Amon Amarth – The Crusher

Amon Amarth – The Crusher

2001 – full-length – Metal Blade Records

VOTO: 8,5 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Johan Hegg: voce – Olavi Mikkonen: chitarra – Johan Söderberg: chitarra – Ted Lundström: basso – Fredrik Andersson: batteria 

Tracklist: 1. Bastards Of A Lying Breed – 2. Masters Of War – 3. The Sound Of Eight Hooves – 4. Risen From The Sea (2000) – 5. As Long As The Raven Flies – 6. A Fury Divine – 7. Annihilation Of Hammerfest – 8. The Fall Through Ginnungagap – 9. Releasing Surtur’s Fire – 10. Eyes Of Horror (Possessed cover, bonus track)
amon_amarth-the_crusher

Gli Amon Amarth tornano sul mercato dopo quasi due anni dal precedente album The Avenger, e lo fanno con un disco che in parte prende le distanze da cosa prodotto nei primi due capitoli della loro discografia. Se per Once Sent From The Golden Hall e The Avenger si poteva infatti parlare di viking metal, a mio parere sempre con molta generosità, con The Crusher i cinque musicisti di Stoccolma iniziano un percorso di melodicizzazione del sound, apportando alla loro musica riff e melodie più vicini stilisticamente al death metal che non al viking. La questione “genere musicale” ha sempre diviso e creato confusione, ma credo che conti ben poco quando si ha a che fare con un disco di questa imponenza.

Registrato nel novembre 2000 presso i gloriosi Abyss Studios, mixato da Peter Tägtren e prodotto dalla band stessa, The Crusher rivela un nuovo modo di suonare per i vichinghi svedesi, più brutale e meno sporco rispetto al recente passato, più “ricercato” ma al contempo maggiormente diretto. In realtà il terzo capitolo della saga Amon Amarth suona maledettamente personale, la naturale evoluzione di un sound di battaglia, fiero e prorompente.

Bastards Of A Lying Breed squarcia in due l’aria grazie al suono delle chitarre, affilate e graffianti come non mai: la batteria di Fredrik Andersson martella le carni, mentre i riff di Olavi Mikkonen e Johan Söderberg fanno a brandelli quel poco che di intatto rimane a terra, il tutto sotto lo scontroso growl del berserker Johan Hegg. Nel caos della composizione si nota però un certa ricerca della melodia, in una chiave sconosciuta nei precedenti dischi. Lo stacco melodico verso il finale della canzone ne è la prova, anche se ben presto la doppia cassa e l’armonizzazione di chitarra lasciano l’ascoltatore dinanzi uno scenario desolato, un quadro di morte e dolore di un campo di battaglia. Masters Of War è un inno all’odio, al disprezzo verso il cristianesimo. L’anticristianesimo è un tema spesso trattato dagli Amon Amarth, ma mai così forte e diretto come in questo album:

Masters Of War, torment every soul
Rape every whore that carries the cross

Le chitarre producono riff di qualità, mentre la sezione ritmica prende possesso del palcoscenico, riuscendo a rendere particolarmente ritmata una canzone che altrimenti avrebbe rischiato – testo a parte – di rimanere nell’ombra. La seguente The Sound Of Eight Hooves è probabilmente il brano che sintetizza al meglio il sound del gruppo che si fregia della versione in Sindarin (lingua della stirpe elfica dei Sindar) del tolkieniano Monte Fato. Alla matrice viking delle chitarre si contrappongono i ritmi dettati dalla belva umana che siede dietro al drum kit, maggiormente orientati verso lidi svedesi primi anni ’90. La bravura del gruppo è nel saper amalgamare le due cose, creando un sound unico e perfettamente riconoscibile fin dal primo ascolto. Segue la feroce Risen From The Sea (2000), nuova registrazione della vecchia omonima canzone presente nel primo demo del gruppo, Thor Arise dell’anno 1993. Lo stile verte in maniera decisa verso il sound di fine anni ’90, risultando, a tratti, primordiale, feroce e a dir poco irresistibile. Di mid tempo si parla per As Long As The Raven Flies, brano più breve del disco con i suoi quattro minuti di durata. I giri di chitarra sono meno incisivi rispetto il solito, la batteria allenta un pochino la presa e quel che viene fuori dà modo all’ascoltatore di respirare. Pochi istanti e l’aggressività di A Fury Divine riporta tutto nel caos, quel caos ordinato che gli Amon Amarth sanno creare come nessun altro nella scena. La doppia cassa di Andersson è la base di partenza per la razzia di Hegg e compagni di spada, il basso di Ted Lundström il silenzioso guarda spalle, mentre i due chitarristi e il biondo singer devastano senza pietà gli innocenti colli dei malcapitati. D’ora in avanti The Crusher prenderà nuovamente il sentiero tracciato dai primi due lavori, presentando Annihilation Of A Hammerfest, The Fall Through Ginnungagap e la conclusiva Releasing Surtur’s Fire, canzoni che si rifanno a livello lirico alla mitologia norrena e musicalmente alle atmosfere vichinghe, soprattutto per quel che riguarda il lavoro dei chitarristi. Alla ritmata e coinvolgente Annihilation Of A Hammerfest si contrappone l’evocativa The Fall Through Ginnungagap, dove l’atmosfera prodotta dagli strumenti si fa malinconica e decadente, mentre Johan Hegg urla del vuoto che precede la creazione del mondo. Chiude questo potentissimo lavoro Releasing Surtur’s Fire, dove la musica e il testo vanno a braccetto, furia musicale da sottofondo a furia lirica. La canzone altro non è che una classica composizione degli Amon Amarth, ovvero una potente miscela di forza bruta e inaspettata melodia. Come bonus track è presente la cover dei Possessed Eyes Of Horror, registrata nei meno nobili Das Boot Studios – la qualità audio è nettamente inferiore rispetto a The Crusher -, canzone poi finita nel tribute album Seven Gates Of Horror del 2004 a firma Karmageddon Media, disco che vede la partecipazione anche di gruppi quali Absu, Vader, Sinister e Cannibal Corpse.

I testi, come anticipato, sono fortemente anticristiani e trattano della ribellione pagana all’avanzare della “nuova” religione, fino alla vittoria della tradizione nordica nelle ultime tre tracce: dalla rabbia di Masters Of War si passa a The Sound Of Eigth Hooves, dove si narra di un predicatore in fuga inseguito da cani e persone, per finire poi, insieme ad altri tre cristiani, appeso ad una vecchia quercia; la furia anticristiana – decisa ma mai offensiva – prosegue fino alla pesante A Fury Divine, dove si racconta la morte a testa alta di un pagano:

LIES! Spread by preaching men
I’m on trial for being who I am
And praising the Gods of my native land (…)
The proud man stood firm, he refused to kneel
Tehn fury in him was divine
Now he is dead, his fate has been sealed
He’s brought to Golden Hall up high

Le ultime tre canzoni sono invece incentrate sulle divinità nordiche, in particolare Releasing Surtur’s Fire tratta del Gigante del Fuoco Surtur e della genesi del Ragnarok:

He’s riding down ‘cross a field but nothing is the same
This place he knew as Hammerfest
When the old Gods reigned
The army of demons rides
By his side with weapons drawn
Today is the day
When Ragnarok will be spawned

mentre in Annihilation Of A Hammerfest è presente una struggente promessa vichinga: 

Allvise Ygg, Maktige Harjafader
Guda av Asars och vaners att
Hor mina ord, nar som jag svar
Att om tusen vintrar ater ta var ratt?

(tr.: Onniscente Terribile, possente Padre della Devastazione – Dei della stirpe degli Asi e dei Vani – Ascoltate la mia parola, ora mentre guiro – Che in mille inverni rivendicheremo il nostro diritto)

Si può parlare, quindi, di The Crusher come una sorta di concept album in termini temporali: la rabbiosa reazione delle popolazioni del nord al proliferare del cristianesimo, la cacciata dei religiosi per la finale vittoria del pantheon nordico.

The Crusher è il degno successore di Once Sent From The Golden Hall e di The Avenger, lavoro che si apre verso dinamiche e sonorità che con il tempo diventeranno predominanti. Un album che segna la crescita artistica degli Amon Amarth e che rimane tutt’oggi uno dei migliori lavori del combo svedese.

NB – recensione rivista e aggiornata rispetto alla versione originariamente pubblicata per il sito Metallized.
Annunci

Amon Amarth – Surtur Rising

Amon Amarth – Surtur Rising

2011 – full-length – Metal Blade Records

VOTO: 7,5 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Johan Hegg: voce – Johan Söderberg: chitarra – Olavi Mikkonen: chitarra – Ted Lundström: basso – Fredrik Andersson: batteria

Tracklist: 1. War Of The Gods – 2. Töck’s Taunt – Loke’s Treachery Part III – 3. Destroyer Of The Universe – 4. Slaves Of Fear – 5. Live Without Regrets – 6. The Last Stand Of Frej – 7. For Victory Or Death – 8. Wrath Of The Norsemen – 9. A Beast Am I – 10. Doom Over Dead Man
amon_amarth-surtur_rising

Cinquanta minuti di death metal scandinavo marchiato con il loro ormai classico stile, questo propongono gli Amon Amarth nel disco Surtur Rising, ottavo full-length per il quintetto vichingo.

Il combo di Stoccolma da qualche anno sembra aver trovato la propria direzione musicale mostrandosi intenzionato, ora più che mai, a proseguire senza deviazioni. Il rischio di fare la parte degli Ac/Dc del death metal svedese – cosa di per se non disdicevole, vista anche l’ottima compagnia che avrebbero – esiste: potreste convenire sul fatto che è meglio produrre album buoni ma simili tra di loro, piuttosto che buttarsi in riletture stile In Flames. Non sono un “evoluzionista” a tutti i costi, anzi, sono tendenzialmente un tradizionalista, ma qualche volta i gruppi tendono troppo a sedersi sugli allori – pur meritati – godendo dei frutti dell’aver seminato tanto negli anni precedenti. È quello che fanno gli Amon Amarth confezionando l’ennesimo buon album, curato e godibile sotto tutti gli aspetti, ma spento dal punto di vista emozionale. Le canzoni, in particolare nella prima metà del cd, sono quasi tutte accattivanti, i musicisti, in particolare il mai abbastanza lodato Fredrik Andersson, compiono il loro lavoro con umiltà e buon gusto, ma manca sempre qualcosa: a fine disco si può non avere la fame di premere nuovamente il tasto play. Gli ascolti, comunque, si susseguono nella speranza che qualcosa cambi, ma il risultato è sempre lo stesso: un buon album, assolutamente piacevole, ma con poca presa; decisamente inferiore, per fare un esempio, al massiccio Twilight Of The Thunder God.

Surtur Rising parte – come i precedenti lavori – con un brano veloce, War Of The Gods, dal chorus da urlare in concerto e i riff azzeccati per fare facilmente breccia nei cuori degli amanti delle sonorità epico/brutali. Töck’s Taunt è un mid-tempo possente, tragico nelle sonorità e nel growl viscerale del gigante Johan Hegg. In Destroyer Of The Universe i ritmi si fanno nuovamente indiavolati, i riff sono semplici ed efficaci anche nella parte centrale della canzone, dove i cinque vichinghi dimezzano la velocità in quello che è facile immaginare diverrà un momento di potente headbanging nei concerti, prima che l’assolo di Johan Söderberg e la ripetizione del ritornello sanciscano la fine del brano. Come prevedibile, dopo una canzone veloce, segue il mid tempo di Slaves Of Fear: mediocre, con strofe scialbe e un’inutile e forzata ricerca della melodia (vizio che i nostri si portano appresso da anni…) che non paga come si sperava nelle intenzioni. Si riparte a suon di doppia cassa e riff old style per Live Without Regrets, traccia estrema vicina alle origini musicali del gruppo: pur avendo più di una parte smaccatamente melodica, Live Without Regrets risulta essere una delle migliori composizioni degli Amon Amarth degli ultimi anni. Tutt’altra cosa è The Last Stand Of Frej, canzone cupa e lenta, molto doomy nell’incedere e simile per attitudine (e sbadigli che provoca) a Under The Northern Star del disco With Oden On Our Side. For Victory Or Death è un riempitivo che scorre senza lasciare segno per poi lanciarci in Wrath Of The Norsemen, dove la rabbia viene urlata dal growl cavernoso dal frontman su una base compatta creata dai riff dei due chitarristi Mikkonen e Söderberg, come sempre bravissimi ad alternare note al fulmicotone con parti al limite del lugubre. Decisamente anni ’90 alcuni soluzioni di A Beast Am I: veloce, diretta, brutale; questi sono gli Amon Amarth più feroci! Ultima canzone di Surtur Rising è Doom Over Dead Man, ennesimo episodio lento e (troppo?) melodico. Non che sia una composizione non riuscita, ma la prima parte è soporifera mentre dopo tre minuti il ritmo aumenta un pochino senza però portare con sé un minimo d’ispirazione. Si conclude in questo modo un album che con un paio di tagli sarebbe risultato maggiormente godibile e più snello, evitando forse qualche sbadiglio che, considerando il nome stampato sul cd, non ci si aspetta.

La produzione compie un passo in avanti dopo quella già più che buona di Twilight Of The Thunder God, che a sua volta era un mix efficace tra la grezzissima e sporca di Fate Of Norns e quella patinata di With Oden On Our Side. Surtur Rising suona 100% swedish, gli strumenti sono ben miscelati e la sezione ritmica composta dagli ordinati Andersson e Lundström, rispettivamente batteria e basso, perfettamente udibile. I testi parlano, come al solito, di mitologia norrena, in particolare di Surtur, gigante del Fuoco, e delle sue epiche vicende. Le linee vocali di Johan Hegg sono particolarmente curate e studiate, ne è esempio la volontà di creare rime su rime al fine di dare maggiore melodia al growl. Il tedesco Thomas Ewerhard si è occupato del bell’artwork: ormai un collaboratore fisso della band di Hegg in quanto dal 1999, era The Avenger, cura  l’aspetto grafico dei cd e dvd.

Surtur Rising suona esattamente come un qualunque fan – o semplice conoscitore – degli Amon Amarth si aspetterebbe. Ancora prima di avere l’album nello stereo si conoscono nota per nota la struttura delle canzoni, i momenti dei cambi di tempo e gli assoli di chitarra: gli Amon Amarth sono decisamente prevedibili, il che non è necessariamente negativo, dipende unicamente dalla qualità delle canzoni. Imprevedibile, invece, è la scelta della cover da utilizzare come bonus track: Aerials dei System Of A Down. Il brano lascia a bocca aperta dalla sorpresa, ma l’esecuzione è molto efficace e gli ultimi cinquanta secondi della lirica sono da manuale. Peccato che questi tre minuti e mezzo siano gli unici dove gli Amon Amarth decidano di osare di più.

Confronti con il passato meglio non farne: Surtur Rising è un amore passeggero, un’infatuazione che, per quanto piacevole al momento non è destinata a lasciare emozioni negli anni a venire. Once Sent From The Golden Hall, capolavoro del 1998, è invece Amore vero, con la A maiuscola. Di quelli che si provano una sola volta nella vita e che rimangono impressi in eterno sulla pelle, come una cicatrice procuratasi sul campo di battaglia.

NB – recensione rivista e aggiornata rispetto alla versione originariamente pubblicata per il sito Metallized.