Intervista: Ixia

Dopo un EP interessante come Katherine non potevamo non intervistare Pamela Ceccarelli, mente e voce dietro a Ixia, per saperne di più del progetto e del concept che muove le tracce che compongono il disco. Musica delicata e romantica raccontata con passione da Pamela, cantante piena di energia e voglia di parlare della propria creatura: buona lettura!

ph. Simona Galletti

Ciao Pamela, benvenuta su Mister Folk! Vuoi raccontare ai lettori come ti sei avvicinata alla musica e al canto in particolare?

Ciao a te e grazie per il tempo che mi stai dedicando! Come mi sono avvicinata alla musica… oserei dire che i miei primi ricordi sono di me, in passeggino, in una piazza con un palco enorme con sopra il mio papà con la chitarra e un’espressione felice. Credo di aver sempre desiderato un giorno di poter condividere il palco con lui, cosa che in effetti sono riuscita a realizzare a novembre durante la presentazione dell’album al Black Out.

Prima di iniziare a parlare del tuo disco, vorrei chiederti quali sono le band e le voci che più ammiri e perché.

Sono cresciuta ascoltando alcuni brani di Bennato e De André. Mi ricordo la sensazione di magia nel sentir narrare di alcuni mondi lontani e perduti. In qualche modo le storie che loro raccontavano, mi sembrava come risvegliassero sogni molto vividi nella mia mente, tanto che, al liceo abbozzai un libro che li riunisse tutti sotto forma di romanzo. Anche se poi, in effetti, non ho mai rimesso mano alla bozza per dargli una forma più… degna? Crescendo, mi sono trovata catapultata nel mondo del gioco di ruolo dal vivo, ed è stato, musicalmente parlando, come scoprire che il bacino d’acqua immenso davanti ai miei occhi altro non fosse che solo un laghetto. Purtroppo qui in Italia, almeno fino a qualche anno fa, la cultura del folk non è così sviluppata, la musica diffusa era quella che ci indicavano la televisione e la radio, evitando di entrare nel dettaglio. In quest’altro ambiente, invece, grazie alla ricerca delle giuste “colonne sonore” da taverna, ho scoperto gruppi come i Blackmore’s Night e le Medieval Baebes, mi sono avvicinata ai Within Temptation ed ai Nighwish. La mia prima esperienza da professionista è stata proprio nella tribute dei Blackmore’s Night, e probabilmente, se non fosse stato per Ida Elena, che quel giorno mi scelse per affiancarla come seconda voce, mi sarei lasciata scoraggiare dalla scuola di musica che non riteneva il mio timbro adeguato. Non so in effetti se la risposta risulta chiara, spero di non essermi dilungata eccessivamente.

Hai da poco pubblicato l’EP Katherine: hai tutto lo spazio per parlare del processo creativo che ti ha portato a realizzare le sei canzoni del disco.

Potrei in qualche modo dire che tutto è nato tornando a casa dalla scuola di musica, dopo un’ora di dettato musicale sulla scala minore armonica. Rientrando mi sono trovata a canticchiare nella testa una melodia. Ho passato due giorni cercando di capire quale brano fosse, per scoprire alla fine che, in effetti, era del tutto originale. In merito alla storia, di quella che poi sarebbe diventata Katherine, ha origine anch’essa da un sogno. Mi piace pensare, in qualche modo, di aver fatto da tramite nel narrare questa storia.

Musicalmente Katherine è un caleidoscopio musicale nel quale troviamo stili e richiami musicali molto vari. È frutto dei tuoi ascolti quotidiani? Hai marcato la mano in questo senso o è stato un processo completamente naturale?

Essendo i brani nati in maniera istintiva, immagino siano in qualche modo frutto di una rielaborazione inconscia dei miei ascolti musicali. Sicuramente i Blackmore’s Night hanno, in tal senso, lasciato una loro impronta.

Nelle canzoni si racconta una storia d’amore che finisce in tragedia: ce la vuoi raccontare?

La storia inizia come ci si potrebbe aspettare da un qualunque romanzo rosa: ragazza nobile, invaghita da sempre dal ragazzo della porta accanto, viene salvata da un prode nobil giovane di bell’aspetto. Il colpo di fulmine tra i due viene, tuttavia, seguito da un bacio appassionato da parte del vicino, mandando in confusione sul da farsi la fanciulla. Katherine non è lo stereotipo dell’eroina, non è arguta, non è bellissima, né pia, è una ragazza normale, forse solo molto… direi sfortunata, ma il termine sfigata rende meglio, in effetti! Così lei parte per schiarirsi le idee e, proprio quando finalmente è pronta a decidere, il padre viene ingannato e lei viene promessa in sposa, con un contratto, ad un ricco mercante. Lei torna a casa e prega la Luna di affondare la nave di quell’uomo o di portarla via in cielo con lei. La nave, ovviamente, fa ritorno e lei non fa in tempo ad avvisare i due contendenti, che riceve una lettera che l’avvisa di un duello all’ultimo sangue, per decidere chi l’avrebbe sposata. Sapendo del contratto, la poveretta corre sul posto in un contesto irreale: un duello di notte con la nebbia (il potere della ritmica oserei dire…) e, ovviamente, per quella che sembra essere una degna conclusione, finisce nel fuoco incrociato e muore. Verrebbe da dire: è finita, invece no. L’anima irrequieta di Katherine resta in quei campi a piangere ed urlare e si diffonde una leggenda: quando i campi dove lei morì saranno distrutti, lei tornerà e si riunirà con i due giovani, che la stanno aspettando attraverso i secoli, e il sangue di Goldscam verrà versato. C’è sempre, nelle storie, un personaggio chiave, che ne sa una più di tutti e permette al Fato di svolgersi. Anche qui abbiamo questa signora in dolce attesa che parla ad un gruppo di persone in occasione dell’apertura dei lavori per una nuova scuola. Non solo la donna si appresta ad aprire il vaso di Pandora, ma ne deride persino il contenuto, così, in quello stesso giorno (e questo in effetti viene lasciato sottinteso) l’anima di Katherine si prepara a rinascere, attraverso la futura nascitura dell’empia signora. Con l’ultimo brano, Shadows, abbiamo un forte cambio stilistico. Sono trascorsi secoli ormai dalle vicende di Katherine e, con una citazione alla Divina Commedia, la nuova lei incontra in effetti gli altri due ed i ricordi affiorano, mentre la ragazza si rende conto di non potersi opporre a ciò che accadrà.

Il nome Ixia viene da un personaggio di un gioco di ruolo: di quale gioco si tratta? Perché hai deciso di utilizzare questo nome per il tuo progetto musicale?

Il gioco si chiamava Element0 ed era un gioco di ruolo dal vivo fantasy. Il personaggio nacque in un periodo particolare della mia vita, in cui un forte stress spesso mi portava a balbettare all’improvviso e quindi, onde evitare di trovarmi placcata con ruoli da mago o comunque costretti a dover parlare in maniera forbita, decisi di fare un personaggio muto. La particolarità è che, per volontà delle divinità lei era in effetti in grado di usare la voce solamente cantando durante “rituali” a loro dedicati. Non era il primo personaggio canterino avuto, ma da lì a qualche anno fui contattata dagli amici conosciuti in quell’occasione e accettai di portare il personaggio all’interno di una webserie e fu in quell’occasione nacque la pagina di Ixia. Nello stesso periodo iniziai a lavorare come cantante professionista e, invece di crearne una ex novo, mi son detta: perché no?

La title-track è stata scelta per la realizzazione del videoclip: come ti sei trovata nei panni dell’attrice? Hai scelto questa canzone perché è il manifesto musicale del disco?

Katherine è stata la prima canzone scritta ed al suo interno si trova più o meno narrata buona parte della storia, quindi è venuto abbastanza spontaneo partire da quella. Nel girare il video mi sono divertita tantissimo, questo immagino grazie alla Baburka Production che in effetti mi ha coccolata dall’inizio alla fine delle riprese, non oso immaginare quanto abbiano dovuto lavorare per l’effetto sulle foglie. Alcuni mi hanno chiesto dove avessi trovato un posto simile!

Nella recensione descrivo Katherine come un qualcosa di vicino a una colonna sonora. Qual è la tua percezione del disco, ora a mesi di distanza dalla pubblicazione?

Faccio ancora fatica a rendermi conto che sia mio quel cd quando lo guardo, con la pellicola, il bollino Siae, il nome della Maqueta Records… e poi i disegni! Empler ha fatto veramente un capolavoro. In merito al genere non saprei ancora dirti, White Lady probabilmente è quella che vedrei più vicino ad una colonna sonora, detto questo… ma magari!

Katherine contiene sei canzoni, immagino quindi che starai già lavorando a nuovi brani. Puoi dirci qualcosa a riguardo?

In effetti avevo iniziato a lavorare ai nuovi brani già quest’estate, ma è ancora tutto in lavorazione, quindi non so quanto, informazioni dette ora, possano risultare attendibile rispetto a quello che sarà il lavoro finito. L’unica cosa sicura è che proseguirò sulla strada del concept album, seguendo le vicende di qualcun altro.

Quali sono i prossimi passi di Ixia? Ci saranno date/tour per promuovere il disco?

Vorrei tanto saper rispondere a questa domanda, sicuramente è mia intenzione riuscire a fare un tour per promuovere il disco, ma dovrò comunque trovare il modo per farlo compatibilmente con i miei problemi di salute.

Cosa cerchi nella musica che ascolti e cosa vorresti trasmettere nelle tue canzoni?

La musica che cerco deve avere qualcosa di catartico, non necessariamente è legata ad un genere, ma deve essere adeguata alla situazione. A volte serve musica che faccia ridere e che trasmetta gioia, altre volte occorre qualcosa che rispetti e avvolga la tristezza di un momento aiutandoti a sfogare, altre volte ci si vuole rilassare e un racconto ascoltato ad occhi chiusi può scatenare viaggi spettacolari in terre lontane. È a quest’ultimo tipo di musica che spero di essermi riuscita ad avvicinare, un misto tra un “mangiafiabe” e vecchie ballads della tradizione.

Grazie per la disponibilità, a te lo spazio per dire quello che vuoi!

Approfitterei per ringraziare con tutto il cuore i ragazzi dell’altro progetto in cui collaboro come corista, la MPB (fantasy rock). In questi ultimi mesi non sono potuta essere molto d’aiuto, nè ho potuto prendere parte alle prove causa salute. Nonostante questo, qualche settimana fa, sebbene avessi le forze solo per un brano, mi hanno accolta con un tale affetto sul palco con loro che, nonostante la paura di salire con la sedia a rotelle, non mi sono mai sentita tanto spalleggiata e forte. Non è una cosa da tutti i giorni trovare persone così e sono onorata di condividere il palco con loro (e se tutto va bene il 23 febbraio ho buone probabilità di farcela per il concerto al Traffic… quindi dita incrociate).

ph. Simona Galletti

Annunci

Ixia – Katherine

Ixia – Katherine

2018 – EP – Maqueta Records

VOTO: 7 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Pamela Ceccarelli: voce

Tracklist: 1. The Story Begins – 2. The Contract – 3. White Lady – 4. Katherine – 5. The New Age – 6. Shadows

Delicata e romantica: se si devono trovare delle parole per descrivere la musica di Katherine, queste sono quelle che rispecchiano le sei tracce del disco. Pamela Ceccarelli, in arte Ixia (nome nato da un personaggio di un gioco di ruolo), inizia a lavorare su questi brani nel 2013 di ritorno dal famoso festival tedesco Wave Gotik Treffen dove è stata ospite sul palco dei Cantus Lunaris. Cinque anni più tardi arriva la pubblicazione di Katherine per Maqueta Records (la stessa etichetta del disco Native Spirit di Ida Elena), primo EP dal sound dolce ma deciso.

Nelle sei tracce che compongono il disco è raccontata una storia d’amore che finisce in tragedia, ma che alla fine (Shadows) porta una luce di speranza. Musicalmente i brani sono leggeri e melodici, quasi pop, con tocchi folk a dir poco deliziosi e mai invadenti, tra pianoforti e archi, con rari ma gustosi interventi della sezione ritmica. I riflettori, come è normale che sia, è sulla voce di Pamela Ceccarelli: soave ed espressiva, la cantante sembra spesso recitare tanto è convincente la sua prova.

Le canzoni sono unite dal filo conduttore dei testi ed è difficile “tirar fuori” una canzone dall’insieme: anche se le tracce sono staccate si ha l’impressione di ascoltare un’unica composizione che non ha momenti di stanca o inutili ripetizioni. Ascoltando Katherine tutto d’un fiato sembra di essere catapultati in un film e di far parte della colonna sonora. La title-track, però, ha un qualcosa in più e non a caso è stata scelta per la realizzazione del bel videoclip che è stato pubblicato poche settimane fa. Nel brano dal vago sapore progressivo sono presenti tra gli altri pianoforte e chitarra, con quest’ultima che si destreggia in brevi assoli dal sapore neoclassico, un elemento che non si ripete nelle altre canzoni e che dona a Katherine un elemento d’interesse in più.

Al termine dell’ultima traccia si ha la voglia di cominciare da capo l’ascolto di Katherine e dispiace che la durata dell’EP sia di soli venti minuti. Questo è un buon punto di partenza per Pamela Ceccarelli: in questo disco ha dimostrato di avere tante idee (testi e musica) e quindi non resta altro che aspettare il prossimo lavoro di Ixia, sperando che sia un full-length.