Alestorm – No Grave But The Sea

Alestorm – No Grave But The Sea

2017 – full-length – Napalm Records

VOTO: 8,5 – recensore: Mr. Folk

Formazione: Christopher Bowes: voce, tastiera – Máté Bodor: chitarra – Gareth Murdock: basso – Elliot Vernon: tastiera, tin whistles – Peter Alcorn: batteria

Tracklist: 1. No Grave But The Sea – 2. Mexico – 3. To The End Of The World – 4. Alestorm – 5. Bar Ünd Imbiss – 6. Fucked With An Anchor – 7. Pegleg Potion – 8. Man The Pumps – 9. Rage Of The Pentahook – 10. Treasure Island

Prendete Storie di pirati e d’alto mare di Arthur Conan Doyle, La vera storia del pirata John Silver di Bjorn Larsson e L’isola del tesoro di R.L. Stevenson. Mentre scorrete le pagine che narrano di abbordaggi, bevute colossali e incredibili personaggi con gambe di legno o pappagalli sulla spalla, avvertirete sicuramente il bisogno di ascoltare della musica a tema, cosa scegliere? No, non Hans Zimmer, autore delle belle colonne sonore di Pirati dei Caraibi. Il meglio sulla piazza sono indiscutibilmente gli Alestorm e il loro nuovo No Grave But The Sea. I pirati scozzesi arrivano al quinto sigillo della propria carriera e alzi la mano chi, nel gennaio 2008, dopo aver ascoltato il debutto Captain’s Morgan Revenge, aveva immaginato non solo una carriera lunga dieci anni, ma anche il successo che li porta a essere uno dei nomi “pesanti” dell’odierna scena heavy metal. Christopher Bowes e soci sono stati bravi – anche grazie dell’ottima Napalm Records – nel migliorare strumentalmente e a livello compositivo senza perdere una briciola di quel loro tipico essere cazzoni disordinati e sudici che tanto li caratterizza. Se oggi, giugno 2017, si parla degli Alestorm come una band affermata e brava in studio quanto divertente in concerto, il merito va proprio al capitano Bowes, abile nonostante le frequenti sbornie a metter su una ciurma diligente e affiatata.

L’evoluzione musicale dal debutto a oggi è innegabile, ma è anche vero che sono tre i dischi che all’incirca suonano tutti uguali e con strutture e melodie spesso molto simili tra loro. Si può controbattere dicendo che i vari Ac/Dc e Motörhead hanno fatto una carriera – e che carriera! – sulle stesse quattro note senza che nessuno provasse a criticarli per questo motivo. Gli Alestorm, con le dovute differenze, fanno lo stesso. D’altronde, un loro fan cerca il sound Alestorm e non altro. Spazio quindi a inni alcolici, divertenti e infami “giochi” da pirati, racconti epici da veri lupi di mare. Il tutto racchiuso in una manciata di singoloni e qualche bel pezzo: tanto basta ai bucanieri scozzesi per confezionare un disco solido, allegro, tosto e accattivante.

La title-track racchiude tutto il mondo Alestorm in tre minuti e mezzo, ma il meglio arriva con le tracce Mexico, Alestorm e Fucked With An Anchor. La prima ha un ritornello irresistibile che farà impazzire tutti quanti durante i concerti:

Yo! Ho! Mexico!
Far to the south where the cactus grow
Tequila and a donkey show
Mexico! Mexico!
Yo! Ho! Mexico!
Far to the south where the cactus grow
Take me away from the ice and the snow

Alestorm è più seriosa e pesante, dal riff principale vicino al metalcore, fino alla grandiosa esplosione del chorus che glorifica Bowes nell’olimpo dei pirati:

Rum, beer, quests and mead
These are the things that a pirate needs
Raise the flag, and let’s set sail
Under the sign of the storm of ale

Continuando a parlare di ritornelli, non si può far finta di nulla dinanzi a un capolavoro come quello di Fucked With An Anchor. La traduzione la lascio a voi:

Fuck! You!
You’re a fucking wanker
We’re going to punch you right in the balls
Fuck! You!
With a fucking anchor

You’re all cunts so fuck you all
Fuck you!

Ridurre gli Alestorm a soli ritornelli da urlare al cielo e a storie tragicomiche non sarebbe giusto. Dietro ai testi e all’immagine goliardica ci sono musicisti preparati che sanno suonare i propri strumenti, e che soprattutto sanno comporre buone canzoni. Prova ne è Treasure Island, composizione da oltre sette minuti che chiude il disco con massicce dosi di doppia cassa, melodie da taverna e grandinate di riff gagliardi.

Come sempre a occuparsi dell’ottimo audio c’è Lasse Lammert, al lavoro con Bowes e soci fin dal disco d’esordio (oltre che con Svartsot, Gloryhammer e Huldre): il risultato è, manco a dirlo, di altissimo livello. Anche la copertina del disco è degna di nota, d’altra parte quando la commissione si affida a Dan Goldsworthy, noto per gli arwork di Accept e Gloryhammer, si va sul sicuro.

No Grave But The Sea è l’ennesimo bell’album degli Alestorm. Nei tre quarti d’ora di musica c’è tutto il meglio del repertorio dei pirati più amati del metal: fate scorte di rum e affilate le lame, si va alla conquista di bottini!!!

Alestorm – Sunset On The Golden Age

Alestorm – Sunset On The Golden Age

2014 – full length – Napalm Records

VOTO: 8 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Christopher Bowes: voce, tastiera – Dani Evans: chitarra – Elliot “Windrider” Vernon: tastiera – Gareth Murdock: basso – Peter Alcorn: batteria

Tracklist: 1. Walk The Plank – 2. Drink – 3. Magnetic North – 4. 1741 (The Battle Of Cartagena) – 5. Mead From Hell – 6. Surf Squid Warfare – 7. Quest For Ships – 8. Wooden Leg! – 9. Hangover (Taio Cruz cover) – 10. Sunset On The Golden Age

alestorm-sunset_on_the_golden_age
Gli Alestorm sono diventati in pochi anni uno dei gruppi di punta dell’austriaca Napalm Records grazie a dischi ben fatti e un’attitudine cazzona e sincera. I cinque scozzesi giocano a fare i pirati e sono molto credibili, anche nei live show dove, con il passar del tempo e accumulando esperienza, sono diventati delle macchine da guerra sputa alcool.

Il quarto disco della band di Perth, Sunset On The Golden Age, prosegue il discorso musicale intrapreso dal precedente Back Through Time, lavoro che vedeva un certo indurimento delle chitarre rispetto ai primi due cd e alcuni momenti piuttosto violenti, sempre in un contesto scanzonato e goliardico. L’album in sé suona come il “classico cd degli Alestorm”, ma ci sono delle tracce che spiccano sulle altre per personalità: la prima che salta all’orecchio è Drink, singolone destinato al successo anche in sede live e che non a caso è stata scelta per il videoclip di rito: breve, divertente e dal micidiale ritornello è un vero inno! Molto carina l’idea di inserire alcuni dei “titoli storici” della ciurma scozzese all’interno della seconda strofa:

We’ve travelled all the seas for wenches and mead
And told great tales of the huntmasters’ deeds
The quest for a drum of the famous ol’ spiced
Has shown us the wrath of leviathans might
We went back through time to get more rum
Though we end up shipwrecked having no fun
But heavy metal pirates we must be
So give all your beer and your rum to me!

Un pezzo che si distingue da tutti gli altri è Wooden Leg!, dall’attitudine hardcore: il chorus sembra uscito dalla scena newyorkese ’80 per sound e cattiveria. Un po’ a sorpresa (ma ormai ci si aspetta veramente di tutto dopo l’eccellente In The Navy dei Village People nell’EP pubblicato nell’estate 2013) la cover scelta da capitan Bowes è un pezzo che nel 2011 ha fatto il giro del mondo tra radio e MTV. Si tratta di Hangover di Taio Cruz, resa metallica dai cinque pirati e che, anche grazie al testo, si adatta alla perfezione al resto delle canzoni. Chiude Sunset On The Golden Age la lunghissima titletrack da undici minuti, canzone che varia diverse volte d’umore senza abbandonare mai la rotta del pirate metal.

Tutte le altre sono buone composizioni, a partire dalla tosta opener Walk The Plank, per passare alla folkeggiante e ignorante Magnetic North, e concludere con l’elaborata 1741 (The Battle Of Cartagena), dove sono presenti, in ordine sparso, growl, melodie folk e piratesche, nonché rimandi ai Turisas dell’ottimo The Varangian Way.

Il packing del disco è, come al solito, eccellente e di qualità; il sound del disco praticamente perfetto. Le chitarre sono ruspanti e grasse il giusto, il muro di suono risulta imponente senza però alterare la natura degli Alestorm. Infine, Christopher Bowes canta bene. Non sarà mai un vero cantante, il suo inglese molto scottish porta anche qualche sorriso, ma è perfetto per questa band e questa musica.

Sunset On The Golden Age conferma la buona salute artistica degli Alestorm, lanciatissimi nella loro battaglia pirati vs vichinghi. Con un Bowes così in forma al timone i cinque scozzesi non possono che saccheggiare nuovi porti e aumentare il bottino e la fama.

Alestorm – In The Navy

Alestorm – In The Navy

2013 – EP – Napalm Records

VOTO:  S.V. – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Christopher Bowes: voce, tastiera – Dani Evans: chitarra – Gareth Murdock: basso – Elliot Vernon: tastiera – Peter Alcorn: batteria

Tracklist: 1. In The Navy – 2. Shipwrecked
alestorm-in_the_navyTornano a farsi sentire gli Alestorm, e il mondo sembra un posto migliore dove vivere. Soprattutto quando lo fanno, come in questo caso, con una cover bizzarra, e quindi nel loro classico stile.

In The Navy è un vinile pubblicato dalla Napalm Records, buono per fare ulteriore pubblicità al dvd live degli scozzesi Live At The End Of The World in arrivo a novembre. Il 7” è limitato a 300 copie, 150 color blu e altrettante color oro.

Per chi non lo sapesse, In The Navy è un vecchio successo di quel capolavoro di gruppo trash che risponde al nome di Village People: degli ubriaconi scozzesi che giocano a fare i pirati che coverizzano una band simbolo della comunità gay è quanto di più kitch ci possa essere, e chiaramente il risultato è eccellente. Per questo brano è stato fatto anche un video, visibile a fondo recensione insieme a quello originale del 1978, che altro non è che un collage di scene backstage e on stage del loro ultimo tour in Australia e Nuova Zelanda. Musicalmente suona simile all’originale, con quelle rullate che fanno tanta allegria e le la classica pronuncia imperfetta e tipicamente scozzese di Bowes: esattamente quello che ci si aspetta da una cover da loro eseguita. Il lato B del vinile prevede un’esilarante versione remixata di Shipwrecked, in questo caso intitolata Shipwrecked (Drop Goblin Remix), canzone tratta dall’ultimo cd Back Through Time del 2009. Non so chi ha messo mano alla canzone, ma è un fottuto genio: effetti da videogiochi arcade, qualche schitarrata ignorante e in generale un remix grottesco trasforma la canzone nell’ideale colonna sonora di una festa tra amici metallari che finisce in baldoria e alcool a volontà. Purché questi amici non siano duri e puri, perché per loro il folk metal (e quel che gira attorno) è un sotto-sotto genere ridicolo, Branduardi con la chitarra elettrica, e non hanno possibilità di redenzione. Noi divertiamoci anche per loro, con gli Alestorm ad alto volume è più facile!

Calico Jack – Panic In The Harbour

Calico Jack – Panic In The Harbour

2013 – EP – autoprodotto

VOTO: 6,5 – Recensore: Mr. Folk

Formazione: Giò: vocals – Toto: chitarra – Melo: chitarra – Ricky Riva: basso – Dave: violino – Caps: batteria

Tracklist: 1. Where Hath Th’ Rum Gone? – 2. House Of Jewelry – 3. Grog Jolly Grog – 4. Deadly Day In Bounty Bay

calico_jack-panic_in_the_harbour

Con una copertina che più esplicita non si può e un nome preso dal famoso corsaro britannico John, conosciuto come Calico Jack e “inventore” della bandiera per eccellenza, la Jolly Roger, cosa ci si può aspettare se non spassoso pirate metal? La band lombarda, attiva dal 2011 e con all’attivo il demo Scum Of The Seas, torna alla carica con l’EP Panic In The Harbour, dischetto contenente quattro brani, indovinate un po’, di pirate metal!

Fin dal primo ascolto è possibile notare come i Calico Jack abbiano fatto le cose per bene: dalla produzione alla qualità delle canzoni, per finire con le prove dei musicisti, tutto è migliore rispetto al demo, segno che i ragazzi si sono dati un gran da fare in sala prove.

Where Hath Th’ Rum Gone? è la spassosa opener di Panic In The Harbour: il violino di Dave è veloce e ricorda i Korpiklaani di qualche album fa, le chitarre e la sezione ritmica creano un discreto muro sonoro e l’impatto sull’ascoltatore è sicuramente buono. Più pacata House Of Jewelry, dal ritmo tipicamente heavy metal e con la parte centrale molto interessante tra assoli di sei corde e melodie di violino che si incastrano con gusto. Grog Jolly Grog è una composizione molto varia, che alterna momenti scalmanati ad altri più ricercati (gustoso l’ultimo minuto e mezzo!); nel finale i Calico Jack mostrano sì di saper far casino, ma anche di essere in grado di creare una buona canzone. I primi due minuti di Deadly Day In Bounty Bay, brano che conclude l’EP, sono estremamente piacevoli e melodici, tra dolci note di violino e accordi morbidi di chitarra, mentre il resto della canzone è più classicamente Calico Jack. La lunga composizione (otto minuti e mezzo di durata) scorre piacevolmente fino all’ultimo secondo, un pezzo diretto, semplice e ben realizzato.

L’unico punto a rischio di Panic In The Harbour è la voce di Giò: il suo growl profondo e pesante non è facile da assimilare e sicuramente farà storcere il naso a più di una persona. Rispetto al demo Scum Of The Seas il singer è migliorato e ora il suo vocione, dopo alcuni ascolti, si adatta bene alla musica del gruppo. Sicuramente si può fare ancora meglio, ma pezzi come Grog Jolly Grog testimoniano che l’abbinamento pirati/growl si può fare e che possono uscire anche momenti eccellenti.

Il suono dell’EP è una nota positiva: Panic In The Harbour è registrato bene considerando che è un autoprodotto di un giovane gruppo con non molta esperienza. Anche il mixaggio è curato: tutti gli strumenti hanno il giusto spazio, i volumi sono ben regolati e i complimenti per Caps, che si è occupato anche di questo aspetto, quindi, sono d’obbligo.

Diversi gruppi, dopo l’esplosione degli Alestorm (o la riscoperta dei Running Wild?), si sono appassionati al mondo dei pirati, e anche in Italia esistono alcune band dal buon potenziale: i Calico Jack sono i primi a realizzare un lavoro semi professionale e ben fatto. Attenzione quindi, i pirati sono tra noi!  YAAARRRR!!!

CalicoJack