. La luce è l’anthemica Mellom Bakkar Og Berg, probabilmente la canzone più rappresentativa di Nordavind. In appena due minuti gli Storm confezionano una canzone simbolo non solo del disco, ma dell’intero genere (riproposta in seguito con buoni risultati anche dai Glittertind nell’omonimo demo del 2002): chitarre graffianti quanto lineari fanno da base a un’interpretazione da brividi, arricchita dai soavi vocalizzi della Rueslåtten. Il minimalismo di Haavard Hedde, veramente quattro riff quattro, basta per emozionare l’ascoltatore e a delineare una volta di più le coordinate musicali del progetto Storm, che con Villemann giunge picchi inimmaginabili in appena centocinquanta secondi. Chitarre doom e voce sempre più fiera fanno di questo brano un piccolo capolavoro di semplicità ed epicità. Nagellstev, una delle due canzoni originali e che sfoggia lo stesso testo di Capitel II: Soelen Gaaer Bag Aase Need del meraviglioso Bergtatt dei lupi Ulver, è un intermezzo voce-percussioni dal forte sapore isengardiano (progetto solista black/folk di Fenriz tra il 1989 e il 1995) che porta direttamente a Oppi Fjellet, una composizione più elaborata delle altre che ripete le parole oppi fjellet (“sulla montagna”) talmente tante volte da farle diventare quasi un mantra. Nella seconda parte della canzone, inoltre, è presente una bella accelerazione che porta freschezza e vitalità quando il brano rischiava di diventare fin troppo ripetitivo. L’angelica voce di Kari Rueslåtten è la protagonista dei sette minuti di Langt Borti Lia, canzone che non disdegna lunghe parti strumentali e che vede, chiaramente, come punto forte la presenza dell’ex cantante dei The 3rd And The Mortal, qui libera di esprimersi al proprio meglio. La rossa cantante è presente anche nella breve Lokk, intermezzo vocale che porta a Noregsgard, l’altro pezzo del disco che non è un brano tradizionale ri-arrangiato dagli Storm. Ritmi lenti come il passare delle stagioni, melodie arcaiche e un testo rurale fanno di Noregsgard un meraviglioso modo di concludere un album breve ma incredibilmente intenso.

Ein dugal kar fra garden dro
Han fulgte furuas sus
Opp gjennom åsen gråstein han bar
Staut hans gange var

(tr.: Un ragazzo gagliardo partì dalla sua fattoria – seguì i pini e la brezza – su attraverso le colline, rocce e terre selvagge – fiero era il suo passo)

Su questa canzone c’è da fare chiarezza: chitarre e linee vocali sono le stesse di Quintessence, brano dei Darkthrone che fa parte dell’album Panzerfaust, pubblicato da Moonfog nel giugno 1995. La versione degli Storm, seppure uscita una manciata di mesi prima, è una rilettura in lingua norvegese (e decisamente più aggraziata) di quanto fatto da Fenriz nella sua band madre. L’outro Utferd porta a conclusione un album di altissima qualità, purtroppo breve nella durata ma ricco di emozioni.

In un lavoro come questo conta poco o nulla lo studio di registrazione, chi ha curato il mastering o le altre cose “tecniche”: Nordavind è un disco di cuore, nel quale l’amore per la Norvegia e il suo affascinante e per certi versi oscuro folklore sono portati all’estremo. Basti aggiungere che nel retro cd, il cosiddetto inlay, è riportata ben visibile la scritta NORSK NASJONALROMANTISK MUSIKK (sì, in maiuscolo) che non necessita di traduzione per essere compresa.

Nordavind poteva essere l’inizio di un qualcosa di molto grande e importante nella scena scandinava ed europea, invece fu un fuoco di paglia, in grado di ardere brevemente prima di scomparire per sempre. Gli Storm non furono mai un vero gruppo, Kari Rueslåtten abbandonò la nave prima ancora che il disco fosse sugli scaffali dei negozi a causa di alcuni testi modificati a sua insaputa dalla coppia Herr Nagell/S. Wongraven dopo che la cantante aveva già inciso le sue parti: la Rueslåtten temeva di infangare il proprio nome a causa del nazionalismo ostentato e dai testi crudi e diretti che attaccavano senza mezze misure il cristianesimo. Herr Nagell non definisce quello degli Storm uno split, ma semplicemente un allontanarsi dei musicisti una volta che il progetto è arrivato a conclusione, ma è chiaro che le divergenze tra i musicisti e le feroci critiche ricevute dalla stampa norvegese a causa dell’impronta nazionalistica di Nordavind abbiano messo definitivamente la pietra tombale sugli Storm.

Dell’incredibile trio norvegese ci rimane solo Nordavind e le tre canzoni presenti sulla compilation della Moonfog dal titolo Crusade From The North (1996), ovvero la splendida e inedita Oppunder Skrent Of Villmark, nella quale è ripresa la melodia principale del brano Solveig’s Song dell’importante compositore/pianista norvegese Edvard Grieg, la versione grezza di Mellom Bakkar Og Berg incisa durante la prima prova degli Storm e Oppi Fjellet con dei suoni diversi da quelli definitivi.

La splendida copertina di Nordavind ci accoglie con lo stesso ghigno della foresta che sa bene quale fine far fare all’imprudente solitario che si avventura al suo interno: la luce della luna illumina i picchi delle montagne e il sentiero che conduce all’interno della foresta. Siete pronti a percorrere la strada pur sapendo che non tornerete indietro?

Annunci