Nemuer – Labyrinth Of Druids

Nemuer – Labyrinth Of Druids

2015 – full-length – autoprodotto

VOTO: 8 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Katarína Pomorská: voce, scacciapensieri, tamburo sciamanico djembe, duclar – Michael Zann: chitarra acustica, ancient Egyptian harp, voce

Tracklist: 1. Main Theme – 2. Caves Of Damnation – 3. Those Who Are Not Seen – 4. The Isle Of Awakening – 5. Green Walls – 6. Castle (Dedicated To H.P. Lovecraft) – 7. Shadown Warlock – 8. Healing Waves – 9. Cemetery – 10 Dark Forest Shelter – 11. Effulgent Sunlight – 12. Arena Combat – 13. Pub Of A Frozen Time – 14. Faint Recollections – 15. Baptism By Fire

Ci sono musiche e dischi che vanno d’accordo con alcune stagioni dell’anno e decisamente meno con altre. Questo dei Nemuer è un disco autunnale, se vogliamo anche invernale, l’importante è che ci sia la giusta temperatura esterna e il tempo adatto a una pubblicazione del genere. Voglio essere chiaro, Labyrinth Of Druids è un bel disco anche ascoltato in pieno luglio con l’aria condizionata accesa al massimo, ma è chiaramente nelle stagioni dalle basse temperature che questa musica rende al meglio. Il sound del duo della Repubblica Ceca è molto delicato e intimo, direi minimale e leggero. Le rade note di chitarra creano un’atmosfera quasi magica, ma anche gotica, nell’accezione letteraria del termine.

L’entità Nemuer, attiva dal 2014, fa parte di un progetto più grande capeggiato da Michael Zann, dove oltre all’aspetto musicale sono presenti quello letterario e videoludico. Il libro non è ancora concluso, mentre il gioco (la copertina di Labyrinth Of Druis è una piccola anteprima), un MMORPG fantasy/horror, dovrà aspettare probabilmente il 2018. Inoltre questo disco corrisponde al quinto capitolo del libro, mentre il debutto Irenthoth’s Dream al settimo. Detto questo Labyrinth Of Druids può essere visto come una parte di qualcosa di più grande, ma la qualità è tale che anche preso “singolarmente”, ovvero senza la parte visiva, è assolutamente godibile e in grado di emozionare l’ascoltatore.

Labyrinth Of Druids è un viaggio nel profondo di noi stessi, a volte meraviglioso e a volte terribile. Può anche esser visto come un semplice disco da ascoltare in un nebbioso pomeriggio di novembre mentre si legge un bel libro sorseggiando una tisana. In entrambi i casi la musica compie un piccolo ma grande miracolo: ti avvolge completamente ipnotizzandoti, impossibile rimanerne indifferenti. Ci sono alcune tracce che più di altre colpiscono il bersaglio, come Caves Of Damnation o The Isle Of Awakening, quest’ultima che culla l’ascoltatore grazie al delizioso suono delle onde marine e dei gabbiani. Ci sono anche brani più oscuri o teatrali, come la cupa Green Walls, possibile soundtrack di una pellicola dell’Hammer Film Production. La lunga Healing Waves vede la chitarra protagonista nei sette minuti di durata: deliziose note appena pizzicate fluttuano nell’aria con stordente bellezza, ammaliando il fortunato ascoltatore. Le onde del mare, come titolo e come suono, tornano più volte all’interno dei disco ed è chiaro quanto questo elemento sia importante per i Nemuer. Effulgent Sunlight, dal retrogusto vagamente celtico, è semplicemente un altro tassello di questo mosaico musicale intitolato Labyrinth Of Druids. Con Pub Of The Frozen Time il sound del duo cambia radicalmente: arpeggi di chitarra e il vociare del pub sono vivaci e lontani dal decadentismo ascoltato in precedenza. Tutto torna alla “normalità” con le successive Faint Recollections e Baptism By Fire, canzoni dalla venatura dark folk che portano a conclusione Labyrinth Of Druids. Infine come non segnalare Castle, brano dedicato al maestro americano H.P. Lovecraft, scrittore fondamentale per la letteratura gotica/horror e grande fonte d’ispirazione per il due musicisti cechi.

Il secondo disco dei Nemuer è senz’altro ben fatto e sarà gradito a quel pubblico che quotidianamente si nutre di sonorità rarefatte e atmosferiche, sia dall’accento più romantico che quello maggiormente dark. Per tutti gli altri ci vorranno molti ascolti in determinate condizioni per poterlo apprezzare, ma Labyrinth Of Druids è un gran bell’album nel suo genere.

Annunci

Einar Selvik – Snake Pit Poetry

Einar Selvik – Snake Pit Poetry

2017 – EP – ByNorse

VOTO: SV – recensore: Mr. Folk

Formazione: Einar Selvik: voce, strumenti

Tracklist: 1. Snake Pit Poetry – 2. Snake Pit Poetry (Skaldic Mode)

Dopo aver terminato la fantastica trilogia sulle rune con la sua band principale, i Wardruna, Einar Selvik, mente della band più chiacchierata e apprezzata del momento, se ne esce con un EP stampato solamente in formato vinile 10” contenente due versioni differenti di Snake Pit Poetry, canzone creata appositamente per la serie tv Vikings e per una scena in particolare, ovvero quando il protagonista Ragnar Lothbrok (Ragnarr Loðbrók), condannato a morte da re Aelle di Northumbria, muore nella fossa dei serpenti. Il testo della canzone parla chiaro, ed è preso dall’unica fonte attendibile che riguarda il personaggio scandinavo, in Italia nota come la “Saga Di Ragnarr” e pubblicata dalla milanese Iporborea.

Mai avrei immaginato serpenti
Alla fine della mia vita;
accade molto spesso
quel che meno ci s’aspetta.

Strepiterebbero i porcellini,
celando nella terra il grugno,
se conoscessero la sorte del verro;
s’avvia a straziarmi la serpe,
strisciando repentini
mi hanno morso i serpenti;
sarò all’istante cadavere,
fra i rettili morirò

Il 10 pollici si presenta benissimo: il disegno della copertina ritrae Ragnar circondato e assalito dai serpenti, il momento esatto in cui pronuncia la famosa frase “strepiterebbero i porcellini…”; nel retro è presente una foto di Einar Selvik, il testo originale e la traduzione in inglese, le info sul disco e sulla musica del vinile. Già, la musica, la cosa che probabilmente riesce meglio a Selvik: ipnotica e sofferente, calda e avvolgente. La prima traccia è la versione estesa di Snake Pit Poetry, lunga oltre sette minuti. Nella canzone è presente l’islandese Hilda Örvasdottir, voce che ha preso parte alle colonne sonore di 300: l’Alba Di Un Impero e L’uomo d’Acciaio per dirne un paio. Il tocco di Selvik è facilmente riconoscibile anche se nei sette minuti di durata è forte l’atmosfera cinematografica; la musica è intensa e quasi liturgica, che segna nel profondo. Ancor più straziante la versione breve di Snake Pit Poetry, quella chiamata “Skaldic Mode”: tre minuti in qui la voce di Einar e poche, striminzite (ma quanto toccanti!) note riescono a creare una voragine nell’ascoltato, letteralmente annichilito dinanzi a tanta drammaticità.

Snake Pit Poetry è una piccola opera d’arte, breve e perfetta. Bello esteticamente, da brivido nel contenuto, questo è un vinile che va posseduto senza remore.

Eluveitie – Evocation II: Pantheon

Eluveitie – Evocation II: Pantheon

2017 – full-length – Nuclear Blast

VOTO: 8 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Chrigel Glanzmann: voce, chitarra, cornamusa, bodhrán, gaita, arpa, flauto – Jonas Wolf: chtarra – Rafael Salzmann: chitarra – Kay Brem: basso – Alain Ackermann: batteria – Fabienne Erni: voce, arpa, mandola – Michalina Malisz: ghironda – Nicole Ansperger: violino – Matteo Sisti: cornamusa, flauto, mandola

Tracklist: 1. Dureddu – 2. Epona – 3. Svcellos II (sequel) – 4. Nantoscelta – 5. Tovtatis – 6. Lvgvs – 7. Grannos – 8. Cernvnnos – 9. Catvrix – 10. Artio – 11. Aventia – 12. Ogmios – 13. Esvs – 14. Antvmnos – 15. Tarvos II (sequel) – 16. Belenos – 17. Taranis – 18. Nemeton

L’ultimo anno in casa Eluveitie è stato piuttosto movimentato: dopo lo split con tre dei musicisti storici della formazione svizzera, i quali hanno successivamente dato vita ai Cellar Darling, e la lunga ricerca dei degni sostituti, arriva la pubblicazione di Evocation II – Pantheon, secondo disco acustico per Chrigel Glanzmann e soci. Il presente lavoro è stato visto in diversi modi da critica e fan: la via più breve per presentare i nuovi arrivati (la cantante Fabienne Erni, il chitarrista Jonas Wolf, Michalina Malisz alla ghironda e Alain Ackermann alla batteria), e non perdere terreno dei confronti dei nuovi arrivati Cellar Darling – autori, tra l’altro, di un disco appena sufficiente – e come reale lavoro in studio da tempo pianificato. La verità è proprio questa, ovvero gli Eluveitie avevano previsto da tempo la composizione di Evocation II – Pantheon e quel che sorprende non poco è l’elevata qualità del full-length. Se il primo Evocation era piacevole e poco più, questo nuovo cd mostra il grande affiatamento dei musicisti, l’ottimo lavoro svolto in sala prove e l’importanza di musicisti che spesso sono visti quasi come “di contorno” e che invece sono fondamentali per la riuscita delle canzoni. In questo caso particolare si tratta di Matteo Sisti, “responsabile” delle influenze irish e di gran parte delle belle melodie folk che si possono trovare all’interno del lavoro.

Evocation II – Pantheon è un concept album che racchiude in diciotto tracce il pantheon della mitologia celtica e che giustamente è cantato in lingua gallica; per la scrittura dei testi e l’inevitabile ricerca scientifica, gli Eluveitie hanno consultato diversi studiosi per rendere l’aspetto lirico credibile e ben fatto. Intenzioni nobili e capacità di muoversi in maniera corretta affascinando il potenziale ascoltatore con un ottimo connubio concept/grafica, ma alla fine a parlare è solamente la musica, e non sempre un bell’artwork e i testi ricercati sono sintomo di buona proposta musicale. Gli Eluveitie, invece, nonostante lo scetticismo che li avvolgeva prima della release, hanno sfornato un cd soft ma vivace, intrigante e altamente evocativo, in sintonia con le liriche e l’aspetto mitologico da sempre caro a Glanzmann.

Evocation II ha due singoloni che la band, giustamente, ha utilizzato come trampolino per la pubblicazione: Epona e Lvgvs. La prima suona fresca e allegra, dal cantato frizzante della nuova arrivata Fabienne Erni e dalle irresistibili melodie che la fanno da padrone. La cantante è la protagonista di Artio, composizione molto delicata e intima che tocca il cuore dell’ascoltatore e, per gli amanti delle serie tv, può far tornare alla mente alcune scene malinconiche di Outlander. Lvgvs (con Netta Skog degli Ensiferum alla fisarmonica) è più in linea con quanto prodotto in Evocation I – The Arcane Dominion, con un ritornello che è difficile non ricordare subito e canticchiarlo di conseguenza. Non si può certo ridurre il disco a due sole canzoni: gli Eluveitie sono riusciti a pubblicare un lavoro molto vario e vivace. Tra le sfaccettature di Evocation II c’è anche l’irish folk, qui presente in particolar modo in paio di brani molto belli, Grannos e Aventia, sui quali sicuramente avrà messo mano il nostro compatriota Sisti, grande amante di queste sonorità. Colpisce in positivo che all’interno delle canzoni c’è spazio per tutti:, il batterista Alain Ackermann, per fare un esempio, ha modo di sbizzarrirsi in più momenti, come durante Nantoscelta. L’arpa introduce Cernvnnos, canzone dalle melodie già conosciute, piacevole collegamento con i vecchi dischi degli svizzeri; un altro esempio è Ogmios, nella quale la melodia dell’hit Inis Mona (tratta da Tri Martolod del XVIII secolo) spunta con piacevole insistenza. Infine è da menzionare Antvmnos, composizione che vede protagonisti il soave flauto di Matteo Sisti e il violino della sempre irreprensibile Nicole Ansperger ripetere la melodia del noto brano tradizionale Scarborough Fair.

Musicalmente siamo dinanzi a un album maturo e preciso, ricco di sorprese quanto povero di brani riempitivi. Il fatto che il disco sia stato concepito e registrato in un momento di transizione e, si può presumete, di grande stress, non fa altro che aumentare la stima nei confronti del leader Glanzmann, forte nel tenere a galla la barca quando sembrava imbarcare acqua.

Gli Eluveitie sorprendono per la qualità di Evocation II – Pantheon, un piacevolissimo lavoro dopo qualche anno un po’ piatto a livello musicale e in risposta ai dubbi sollevati da molti in seguito alla separazione di tre membri storici. La prossima tappa è il “classico” cd extreme folk metal, ma intanto è possibile godere di un bel disco folk come pochi ne capitano.

Fejd – Eifur

Fejd – Eifur

2010 – full-length – Napalm Records

VOTO: 8 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Patrik Rimmerfors: voce, bouzouki, cornamusa svedese, scacciapensieri, ghironda, campanaccio – Niklas Rimmerfors: moraharpa, voce – Lennart Specht: tastiera, chitarra – Thomas Antonsson: basso – Esko Salow: batteria

Tracklist: 1. Drängen Och Kråkan2. Farsot3. Jungfru I Hindhamn4. Alvas Halling5. Arv 6. Eifur 7. Ledung 8. Gryning9. Vårstäv10. Äring 11. Yggdrasil 12. Trollfärd

A diciannove mesi dal debutto Storm tornano in pista i Fejd, band svedese dedita a un folk molto emotivo e “sentimentale”. La storia del gruppo inizia nel 2001 quando i fratelli Rimmerfors, all’epoca un duo che si esibiva nelle manifestazioni folkloristiche della zona, reclutò ben tre membri della power metal band Pathos, registrando, nel giro di poco tempo, il primo demo I En Tid Som Var, seguito due anni più tardi dal secondo Huldran. Segue un EP autoprodotto dal titolo Eld e poi, finalmente, il debutto Storm sotto Napalm Records, etichetta da sempre attenta al sottobosco folk/pagan europeo. Le critiche e le vendite sono talmente positive da permettere ai nostri la partecipazione a eventi come il Wacken Open Air e il Ragnarok Festival. Dopo un anno e mezzo, preceduto da un battage pubblicitario non indifferente, esce infine questo Eifur, album composto da dodici brani di rilassante e delicata musica folk. Niente urla strazianti, né taglienti riff di chitarra: la voce è sempre clean e le sei corde appena accennate, e neanche in tutti i brani. La componente prettamente metal in Eifur non è presente: i ritmi e gli strumenti utilizzati – esclusa la batteria – sono quelli tipici della musica popolare quali il keyed fiddle, la ghironda, la cornamusa svedese e il simpatico scacciapensieri.

A differenza del debutto non c’è l’effetto sorpresa, ma rimane lo stesso un validissimo album pieno di ottime melodie, un’orecchiabilità oltre la media e un buon groove che finisce per travolgere l’ascoltatore musicalmente predisposto a certi ritmi e sonorità. Difficile rimanere indifferenti alla parte iniziale di Farsot, con tanto di doppia cassa a dare maggiore fisicità alla canzone, o dinanzi al ritornello dell’opener Drängen Och Kråkan. Maggiore approfondimento merita il piccolo capolavoro Arv, apertura e chiusura in due versioni differenti del primo demo I En Tid Som Var del 2002, per l’occasione ri-registrata e leggermente modificata: il lungo brano – sette minuti – si snoda tra passaggi più intimi e malinconici e cori che sembrano essere inni al potere della natura, prima dell’accelerazione finale che fa tanto metal, pur non essendoci traccia di chitarre distorte. Deliziosa Gryning, dal potente ritmo e dalle affascinanti melodie, al punto da poterla considerare come una sorta di singolo per l’immediata presa sull’ascoltatore. C’è poi l’accoppiata composta da Äring e Yggdrasil che da sola vale l’acquisto di Eifur: divertenti, ritmate, squisitamente nordiche e, nel caso di Yggdrasil, anche potente, con quello stacco da headbanging a tre quarti di canzone, al quale è praticamente impossibile resistere!

Questa musica è per ballare, per divertirsi. Immaginate una sagra di paese, magari proprio Lilla Edet, cittadina natale dei Fejd, con tante persone dalle lunghe chiome bionde, molte delle quali allegramente barcollanti a causa dell’alcool. Sì, tanta birra ovunque, nei boccali, negli stomaci, per terra, rovesciata accidentalmente sui tavoloni di legno dove questi nordici saziano l’appetito con profumata carne arrosto. Quelle tavolate goderecce e rumorose dove è ammesso il rutto libero e le donne dalle lunghe gonne che coprono anche i piedi non si scandalizzano, ma anzi sorridono divertite. Tra questa confusione c’è chi non resiste all’energia della musica dei Fejd, e inizia a muoversi seguendo il ritmo: magari non sarà molto leggiadro, né bello alla vista, ma si diverte e ride dalla gioia mentre lo fa. Avete presente Gandalf nel film di Peter Jackson Il Signore degli Anelli – La Compagnia Dell’Anello mentre balla con gioia al compleanno di Bilbo Baggins? Bene, quello è un tipo di danza appropriata per l’occasione.

Eifur è la colonna sonora delle fiabe svedesi; un album capace di cambiare colore e tonalità ogni volta se ne presenta il bisogno, passando con disinvoltura dal verde scuro della strumentale Alvas Halling al marrone “terriccio umido” di Ledung, illuminando la via di chi si è perduto nelle silenziose foreste e cerca la via di casa senza farsi prendere dal panico, perché sa che la natura è amica dell’uomo, nonostante le atrocità che quest’ultimo ogni giorno compie contro di essa. Come le persone nel bosco, sconfiggiamo la “paura” di avere a che fare con ciò che non conosciamo, che non è metal, che è pericolosamente non metal… e facciamoci guidare dalla luce di questo piccolo gioiellino di musica folk.

NB – recensione rivista e aggiornata rispetto alla versione originariamente pubblicata per il sito Metallized.

Din Brad – Dor

Din Brad – Dor

2012 – full-length – Prophecy Productions

VOTO: 7,5 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Alma: voce – Inia Dinia: voce, tastiera – Negru: batteria

Tracklist: 1. Amar – 2. Îmbrăţişat De Dor – 3. Poarce’n Suflet Greu Păcatu – 4. Doină – 5. Cîntecul Cununei – 6. Dor – 7. Of, Of, Viaţă – 8. Durere – 9. Foaie Verde, Odolean -10. Cine Iubeşte şi Lasă – 11. Bradule, Brăduţule

Anno 2012, dalla tetra e sognante Romania si affacciano sul mercato i Din Brad, gruppo nato nel 2008 dalla volontà di Negru, batterista dei Negură Bunget recentemente venuto a mancare, nonostante l’idea iniziale sia di sei anni prima. Alla sua causa si uniscono la cantante Alma e la tastierista/cantante Inia Dinia, all’epoca della pubblicazione anche lei nei Negură Bunget, oltre ad una serie di ospiti. Dor è il primo e unico disco per la formazione di Timişoara, un lavoro che dista miglia dal sound del gruppo madre in quanto le undici tracce che compongono l’opera sono prive di strumenti elettrici, voci aggressive e ritmi serrati. Dor è la visione personale dei musicisti della loro musica tradizionale, la romena. Disco non di facile assimilazione, ma estremamente attraente, al punto che la geniale Prophecy Productions non ha perso tempo, mettendo immediatamente sotto contratto la band.

Le composizioni spaziano tra stacchi vocali e percussioni ripetute per tutta la durata della canzone, come in un rituale dove la mente riesce a uscire dal corpo per compiere voli e avere visioni altrimenti impossibili. Proprio le percussioni sono il motore trainante di Dor, in quanto, oltre al “solito” scheletro del brano, fanno anche da strumento principale in più di una situazione. Discorso a parte per le voci: la profonda Alma ben si distingue dalla squillante Ania Dinia, mentre Cătălin Motorga (nei Negură Bunget per i dischi Vîrstele Pămîntului e Poartă De Dincolo, ma qui in veste di ospite) spezza più di una volta la magia a tratti inquietante che si viene a creare grazie alle due brave cantanti. Diversi capitoli (Poarce’n Suflet Greu Păcatu, Of, Of, Viaţă e la conclusiva Bradule, Brăduţule) sono musicati unicamente dalla voce maschile, mentre in Cîntecul Cununei Ania Dinia canta nel silenzio degli strumenti. Ogni singola canzone presente in Dor è una cerimonia con la natura, al rifugio sotto i possenti e secolari abeti dai quali la band prende il nome. La canzone Dor è forse la migliore rappresentatrice del sound dei Din Brad: percussioni incalzanti, le voci delle due singer che si alternano magistralmente con il dulcimer a creare la melodia di sottofondo; il risultato è ammaliante e raccapricciante al tempo stesso. Altro brano particolarmente interessante è Durere: l’aria si fa opprimente e la leggera tastiera che riempie il vuoto lasciato dagli strumenti assenti non fa altro che appesantire ulteriormente l’atmosfera; il flauto e il ritmo incalzante del finale non possono che far pensare a una danza liberatoria inforno al fuoco in una notte di luna piena.

Dor è un disco intenso e pesante, evocativo e pericoloso. I Din Brad sono i portatori dell’anima più tradizionale e ancestrale dell’affascinante Romania. Musica da ascoltare con la tremolante luce di una candela, l’incenso che brucia l’aria e, per chi può permetterselo, a piedi scalzi sull’erba quando il buio prende il sopravvento sulla luce. Le evocazioni di Dor sono in grado di far sognare così come di far rabbrividire. Chi ha paura di provare?

NB – recensione rivista e aggiornata rispetto alla versione originariamente pubblicata per il sito Metallized.

Ida Elena – Native Spirit

Ida Elena – Native Spirit

2016 – EP – Maqueta Records

VOTO: 7,5 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Ida Elena: voce – Simone Battista: chitarra – Domenico Azzolina: basso – Matteo Di Francesco: batteria, percussioni – Luca Bellanova: piano, harpsichord – Simone Salza: sax, clarinetto – Violetta Sala: flauto traverso – Albert Dannenmann: cornamusa francese, sopranino, low whistle

Tracklist: 1. Runes In My Pocket – 2. ‘Til My Last Breath – 3. The Butterfly – 4. Native Spirit – 5. Folliapoesia

ida_elena-nature_spirit

Direttamente dai boschi fatati e dalle cascate più affascinanti, arriva l’EP di Ida Elena, talentuosa cantante dall’animo celtico. Nata in Sicilia, cresciuta a Roma e cittadina del mondo, la brava musicista vanta prestigiose apparizioni televisive, collaborazioni internazionali (Bare Infinity, Vivaldi Metal Project ecc.), show su palchi da sogno (Wave Gotik Treffen nel 2013) e svariati album e singoli come bagaglio d’esperienza.

Native Spirit è un dischetto dal sound classico eppure personale, con brani in grado di unire le varie anime dell’artista: musica folk e celtica incontrano il rock e atmosfere sognanti, un grande mix di stili e influenze che anche grazie all’aiuto di musicisti esperti (primo tra tutti Albert Dannenmann, ex Blackmore’s Night), Ida Elena DeRazza è riuscita a proporre con eleganza in appena cinque composizioni.

L’iniziale Runes In My Pocket è un bel sali-scendi di sonorità soft e d’impatto, dal ritornello accattivante e pregevoli melodie folk in primo e secondo piano a secondo dei momenti. Quel che impressiona, però, è la voce matura e potente di Ida Elena: si ha immediatamente la certezza di avere a che fare con una voce ben al di sopra della media. ‘Til My Last Breath risente in positivo della passata esperienza nel tributo ai Blackmore’s Night, un bel brano soft ma intenso nell’interpretazione vocale, tuttavia è nel singolo (con relativo videoclip) The Buttefly che Ida Elena DeRazza dà il meglio di se. La canzone è una ballata dal sapore medievale, con ritmi ballabili e l’esplosivo ritornello tra le cose più belle ascoltate in questo 2016. La title-track porta alla mente i suggestivi paesaggi della verde Irlanda, luoghi magici che entrano nel cuore di chi ha la fortuna di visitarli, ed è proprio con il cuore che la toccante Nature Spirit è cantata. L’ultima traccia dell’EP, Folliapoesia, porta subito alla mente i migliori brani dei Lingalad, creatura del musicista/scrittore Giuseppe Festa, vuoi per le sonorità che per il tipo di testo (l’unico in italiano). Una bella conclusione per un lavoro maturo che non potrà che far conoscere e apprezzare Ida Elena nei circuiti folk/celtici.

Detta della bontà del songwriting, soprattutto per la varietà di soluzioni in così pochi brani, va riconosciuto anche l’efficace lavoro in fase di produzione, perfetta per far risaltare la voce, com’è normale che sia in un cd come questo, che per l’equilibrio tra gli strumenti e i bassi rotondi e avvolgenti.

Il disco mette in mostra la bravura di Ida Elena, cantante che dà voce alle fate del bosco. Siete pronti a vivere le avventure raccolte dal grande W.B. Yeats con Nature Spirit a fare da colonna sonora?