Free download parte IV

Bentornati sulle pagine di Mister Folk! Siamo già arrivati al quarto articolo della serie “Free download“, ovvero i collegamenti gratuiti e legali che le band stesse mettono a disposizione per far scaricare i propri dischi ed EP al fine di farsi conoscere dal grande pubblico. I precedenti articoli li trovate qui: I, II e III. Buon ascolto!

ALDEGAR

Aldegar, ovvero puro underground americano. Nati sul finire del 2010, nessuno li ha ascoltati prima degli ultimi giorni di gennaio ’13, quando hanno messo online il demo di sette (brevi) pezzi. Da scaricare tramite Bandpage.

EQUINOX

Degli Equinox, formazione con ex membri dei Beer Bear, ne abbiamo già parlato molto: sulle pagine di Mister Folk potete leggere sia la recensione che l’intervista. QUI, invece, il download delle due tracce.

MILETH

Gli spagnoli Mileth mettono a disposizione il singolo .​.​.​e na Novena Onda caeron os Deuses, ben 9 minuti di canzone! Cliccare QUI per aprire la pagina Bandcamp del gruppo e scaricare!

GRIMTOTEM

Gruppo pagan metal guidato dalla frontwoman Carolina Rebolledo. Dice la band: “this demo was recorded with the intention to spread something about our Chilean ancestors. Pure respect and pride!” Lo potete scaricare QUI.

THRYM

One man band di Henrik Witoslaw in attività dal 2013 e che a febbraio di quest’anno ha pubblicato un EP di 5 pezzi di viking metal. QUI per scaricare.

FENRIS

Giovani e agguerriti gli statunitensi Fenris, autori del full length di debutto Across The Darkened Skies (con cover finale dei Blind Guardian). Disco scaricabile attraverso la loro pagina Bandcamp.

NORTHSONG

Seconda apparizione negli articoli Free Download per gli americani Northsong, questa volta potete scaricare l’EP di sei brani (con cover dei Windrider) Winter’s Dominion. Il link lo trovate QUI.

ENVIKTAS

Dall’Australia arriva l’EP self titled di debutto di questo gruppo folk metal dal sound originale. Lo potete scaricare QUI.

HEID

Pagan metal dalla Spagna per gli Heid. Disponibile tramite Bandcamp il demo self titled del 2013 composto da tre canzoni, mentre il nuovissimo EP Voces De La Tierra Dormida (marzo ’14) lo potete trovare cliccando QUI.

Equinox – Beyond

Equinox – Beyond

2014 – EP – autoprodotto

VOTO: SV – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Alla Ravna: voce – Ivan Dzyubinskiy: chitarra – Kirill Nikeev – basso, voce, tastiera – Kirill Kasatkin: batteria

Tracklist: 1. Beyond The Invisible Line (Beer Bear cover) – 2. Дивный Новый Мир

equinox-beyond

Gli Equinox sono una nuova formazione russa che si affaccia sulla scena, ma i musicisti che ne fanno parte non sono del tutto sconosciuti agli appassionati di folk metal. Difatti nella line-up troviamo Kirill Nikeev e Kirill Kasatkin, ex membri dei Beer Bear, band folk metal che negli scorsi hanno ha pubblicato un paio di dischi simpatici e ben fatti (Мёд/Honey nel 2010 e nel За Незримой Чертой/Beyond The Invisible Line nel 2012). A questo punto è doveroso un piccolo chiarimento: gli Equinox non sono i Beer Bear con un nuovo nome, ma un gruppo nato dopo che i Beer Bear si sono sciolti. Il genere proposto dal gruppo di Mosca è, parole loro, dark folk metal, ma questo EP non aiuta molto a capire quale sound avrà il disco che verrà pubblicato in futuro in quanto le due tracce sono cover.

Beyond The Invisible Line è la nuova versione del brano contenuto sul secondo full-length dei Beer Bear (in un certo senso…un’auto-cover!): il nuovo look non è molto differente da quello targato 2012, giusto un poco meno grintoso e con la presenza della voce di Alla Ravna, la quale dona al bel chorus un qualcosa di più melodico e accattivante. Segue Дивный Новый Мир (Brave New World), title track del disco che vide nel 2000 il ritorno di Bruce Dickinson al microfono. Il cantato è in russo e molto interessante la presenza del quartetto d’archi che rende la canzone elegante senza far perdere il classico sound della vergine di ferro.

Un EP, dunque, utile più a far circolare il nome e a “testare” i nuovo musicisti che a dare un’indicazione concreta sulla via musicale degli Equinox. Detto questo, le due canzoni sono sicuramente piacevoli da ascoltare e non possiamo far altro che aspettare le prossime mosse della band.