Intervista: Helheim

Quanti gruppo possono vantare la pubblicazione di un disco stupendo come WoduridaR a quasi trenta anni dalla propria formazione? E quanti, nell’ultima parte di carriera, hanno azzeccato uno dietro l’altro la realizzazione in serie di album che hanno permesso al sound classico del gruppo di progredire rendendolo fresco e sempre nuovo senza tuttavia snaturarlo, lasciando le vecchie radici ancora ben salde? In pochi possono competere con gli Helheim del 2021, e fa sempre piacere avere a che fare con un artista come Vgandr, sincero nelle risposte e con il desiderio di far conoscere meglio l’ultimo nato in casa Helheim.

– SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION! – 

Un grande ringraziamento a Marzia Vettorato per la traduzione dell’intervista.

Ascoltando WoduridaR ho avuto la sensazione di essere circondato dalla nebbia, di avere freddo e di stare incredibilmente bene. Vi piace l’effetto che mi fa e cosa provate voi ad ascoltarlo?

Ti sono grato per il tuo pensiero, ma sottolineo sempre che formulare una propria opinione riguardo l’interpretazione di un album è importante per tutti. Devo dire che comprendo perfettamente la tua descrizione, e in effetti tendo a provare le stesse sensazioni. Tuttavia, quando si lavora così meticolosamente ad un album, come abbiamo fatto noi, è facile esacerbare l’intera sessione. Nel tempo, questo potrebbe riportare all’idea originale, come è stato per i vecchi album.

Ho avuto l’impressione che con WoduridaR abbiate proseguito quanto fatto negli ultimi lavori, ma ripescando una parte di quella vecchia cattiveria musicale che ultimamente era stata messa un po’ in disparte.

Sono totalmente d’accordo, in particolare riguardo Rignir. Dare a quest’album una natura più estrema è stata una decisione consapevole. Allo stesso tempo, devo dire che è stato importante per noi proseguire mantenendo il cantato pulito. Ormai è parte integrante degli Helheim, e rende la musica più atmosferica e variegata.

La mia idea è che questo disco sia il più completo e bello della vostra discografia. Voi cosa pensate di questo disco? So che è difficile da dire, ma quali sono i dischi che ritenete più riusciti e importanti della vostra discografia?

Beh, grazie mille. Non accade molto spesso che una band pubblichi il suo miglior album dopo quasi 30 anni di attività; perciò, questo è sicuramente gratificante da sentirsi dire. E anche io concordo con te. Credo che per ogni band sia importante lavorare all’album successivo pensando che possa essere il migliore. È qualcosa che abbiamo fatto anche noi, e continuiamo a fare, ma col senno di poi non sempre ci siamo riusciti (vedi Blod & Ild, Yersinia pestis ecc.); in ogni caso, direi che i nostri ultimi tre album siano di una qualità davvero soddisfacente.

I testi sono slegati tra di loro e nell’info sheet fate menzione di Tankesmed e Litil Vis Madr come i più oscuri dell’album. Vi chiedo quindi di approfondire i testi del disco e di queste due canzoni nello specifico.

Eheh, servirebbe troppo spazio per darti una spiegazione dettagliata, traccia per traccia. Di solito tendo a farlo per telefono, o comunque a voce. Però, posso farti un tutorial.

Vilje av stål – Questo brano riguarda la perdita di un passato glorioso. Inoltre: dovremmo accettare questa perdita, oppure dovremmo accettare di non accettare ciò che oggi viene accettato? Mi segui?

Forrang for fiende- Anche se tutto sembra ormai perduto nel passato, c’è ancora una luce. Una luce che resta dentro di noi. Questa luce è di natura più umile rispetto a quella moralista tipica di ciò che viene considerato sacro per i monoteisti. Così come loro venerano (il che è davvero una follia in sé), noi impariamo dal nostro passato, e restiamo legati a radici morali che non distruggono (e non si distruggono). Per questo motivo diamo la precedenza ai nemici: sappiamo già che si sentono superiori.

WoduridaR – Riguarda i diversi appellativi di Odino, e i loro legami con le sue diverse aree di azione.

Åndsfilosofen – Un testo completamente bizzarro, al quale ognuno può attribuire la propria idea di significato. Non sono certo nemmeno io di cosa mi passasse per la testa, quando l’ho scritto.

Tankesmed – Rabbia allo stato puro. Lascia che il martello della volontà vibri i suoi colpi sulla testa di coloro che hanno tentato di accecarci nelle ultime migliaia di anni.

Ni s solu sot – Il titolo è in proto-norreno, e può essere tradotto come Senza la luce del sole. Si basa su un libro riguardante il proto-norreno, in cui vengono interpretate e discusse diverse iscrizioni runiche. È decisamente di un testo dal sapore mistico.

Litil vis madr – Un uomo conosce poco. Anche questo testo è basato su un’iscrizione runica. Cosa sappiamo davvero? Quali segreti devono ancora essere svelati? Noi sappiamo poco, ma la terra conosce tutto. Al suo interno albergano molti segreti che devono ancora essere scoperti dagli uomini, e che non sono mai stati portati alla luce.

Det kommer I bølger – Scritta in un momento di disperazione, in cui l’amore infuriava selvaggio nel mio cuore. Si tratta di una storia vera, che per mia fortuna ha avuto un lieto fine.

Ni S Soli Sot è forse la canzone più particolare dell’album, avendo una fisionomia tutta sua e presentando al suo interno diversi elementi che la caratterizzano. Volete raccontarci qualcosa sulla sua composizione e dirci come voi musicisti vedete la canzone in questione?

Questo brano è stato composto da H’grimnir, quindi non posso davvero dire quale sia stato il processo creativo. In ogni caso, è certamente uno dei miei preferiti dell’album.

Torniamo al disco landawarijaR, con la title-track che omaggia Impressioni Di Settembre della P.F.M. La prima volta che ho ascoltato la canzone sono rimasto a bocca aperta perché siete riusciti a far vostro un pezzo della storia del prog amalgamandolo alla perfezione col vostro sound. In quale modo è venuta fuori questa cosa? Prima di iniziare la scrittura avevate già in mente di fare un omaggio del genere o semplicemente è stata fatta in sala prove per “giocare” e poi il risultato vi ha entusiasmato?

Il ricordo è abbastanza vivido. A quei tempi ascoltavo molto prog italiano, e la canzone menzionata fu tra quelle che catturarono maggiormente la mia attenzione. Si avvicinava davvero alla mia definizione di “maestoso”. Avevo già iniziato a comporre la title track, ma poi ho avuto l’idea di includere la P.F.M., creando quello che è l’attuale vero brano. Mentre andavamo in montagna per un meeting, ho presentato la mia idea al resto della band, e tutti l’hanno immediatamente apprezzata. Quindi, la canzone è divenuta realtà.

Il progressive italiano in Norvegia sembra avere diversi fan nella scena viking black: voi, Enslaved e Borknagar non ne fate mistero. La cosa interessante è che tutti voi avete avuto un’evoluzione dal suono crudo degli inizi verso un qualcosa di più strutturato che mette insieme extreme metal e influenze prog, di fatto rendendo i vostri sound unici e immediatamente riconoscibili.

Non sapevo che anche gli Enslaved e i Borknagar ascoltassero prog italiano, ma direi che la cosa abbia senso. Devo sottolineare che landawarijaR è l’unico brano che trae i suoi frutti da un’influenza prog diretta. Le altre sono semplicemente idee sparse che avevamo in testa.

Al di là del nome, qual è la vostra connessione con la mitologia norrena?

I nostri testi riguardano i misteri delle rune, e anche la condotta e l’etica degli antichi. Ritengo che ci sia molto da imparare dal passato. In più, utilizzo la concezione pagana come avversario dei dogmi religiosi che si sono impossessati delle nostre vite.

Ci sarà qualche tour per promuovere il disco, magari in primavera? State organizzando le date sperando di poter girare l’Europa senza problemi?

No, abbiamo solo festival in programma.

Pubblicherete mai un live album o cd/dvd live, magari in occasione di un anniversario?

No, decisamente no. Non abbiamo interesse in questo genere di cose.

Vi ringrazio per l’intervista e spero di potervi vedere presto in concerto in Italia; volete aggiungere qualcosa?

Grazie a te. Spero che il popolo metal italiano apprezzi il nostro nuovo album, visto che noi stessi ne andiamo fieri. E come sempre: il paganesimo è resistenza.

ENGLISH VERSION:

While listening to WoduridaR I have felt like being surrounded by the fog. I could feel the cold air, it was a pleasant and incredible sensation. Do you agree with my personal feeling? How do you feel while listening to this album?

I’m grateful for your thoughts and sensations, but I always stress that it’s important for everyone to make up their own opinion about how an album is interpreted. I must say that I fully understand your description, and I tend to feel the same. Though, when working on an album so thoroughly as we have, it’s easy to overkill the whole session. In time it might bring back the original idea, as it is with older albums.

I had the impression that WoduridaR is the natural prosecution of your last works, with a bit more of your old “musical violence”, which was a bit left out in them.

I do agree, and especially concerning Rignir. It was a conscious decision to let this album be of a more extreme nature. At the same time, I must say that it was important for us to maintain and progress with the clean vocals. It’s now an integral part of Helheim, and it makes the music more varied and atmospheric. 

My general opinion is that WoduridaR is the best one in your discography; moreover, it can be considered also as the most complete one. What do you think about this album? I am aware that it might be a bit difficult for you to select, but I would like to ask you which are the records that you think are the most important and successful in your discography.

Well, thank you for that. It’s not very often a band releases their best album after almost 30 years, so this is of course extremely rewarding to hear. And I do agree with you as well. I think it’s important for any band to always chase the next album as being their best. This is something we also do and have done, but in hindsight we haven’t always succeeded in that (e.g. Blod & Ild, Yersinia pestis etc.), but again I think that our last 3 records are of a very satisfying quality.

The lyrics are not related to each other, and in the info sheet, you mention Tankesmed and Litil Vis Madr as the most obscure tracks of this album. I would like to ask you to tell us more about these two songs, and to give us a further explanation of all the lyrics in general.

Haha, to give you a thorough walk-through through every track would take up too much space. I rather tend to do that via telephone or other oral medias. But I will give you a tutorial.

Vilje av stål- Is about the loss of a grandeur past. Moreover, should we accept this loss, or should we accept to not accept what is now the accepted. Get it?

Forrang for fiende- Though all seems lost in the past there is still a glow. The glow that lingers within us. This glow is of a humbler state than the self-righteous light of the holy/monotheistic. As they worship (indeed a folly in itself), we learn from our/the past and stick to the moral roots that doesn’t destroy. So, for that matter we give precedence to enemy as they already feel that they’re superior.

WoduridaR- Concerning Odin’s different names and how they’re linked to his different areas of activity.

Åndsfilosofen- Completely and utterly a weird lyric where each can find their own meaning. I’m not even sure myself what I had in mind when I wrote it.

Tankesmed- This is pure anger. Let the hammer of the will fall hard upon the ones who have tried to blind us the last thousands of years.

Ni s solu sot- The title is pre-nordic and can be translated into No sunlight. Based on a book about the pre-nordic language where different runic inscriptions are debated and interpreted. A mystic lyric, indeed.

Litil vis madr– And man knows little. This is also based on a runic inscription. What do we actually know? What secrets are still to be revealed? We know little, but the earth knows it all. Therein lies so many secrets that are still to be found by man, and some never to be excavated.

Det kommer I bølger- Written in dire times when love raged wild in my heart. It’s a true story, and luckily for me it ended well.

Ni S Soli Sot probably is the most peculiar track of the whole album: it has its very own structure and several elements that characterize it uniquely. Would you like to tell us something about the process of writing, and your thoughts on this song?

This song was created by H’grimnir, so I can’t really say how the process was. It sure is one of my favourites on the album.

Let’s take a step back to your album LandawarijaR: the title track is a tribute to P.F.M.’s song Impressioni Di Settembre. The first time that I listened to it I was truly amazed: you have been able to re-interpret a milestone in the history of prog, mixing it with your sound with a perfect result. What was the process that led you to this? Did you have in mind to make this tribute before starting writing? Or was it a kind of experiment made during the rehearsals, with a result that left you excited?

I remember it quite vividly. At the time I was listening to a lot of Italian prog., and one of the songs that really caught my attention was the mentioned song. It really resonated to what I consider majestic. At the time I’d already started writing the title track, but I could hear the idea of using P.F.M. on this actual track. On our way to the mountains to have a band meeting I presented the rest of the band with the song, and they immediately liked the idea. And so, the song was a reality.

Italian progressive music seems to be popular in the Norwegian viking black scene: you don’t make a mystery of it, along with Enslaved and Borknagar. The most interesting aspect is that all of you have experienced an evolution: from the rough sound of beginnings to something more complex that blends extreme metal and prog influences. This leads to unique styles and sounds, easily and immediately recognizable.

I didn’t know that Enslaved and Borknagar listened to Italian prog., but I guess it makes sense. I must stress that the song LandawarijaR is the only song that bears fruit from a direct influence from prog. The other influences are just loose ideas coming from the brain.

Besides the name of your band, what would you say about your connection with Norse mythology?

Our lyrics deals with the mysteries of the runes, but also the conduct and ethics of old. I think we have a lot to learn from our past. Furthermore, I use the pagan notion as an adversary to the religious dogmas that possesses our lives.

Are you planning a tour to promote your album, maybe in Spring? Are you scheduling the dates, hoping that it will be possible to travel around Europe without any issues?

No, we’re not. Only doing festivals.

Are you thinking about releasing a live album or a live CD/DVD, maybe to celebrate an anniversary?

No, certainly not. Not interested in doing such.

Thank you so much for this interview, I hope to see you live in Italy soon. Would you like to add something for our readers?

Thanks a lot for the interview. I hope that the Italian metal heads will enjoy our new album, as we’re proud of it ourselves. And as always; Heathendom is resistance.

Intervista: Aexylium

Conoscere una giovane band ai primi passi, seguirla negli anni e assistere alla maturazione artistica per poi parlare dei dischi che pubblica: così è successo anche con i lombardi Æxylium, avendoli incontrati per la prima volta nel 2016 grazie all’EP The Blind Crow e dando loro spazio per raccontarsi ai lettori del sito. La band del frontman Steven Merani ha da poco pubblicato il secondo disco The Fifth Season ed è questa l’occasione buona per tastare il polso a una delle più promettenti realtà folk metal. Hanno risposto alle domande Federico Buzzago (F) e Leandro Pessina (L).

RECENSIONI:
2021, The Fifth Season
2018, Tales From This Land

2016, The Blind Crow (EP)
INTERVISTE:

2018
2016

Sono passati tre anni dalla pubblicazione del debutto Tales From This Land e di strada ne avete fatta tanta. Cosa vi fa piacere ricordare degli scorsi anni, tra concerti ed esperienze nuove?

F: Ricordiamo con piacere le band con cui abbiamo condiviso il palco (ad esempio Elvenking, Wind Rose ecc.) e le persone conosciute durante i concerti, in particolar modo quando a fine esibizione vengono a complimentarsi, quello fa sempre un certo effetto. Una delle esperienze più belle e calorose l’abbiam vissuta quando ci siamo esibiti al festival di Montelago, nel 2018 se non erro: la partecipazione del pubblico in quell’occasione fu davvero incredibile.

Nuovo album e nuova etichetta: come siete arrivati alla Rockshots Records?

F: In realtà con Rockshots avevamo già avuto modo di conoscerci diversi anni fa, prima ancora della pubblicazione di Tales From This Land, poi decidemmo in quel caso di percorrere un’altra strada. Questa volta invece ho contattato Roberto Giordano per inviargli l’album ormai terminato, lui si è mostrato interessato fin da subito e quindi abbiamo deciso di proseguire assieme quest’avventura.

La quinta stagione, ovvero?

F: La quinta stagione è un ipotetico ed immaginario futuro in cui l’uomo esaurisce le risorse del pianeta, fino ad arrivare ad un’epoca di carestia e una quasi totale estinzione delle specie viventi. Il clima, la natura e di conseguenza le stagioni così come le conosciamo vengono stravolte e a questo periodo viene dato il nome di “Quinta Stagione”, appunto. Nella title-track si parla proprio di questo, ma non è tutto così catastrofico come potrebbe sembrare: infatti il testo racconta anche di speranza e di una futura possibile rinascita dell’uomo e della Terra.

I testi ruotano intorno al mondo vichingo con divinità, storie e battaglie realmente avvenuto. Da dove nasce la passione per questo popolo e continuerete a parlare di loro nei testi o siete aperti a nuovi “mondi”?

F: La mitologia norrena è un tema che ci appassiona molto, e in quest’album ci eravamo promessi di ritagliarci diverso spazio per trarne ispirazione per i testi. In particolare Steven, il nostro cantante, legge diversi libri su queste tematiche, ma anche io spesso mi lascio incuriosire ed ispirare. Per il futuro non è detto che il tema “vichinghi” possa rimanere così centrale come in quest’album, magari scriveremo qualcosa di più personale, vedremo!

Ascoltando il disco ho avuto l’impressione che il vostro sound si sia indurito, con parti molto pesanti per il genere, ma che gli strumenti folk rendono comunque orecchiabili. Cosa ne pensi?

F: Era esattamente ciò che volevamo per quest’album. Abbiamo lavorato su riff di chitarra più serrati ed heavy, cercando di ottenere un sound più incisivo anche grazie all’utilizzo del growl di Steven in più brani. Abbiamo anche introdotto diverse tracce di coro registrate dai ragazzi di Facoltà di Musicologia di Cremona, per dare un tono più sinfonico a certe parti. Poi attraverso gli strumenti tradizionali comunque ricerchiamo sempre una melodia, un qualcosa che possa rimanere facilmente in testa.

In un paio di brani è presente Arianna Bellinaso alla voce: ci vuoi raccontare qualcosa in più di questa riuscita collaborazione?

L: Ho conosciuto Arianna nell’autunno del 2018, quando ho cominciato il Triennio Accademico di Flauto alla Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, a Milano. In particolare, abbiamo legato nelle pause caffè tra un corso e l’altro. Con lei c’è stata subito un’intesa personale, oltre che musicale, e quando Fabio mi ha detto che stava valutando l’idea di inserire una voce femminile su alcuni brani del nuovo album (all’epoca ancora un embrione) Arianna fu la mia prima scelta; mi sembrava, per timbro, tecnica e per “presenza”, la nostra candidata migliore. Lei, tra l’altro, era entusiasta della possibile collaborazione. Ascoltandone le registrazioni, anche gli altri si sono poi convinti che averla con noi in studio avrebbe notevolmente inciso sul risultato finale. La cosa migliore è stata vedere quanto la sua voce si legasse bene con il growl del nostro Steven. Non è la prima volta che collaboriamo con special guest femminili – basti pensare alla nostra versione del tema di Vikings, realizzata con il grande contributo Alessia Altea – ma con Arianna si è sviluppata un’intesa musicale unica, che speriamo di poter portare avanti.

Nell’opener The Bridge c’è anche Samuele Faulisi degli Atlas Pain. Immagino che tra di voi ci sia amicizia e stima che vi hanno portato anche a condividere il palco più volte.

F: Esatto, con Samuele e gli altri membri degli Atlas Pain c’è un bel rapporto di amicizia da diversi anni, credo che legare con nuove persone e instaurare nuove amicizie sia una delle cose più belle della musica. Da tempo avevo in mente di proporgli una parte come guest in qualche nostro lavoro per la stima che ho nei suoi confronti e lui ha accettato subito senza pensarci su, siamo rimasti molto soddisfatti del risultato.

Per la copertina vi siete rivolti a Jan Yrlund ed è davvero bella. In particolare mi piace il fatto che ci sia un colore predominante, così come il blu lo era per l’artwork di Tales From This Land. Questa dei colori è un’idea che date voi a Yrlund? Qual è il significato della copertina?

F: In realtà a Jan Yrlund abbiamo inviato solamente il testo della title-track The Fifth Season per poterne trarre ispirazione e gli abbiamo lasciato carta bianca su tutto. Lui ha centrato perfettamente il punto con la copertina, raffigurando sia la decadenza da una parte, che la rinascita dall’altra. Anche a noi la scelta dei colori è piaciuta sin da subito perché “colpiscono” e attirano già al primo colpo d’occhio.

Viviamo in tempi incerti, ma vi state comunque organizzando per suonare live e presentare le nuove canzoni di The Fifth Season?

L: Il periodo non è certamente dei migliori. Già sappiamo quanto poco – nonostante il grande potenziale di molti musicisti e di tante band – il metal e il folk contino nel panorama nazionale italiano, tra pregiudizi e stereotipi ormai ridondanti e nell’indifferenza dei più; inoltre, c’è sempre il rischio di qualche colpo di coda della pandemia. Nei limiti del possibile, posso comunque rispondere di sì. Lo scorso settembre abbiamo avuto il grande piacere di suonare, per la prima volta, al Feffarkhorn, festival che ci ha sorpresi per l’organizzazione e l’accoglienza, e per la caparbietà nel volere a tutti i costi realizzare un qualcosa che, da due anni a questa parte, è molto raro. Qui abbiamo presentato una piccola anteprima del nuovo album. Inoltre, il prossimo 7 di Novembre saremo all’Arlecchino di Vedano Olona (VA), dove vi aspettiamo per il nostro release party ufficiale. Posso poi anticipare (ma lasciando anche un po’ di suspense) che, se tutto andrà bene, il 2022 si prospetta come un anno di svolta: ci aspettano alcuni palchi europei di tutto rispetto. Se tutto rimane stabile e confermato, questi saranno i nostri primi live fuori dai confini italiani. Non vediamo l’ora.

Dovendo scegliere tre canzoni del vostro repertorio per farvi conoscere, quali scegliereste?

L: Considerando il nostro repertorio completo, includendo quindi anche i brani provenienti da Tales From This Land, credo di poter dire Into The Jaws Of Fenrir, la stessa Tales From Nowhere e, dal nuovo album, un brano tra Mountains e The Bridge.

Il sogno degli Æxylium per il 2022?

L: Ripercorrere il solco lasciato dalla Nazionale quest’anno, e “conquistare l’Europa”;)

Come sempre vi ringrazio per questa intervista, volete aggiungere qualcosa?

Grazie a te! Un saluto agli affezionati di Mister Folk e ci auguriamo che l’album sia di vostro gradimento!

Intervista: Celtic Hills

Arrivati al secondo disco in due anni con il nuovo Mystai Keltoy, gli italiani Celtic Hills hanno confermato le buone impressioni suscitate col debutto e aggiunto qualche piccola novità in grado di portare freschezza a un album in grado di fare la gioia degli appassionati dell’heavy power che non disdegnano le ritmiche vicine al thrash metal. Con testi che trattano di storie e leggende legate al Friuli Venezia Giulia, non potevamo non intervistare il cantante e chitarrista Jonathan Vanderbilt: buona lettura!

Rompiamo il ghiaccio parlando della vostra storia: ho visto che vi siete formati nel 2008 ma dopo un primo demo di due anni più tardi avete pubblicato il disco di debutto nel 2020: cosa è successo nel frattempo?

Sarebbe stato meglio omettere l’uscita del 2010 e dire che siamo nati dopo, ma per tenere  viva la fiamma della passione ho fatto uscire dei brani per delle compilation, mentre cercavo musicisti per creare una line-up stabile.

La copertina del disco è molto particolare, con quella navicella spaziale davanti a un antico villaggio. Ce ne vuoi parlare?

Ho studiato archeologia all’università e leggendo studi non accademici ho maturato la possibilità che la storia dell’uomo non si è svolta come ci hanno sempre raccontato. La copertina si rifà un po’ al film Outlander del 2009, ma negli argomenti che trattiamo nei testi vogliamo porre l’attenzione sul fatto che le astronavi esistevano già in tempi antichi, come scritto anche da Plinio il Vecchio o nella Bibbia masoretica, così come nei Veda indiani.

Nei testi di si parla di colonizzazione del Friuli Venezia Giulia da parte di antiche popolazioni aliene. Da dove nascono queste storie e come ne siete venuti a conoscenza? Anche se vi muovete in un genere nel quale non mancano draghi, eroi immortali e mondi fantastici, non temete di poter apparire “ridicoli” con questo tipo di storie?

Ci sono band che suonano perché devono vendere, noi suoniamo per esprimerci e poco importa se possiamo apparire ridicoli o demodé: in letteratura ci sono molti autori che sostengono la presenza aliena e cito i più noti: Zecharia Sitchin, Mauro Biglino, Corrado Malanga anche se per me il primo fu Peter Colosimo che vinse il premio Bancarella nel 1976 con il libro “Non è terrestre”. D’altra parte è meglio avere dubbi e far ricerche piuttosto che esser bigotti e credere senza far domande.

Con Allitteratio avete giocato la carta del testo in italiano: pienamente soddisfatti del risultato finale? Pensate di riproporre altri brani in lingua madre in futuro? Partendo da Allitteratio volete addentrarvi nei testi delle vostre canzoni, raccontando di cosa parlano?

Alliteratio è stata scritta per provare a partecipare  a Sanremo! Una sfida provare a scrivere in italiano un brano metal (anche se lo reputo più rock). Il testo usa l’allitterazione, una forma grammaticale un po’ desueta. In generale i testi seguono dei filoni che vanno da fatti storici realmente accaduti in Friuli (non si dimentichi che è stata una zona con molti avvenimenti storici rilevanti) a questioni più spirituali e filosofiche, ma dove l’essere umano è sempre al centro. Qualche testo è più idiota e parla di birra e vino: il Friuli è famoso anche per l’alcool!

Musicalmente il disco è vario e le canzoni hanno una personalità propria. Seguite un qualche schema per comporre o andate a ruota libera? Quali sono (e perché) i pezzi forti di Mystai Keltoy?

Secondo me è il modo di suonare che distingue una band, dipende dal carattere, dall’anima se vuoi, dalle cose che vuoi dire e come scegli di esprimerti. Quindi direi che andiamo a ruota libera senza voler dimostrare a tutti i costi il livello tecnico (ci sono tecnicismi, ma non finalizzati all’esibizionismo). Su Mystai Keltoy i pezzi che pensavo fossero i più forti non si sono dimostrati così piacevoli (Already Lost) mentre The Tomorrow Of Our Sons è andato oltre ogni aspettativa, come anche Eden, la canzone cantata da Germana Noage in qualità di ospite.

Nella canzone Eden il microfono è affidato alla brava Germana Noage: come nasce questa collaborazione?

Germana era la cantante degli Aetherna, band che come noi è con la Elevate Records, da qui la proposta di invitarla a cantare su una canzone che in fase di preproduzione a lei era piaciuta molto.

In dodici mesi avete pubblicato due album e un EP: dove trovate tutta questa ispirazione per comporre tanta musica in così poco tempo?

Mentre rispondo a queste domande stiamo già registrando il disco nuovo! L’ispirazione nasce leggendo le recensioni! Quando leggo le opinioni di chi ha avuto la pazienza di ascoltare un nostro disco capisco che ci sono sempre delle perplessità e mi vengono idee per scrivere nuovi pezzi! Non amo molto le etichette sul genere che ci viene affibbiato, così in questo nuovo lavoro ci sono esperienze nuove!

Nelle vostre canzoni si trovano tanti generi diversi, dall’heavy al thrash con una buona dose di power metal. Quali sono i gruppi che vi ispirano e come vi piace autodefinirvi?

L’approccio non è per genere, ma per emozioni! Per me è uno stile di vita, con dei valori dove amicizia, rispetto del pianeta e amore verso la propria terra e le tradizioni vanno rispettati. Queste cose hanno una colonna sonora che io sento nel Metal. Sottogeneri o definizioni sono cose da giornalista. Mi piacciono le band quando sono agli esordi: i miei amori da adolescente furono Helloween, Rage e Anthrax, ma parliamo degli anni 80!

Jonathan, come e quando hai iniziato a cantare e a suonare la chitarra? Quali sono i musicisti che maggiormente ti hanno influenzato?

Ho iniziato a suonare come bassista in un gruppo punk, ma avevo solo tredici anni. Poi ho studiato lirica e chitarra classica… per citarti i miei chitarristi preferiti inizio con Manni Schmidt (ex Rage, ex Grave Digger, ndMF) quando ero giovanissimo per poi come molti amare Malmsteen e in tempi recenti Victor Smolski (ex Rage, ndMF), Joe Satriani e Alexi Laiho.

Avete pubblicato quattro videoclip per promuovere Mystai Keltoy: Blood Is Not Water che è il classico video nel quale la band suona su di un palco, The 7 Headed Dragon Of Osoppo che è una sorta di “dietro le quinte”, Eden con l’ospite Germana Noage e The Tomorrow Of Our Sons, che è il videoclip che mi ha più colpito: in pratica siete voi tre che camminate in un prato. Come vi è venuta questa idea e che tipo di reazione sta avendo questo video?

Il video di Tomorrow Of Our Sons lo volevamo semplice per dare l’idea di una desolazione. Abbiamo aspettato una giornata plumbea e un prato con erba secca, ma anche con qualche primo germoglio, una sorta di desolazione con della nuova vita che inizia a crescere. Tra tutti i nostri video su Youtube è quello che ha raggiunto il più grande numero di visualizzazioni e commenti positivi. Per l’occasione ho indossato il mio primo chiodo degli anni 80!

Come Celtic Hills vi sentite parte della scena italiana? Ha senso parlare di fratellanza e condivisione nel 2021, o sono solo parole prive di significato?

Chi mi conosce sa bene di come cerchi sempre di collaborare con le altre band e con tante band italiane siamo molto amici! Siamo italiani e quindi apparteniamo alla scena italiana. Per onestà intellettuale devo dire che come per altre band italiane, siamo apprezzati di più all’estero, specialmente al nord Europa.

Tre pubblicazioni in dodici mesi, immagino quindi che starete già lavorando a qualcosa di nuovo. Confermi?

Il nuovo disco, di cui sono già stati registrati otto brani, ma stiamo registrando ancora, segue Mystai Keltoy con alcune cose che ricorderanno anche Blood Over Intents. Ti anticipo che ci sarà un brano molto da sagra ah ah ah, non lo voglio definire folk, forse più Volk! Ti voglio anticipare il titolo: Villacher Kirktag!

Come sai questo è un sito che tratta folk/viking metal. Ti chiedo quindi se conosci alcuni gruppi della scena e se ti piace qualcosa di questo genere.

Ti dico le band di cui ho gli album e quindi: Svartsot, Vicious Crusade, Lyriel e poi ovviamente band più note come Amon Amarth e King of Asgard.

Ti ringrazio per la disponibilità e la chiacchierata. Puoi aggiungere quello che vuoi!

Proprio perché è un sito dedicato al folk e al viking suggerisco alcune canzoni dei Celtic Hills su questo versante che sono The Slamming of 1000 Shields, Forum Julii, Avari Horn e Guardian Of 7 Stars che trovate su Youtube oppure su https://www.n1m.com/celtichills dove si possono anche scaricare gratuitamente se non sono con Elevate Records.

Intervista: Vansind

L’underground folk metal è vasto, affollato e pieno di band di valore. I danesi Vansind stanno cercando di farsi largo a suon di chitarre e tin whistle grazie al breve ma riuscito EP MXIII. Mister Folk ha il piacere di farvi leggere le parole del gruppo nord europeo, alla prima intervista italiana: buona lettura!

è

– SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION! – 

Un grande ringraziamento a Chiara Coppola per la traduzione dell’intervista.

Credo che questa sia la vostra prima intervista italiana, iniziamo quindi parlando della vostra storia.

Ciao Mister Folk, un caldo saluto per te e per tutti i tuoi lettori dalla Danimarca e dai Vansind, e un enorme grazie a te per averci dato l’opportunità di dirvi un po’ su noi stessi e sulla nostra musica! La band Vansind è un settetto, e sebbene si possa dire che proveniamo dalla città di Slagelse, i nostri membri si trovano in tutta la Danimarca da Copenaghen a Fredericia. La band si è formata nel 2019 quando Danni Jelsgaard (batteria) e Rikke K. Johansen (tastiere, whistle e cornamuse) hanno deciso di mettersi insieme e forse provare a colmare un vuoto sulla scena musicale danese lasciato in parte dallo scioglimento della band Huldre e in parte da alcune digressioni di altre band dalla parte più folk del genere metal. J. Asdgaard (voce), Gustav Solberg (chitarra), Line Burglin (voce), Morten Lau (basso) ed infine Tor Hansen (chitarra) furono ingaggiati e così il viaggio iniziò. Ciò che i membri hanno in comune è, prima di tutto, l’amore per la musica e il desiderio di fornire alla scena danese un po’ di metal con un atteggiamento sprezzante e in danese.

Prima di questo EP avete pubblicato due singoli, ne volete parlare?

È vero che abbiamo pubblicato due singoli, anche se il secondo è stato pubblicizzato come una premessa all’uscita di MXIII, e quindi compare anche sull’EP. Il nostro primo singolo, Valborgsnat/Walpurgis’ Night è del 2019 e rappresenta sicuramente l’inizio della band in termini di composizione e scrittura. Tutti erano coinvolti nella scrittura o nell’arrangiamento della musica, e da allora è stato il modo in cui lo facciamo.

MXIII è un EP di tre brani: presentatelo ai lettori di Mister Folk e raccontateci come avete vissuto questi mesi dopo la pubblicazione.

“MXIII” contiene le tre canzoni Fra Fremmed Kyst (03:39). Den Farlige Færd (05:23) e Gæstebudet (07:14), che raccontano ognuna una storia di coraggio, onore, oppressione, dei, re e ancelle… Insomma le cose che un vichingo potrebbe sognare alla vigilia della battaglia. Fra Fremmed Kyst (“From Strange Shores”) è una storia di disperazione, di mettere tutto in gioco per l’obiettivo comune e di ciò che potrebbe accadere se tenti il destino una volta di troppo. Den Farefulde Færd (“The Dangerous Journey”) è la storia dal titolo dell’EP, che racconta del re danese Svend Forkbeard, la cui forza e coraggio lo aiutarono a conquistare l’Inghilterra, ma i cui figli videro la propria ambizione e gelosia porre fine ai sogni del padre. Infine Gæstebudet (“La Festa”) racconta l’antica storia di uno dei tanti volti della guerra; l’incontro tra un soldato e una giovane donna che non finisce bene per nessuno dei due.

Di cosa trattano i vostri testi?

Saldamente radicati nella terra dei loro antenati, i Vansind suonano per la battaglia, danze a catena e l’innalzamento dei corni mentre le melodie folk incontrano il metallo solido e il vibrante mix di ringhi brutali e canto femminile. I temi dei testi sono tratti da antiche superstizioni e mitologia scandinava, nonché dalla tradizione della storia, e si combinano con la musica per formare un insieme festoso e cupo. Dove il luccichio negli occhi incontra il luccichio dell’acciaio esiste Vansind, e se ti unisci alla danza potresti intravedere il Valhalla stesso. In termini di materiale narrativo, il danese (e la tradizione scandinava) è assolutamente pieno di grandi racconti, e la storia scandinava è piena di saghe, faide e superstizioni, che creano testi epici e tuttavia ancora riconoscibili.

MXIII rimarrà in digitale o ci sono possibilità che venga stampato in formato fisico?

Al momento rimarrà in formato digitale, anche perché stiamo lavorando per registrare qualche altra canzone in un futuro non troppo lontano. Stiamo considerando di rendere disponibile anche una versione su CD, anche se nulla è deciso a questo punto.

Mi è piaciuta veramente molto l’alternanza delle voci, sicuramente un vostro punto di forza. Avete avuto difficoltà a trovare questo equilibrio o è stata una cosa spontanea e semplice?

Il mix delle voci era una chiara visione sin dall’inizio, avendo l’opportunità di avere entrambe le estremità dello spettro vocale, è un ottimo modo per evolvere sia la musica che la narrazione, e osiamo dire che siamo soddisfatti del modo in cui sta andando per noi finora.

La scena danese conta pochi gruppi ma tutti molto talentuosi. Vi sentite parte della scena e ci sono delle band con le quali andate maggiormente d’accordo?

La nostra scena musicale nazionale è stata molto dormiente negli ultimi 18 mesi circa, alla luce dell’epidemia covid. Perciò non abbiamo avuto l’opportunità di lavorare e di fare concerti con molte altre band, anche se le cose stanno andando molto bene su questo fronte e finora abbiamo prenotato per una mezza dozzina di lavori questo autunno. Sembra che siamo stati ben accolti dagli ascoltatori, e siamo molto ansiosi di mostrare la nostra musica dal vivo sul palco con alcuni buoni amici come i ragazzi e le ragazze di Svartsot, Aettir, Vanir e altri.

In alcuni momenti ho sentito degli echi degli Svartsot, forse per via del connubio voce growl/tin whistle. Sono una vostra influenza? Quali sono i gruppi che sentite più vicini?

Si potrebbe dire che gli Svartsot sono un’influenza, ma in termini di composizione e stile stiamo cercando di rivendicare il nostro interesse e di non copiare troppo da nessuno. Detto questo, siamo chiaramente influenzati dalle band che abbiamo ascoltato nel corso degli anni, ma questa è una vasta gamma di influenze considerando le varie età dei membri della band (abbiamo tra i 23 e i 44 anni), quindi per indicare una singola band come influenza principale sarebbe troppo semplicistico.

Immagino stiate già lavorando alle nuove canzoni: potete dirci qualcosa? Quali saranno i prossimi passi della band?

Stiamo infatti finendo un po’ di nuove canzoni e speriamo di rilasciare un altro EP verso ottobre o novembre, e stiamo anche programmando di iniziare a scrivere del materiale per ciò che diventerà un full-length, che registreremo prima o poi in primavera. Nel frattempo stiamo lentamente riempiendo il nostro calendario con concerti, una cosa che ci è mancata tantissimo nell’ultimo anno e mezzo, quindi speriamo di vedervi in tournée il prossimo anno e, con un po’ di fortuna, di avere un album pronto per voi la prossima estate!

Vi ringrazio per la disponibilità, volete aggiungere qualcosa?

Un ultimo ringraziamento a Mister Folk, ai tuoi lettori e a tutte quelle persone che ci hanno dato una risposta così positiva nel corso di questi mesi così difficili. Insieme batteremo questa pandemia, e quando ci ritroveremo dall’altra parte festeggeremo come se fosse il 1013! Tanti saluti e tanto affetto dai Vansind.

ENGLISH VERSION:

I think this is your first Italian interview, so let’s start with your story.

The band Vansind is a septet, and though we can be said to be from the town of Slagelse, our members are located across Denmark from Copenhagen to Fredericia. The band began in 2019 when Danni Jelsgaard (drums) and Rikke K. Johansen (keys, whistles, bag pipes) decided to get together and maybe try and fill a void on the Danish music scene left in part by the dissolution of the band Huldre and in part by certain other bands digression from the more folksy part of the metal genre. Recruited were J. Asdgaard (vocals), Gustav Solberg (guitar), Line Burglin (vocals), Morten Lau (bass) and finally Thor Hansen (guitar) and thus the journey began. What the members have in common is, first and foremost, a love for music and the desire to provide the Danish scene with some devil-may-care, dansable and Danish metal.

Before this EP you published two singles: would you like to talk about that?

It’s true we published two singles, although the second one was publicized as a build up to the release of MXIII, and so also features on the EP. Our first single, Valborgsnat/Walpurgis’ Night is from 2019 and certainly represents the beginning of the band in terms of composing and writing. Everyone was involved in the writing or arranging of the music, and that’s been the way we do it since then.

MXIII is an EP of three songs: present it to the readers of Mister Folk and tell us how you have lived these months after its publication.

MXIII contains the three songs Fra Fremmed Kyst (03:39), Den Farlige Færd (05:23) and Gæstebudet (07:14), that each tell a story of courage, honour, oppression, gods, kings and maids.. in short of the things a viking might dream of on the eve of battle. Fra Fremmed Kyst (“From Strange Shores”) is a tale of desperation and of putting everything on the line for the common goal, and of what may happen if you tempt the Fates once too often. Den Farefulde Færd (“The Dangerous Journey”) is the story from the title of the EP, telling of the Danish King Svend Forkbeard, whose strength and courage helped him conquer England, but whose sons saw their own ambition and jealousy end their father’s dreams. Finally Gæstebudet (“The Feast”) tells the old story of one of the many faces of war; the meeting between a soldier and a young woman that doesn’t end well for either of them.

What are your lyrics about? What are you most inspired by for your lyrics? Is Danish folklore full of legends to be inspired by?

Firmly rooted in the soil of their ancestors Vansind play for battle, chain dances and the raising of horns as folkish melodies meet solid metal and the vibrant mix of brutal growls and female singing. The lyrical themes are harvested from ancient superstitions and Scandinavian mythology as well as the lore of history, and combines with the music to shape a whole that is both festive and somber. Where the glint on the eye meets the glint of steel Vansind exists, and if you join in the dance you may just catch a glimpse of Valhal itself. In terms of story material Danish (and Scandinavian lore) is absolutely rife with great tales, and Scandinavian history is full of sagas, feuds and superstitions, making for epic and yet still relatable lyrics.

Will MXIII remain digital or are there chances that it will be printed in physical format?

At the moment it will remain digital, not in the least because we’re working towards recording a few more songs in the not-too-distant future. We are considering making at least a CD-version available too, though nothing is decided at this point.

I enjoyed the alternation of the two voices, this is one of your strong points. Did you have difficulty finding this balance or was it spontaneous and simple?

The mix of vocals was a clear vision from the beginning, having the opportunity to call on both ends of the vocal spectrum is a great way to evolve both the music and the storytelling, and we dare say we’re pleased with the way it’s working out for us so far.

The Danish scene has a few but very talented groups. Do you feel part of that scene and are there any bands you get along better with?

Our national music scene has been very much dormant during the last 18 months or so, in light of the Covid-epidemic. Thus we haven’t had the opportunity to works and gig with many other bands, although things are very much looking up on this front and we’re booked for half a dozen jobs this fall so far. It seems we’ve been well received by the listeners though, and we’re very eager to showcase our music live on stage with a few good friends such as the guys and girls of Svartsot, Aettir, Vanir and others.

In some moments I heard some echoes from Svartsot, maybe for the union of growl and tin whistle. Are they one of your influence? Which group do you feel closest to?

You might say that Svartsot are an influence, but in terms of composition and style we’re very much trying to claim our own stake and not copy too much from anyone. That being said we’re clearly influenced by the bands we’ve listened to over the years, but that is a broad array of influences considering the various ages of band members (we’re between 23 and 44 years of age), so to point out a single band as main influence would be far too simplistic.

I suppose you’re working on some new songs: can you tell us something about that? What will the next steps of the band be?

We are indeed finishing up a few new songs  and hope to release another EP come October or November, and are also planning to start writing material for what will become a full-length album, that we will be recording sometime next spring. In the meantime we’re slowly filling up our calendar with gigs, a thing that we’ve been missing so, so much over the last year and a half, so we hope we’ll be seeing some of you on the road over the next year and, with a bit of luck, have an album ready for you next summer!

Thanks for the availability, would you like to add something?

A final thanks to Mister Folk, your readers and all the people that have given us such a positive response over these last difficult months. Together we’ll beat this pandemic, and when we meet on the other side we’ll celebrate like it’s 1013! Many regards and much love from Vansind.

Intervista: Sorcieres

La Francia ha una ricca scena folk/pagan metal, ma per qualche ragione non ha mai prodotto gruppi in grado di imporsi a livello internazionale. I giovani Sorcières hanno qualità e grinta da vendere e potrebbero essere la prossima sorpresa proveniente dall’underground: d’altra parte un lavoro avvincente come il debutto Empoisonné non si realizza tutti i giorni e a sentire le parole del leader Thibaut Marlard c’è da scommettere che ce la metteranno tutta per emergere.

– SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION! – 

Un grande ringraziamento a Chiara Coppola per la traduzione dell’intervista e per aver aggiunto alcune domande particolarmente interessanti.

Benvenuti su Mister Folk! Presentate il gruppo ai lettori del sito.

Ciao e grazie! Siamo una band black/folk metal dal nord della Francia. Ho iniziato questo progetto musicale da solo nel 2016 e ho conosciuto i miei compagni di band un anno dopo. Conoscevo il cantante Pierre-Alain da molti anni, ma fino ad allora era troppo timido per provare a cantare in una band, anche se era davvero bravo.  Abbiamo registrato un EP nel 2016 con gli ex membri Roman (chitarra) e Alex (batteria), e abbiamo suonato in Francia e Belgio, poi nel 2020 la lineup è cambiata un po’ con Tritt (dai Cave Growl, un’altra band folk metal francese) alla batteria e me alle chitarre; gli altri membri sono Marie (violino) e David (basso). Abbiamo registrato il primo album Empoisonné durante la crisi del Covid-19 e ora siamo pronti a salire di nuovo sul palco!

Il vostro nome significa streghe: da dove nasce questa scelta e c’è un legame tra il nome e i testi delle canzoni?

Questa è una forte figura mitica a cui ci sentiamo legati, perché è senza tempo e la puoi trovare in ogni cultura, ha un profondo legame con la natura, la società, l’oscurità interiore, la psicologia e il folklore. Quindi sì, ci sono molti riferimenti alla stregoneria nei testi. Ma non siamo legati a questo nome, ci sentiamo liberi di fare canzoni e testi su molti altri argomenti.

Dovendo dare delle coordinate musicale ai lettori che non vi conoscono, come descrivereste la vostra musica e con quali gruppi sentite di avere qualcosa in comune?

Suoniamo blackened folk metal con un po’ di heavy metal e a volte parti di death metal, siamo aperti a molte influenze, ma dobbiamo restare folk ed extreme metal. Ci piacciono ovviamente Finntroll, Moonsorrow, Thyrfing, ma anche Otyg, Asmegin, Agalloch, Melechesh, Primordial, Negura Bunget… e molte altre, ma queste sono solo le influenze maggiori.

Avete da poco pubblicato il primo full-length dal titolo Empoisonné (tr.: avvelenato), un lavoro per me ben fatto e piacevole da ascoltare. Potete raccontare qualsiasi cosa sul vostro nuovo disco!

È stato un lavoro enorme, dato che abbiamo fatto tutto da soli (registrazione, missaggio, illustrazioni…) e abbiamo avuto qualche difficoltà con le restrizioni del Covid-19: molte discussioni sull’album erano solo via discord o telefono, le chitarre e la batteria erano registrate separatamente a casa. Ho registrato sia la chitarra ritmica, solista che quella folk, ecco perché ora stiamo cercando un secondo chitarrista per suonare l’album.

Trovo la copertina dell’album molto bella, volete dirci qualcosa a riguardo? Cosa rappresenta la donna all’interno della luna?

Grazie, questo è un villaggio che brucia su una collina, facendolo sembrare come un vulcano, circondato da foreste dove puoi vedere sagome di streghe. Alcuni elementi sono presi dalla cover dell’EP, ma li trovi solo se guardi attentamente. La ragazza nella luna rappresenta il destino di una donna condannata per stregoneria. Questa è la storia principale dell’album.

Su Empoisonné è presente una sola canzone che fa parte del precedente EP Sombres Danses: vuol dire che in due anni avete creato tanta nuova musica e che la ritenete migliore di quanto realizzato in passato? Troveranno spazio le vecchie canzoni in un prossimo lavoro, magari ri-arrangiate o in chiave acustica?

Ci sono canzoni che suoniamo da molto tempo (A Feu Et à Sang, Défloraison), e nuove (Cavalière Des Ronces, Dans Ces Eaux). Non so se sono migliori, ci piacciono la maggior parte e vogliamo ancora suonare i brani più vecchi dell’EP. Ad esempio, suoniamo Ophidia ogni volta in concerto. Ma ora abbiamo troppe canzoni per un normale spettacolo di 45 minuti, dovremo scegliere.

Ho davvero apprezzato la musica e il testo delle canzoni di Empoisonné, soprattutto Les Yeux Verts. Ci volete parlare del suo testo?

Grazie, questa canzone è la descrizione delle streghe che circondano il villaggio, vengono da luoghi diversi e radunano i loro spiriti di notte, questo secondo le leggende dei contadini locali, ma nessuno le ha viste davvero con precisione. Gli occhi verdi (Les Yeux Verts) dovevano essere un segno di magia e quindi del diavolo.

Farete un concept album interamente dedicato alle streghe del medioevo o sull’ultima strega europea Anna Goldi? O qualcosa su Salem…

Penso che non faremo un album su un preciso evento storica, non perché non sia interessante, ma perché tutti possono leggere su esso su Wikipedia, preferiamo inventare una storia da noi.

Ci sono leggende e storie francesi di streghe? Ci potete consigliare libri o canzoni che trattano questi argomenti?

C’è una regione nella Francia centrale chiamata Berry che è piena di superstizioni e storie di stregoneria, anche ancora ai nostri giorni. Nella nostra regione ho solo sentito della leggenda di Marie Grauète. Puoi trovare canzoni su questo in picard antico (lingua regionale), ma è solo una storia usata per tenere i bambini lontani dalle paludi. La cosa interessante è quando non puoi distinguere tra la leggenda e la realtà, c’erano molti fatti di stregoneria in Francia, persino a corte.

Molti gruppi folk metal hanno inciso dischi o EP completamente acustici: vi piace la dimensione più intima e credere che farete qualcosa del genere in futuro?

Sì, ci piacerebbe fare un EP acustico (magari non un album intero) in futuro. Questo si adatterebbe perfettamente alle melodie delle nostre canzoni, facciamo già prove acustiche a volte quando siamo fuori.

Se ci sarà la possibilità di realizzare un album acustico prenderete in considerazione l’idea di aggiungere flauti e voci pulite o proseguirete col contrasto tra strumenti acustici e voce growl?

Sicuramente, ci piacerebbe aggiungere molti strumenti. Amo il suono del clarinetto con la sua vibe balcanica/orientale, e il flauto traverso penso vada bene con le nostre canzoni, ma forse anche una fisarmonica. Mi piacerebbe molto provare il mix di growl del metal con gli strumenti acustici come fecero gli Ensiferum alcuni anni fa. Questo è ciò che ci piace nel sottogenere del folk metal: è difficile farlo suonare giusto, ma puoi provare diverse combinazioni musicali.

Siete di Lille: com’è la scena musicale dalle vostre parti? Vi sentite parte di quella folk/viking francese e in generale di quella europea? Ci sono gruppi con i quali collaborate e vi aiutate a vicenda?

C’è una scena metal veramente attiva nella nostra regione! Non molte band folk metal, ma abbiamo molti amici in band heavy, symphonic, black o death. Johanne dei Dust and Darkness suona il flauto nel nostro album (L’auberge Des Corps Perdus). Volevo invitare altri ospiti sull’album, ma non avevamo abbastanza tempo, sarà per la prossima volta! Speriamo di vedere i concerti locali tornare al più presto possibile a Lille. Conosciamo molte band folk metal francesi perché ci abbiamo già suonato (il batterista ed io eravamo in altre band folk metal prima dei Sorcières). Puoi ascoltare i Toter Fisch, Boisson Divine, Adaryn, Veliocasses, Arseis, Drenai, Mormieben, Piktan Matkan. È una piccola scena se la compari alla scena black metal francesi o di altri generi, ma ogni band ha idee interessanti e un’identità forte.

Come avete vissuto il periodo Covid-19? Ne avete “approfittato” per comporre nuova musica o avete, se così si può dire, “ricaricato le pile”?

Abbiamo avuto molti concerti cancellati nel 2020 il che è stato veramente frustrante, quello è stato un periodo molto triste per noi e per i musicisti in generale, quindi abbiamo usato questo tempo per finire alcune canzoni, aggiornare le altre e finalmente registrare l’album!

Progetti per questa ultima parte dell’anno e per il 2022?

Al momento stiamo cercando un secondo chitarrista, e vogliamo suonare live di nuovo. Molte canzoni dall’album non sono ancora mai state suonate sul palco, quindi non vediamo l’ora! Dovremmo avere uno o due concerti in autunno e ne abbiamo già uno carino per il 2022. Solo in Francia per ora. Forse inizieremo a scrivere musica per un altro album in inverno ma dobbiamo prima provare la scaletta attuale.

Siamo ai saluti finali, volete aggiungere qualcosa?

Grazie per le tue domande e la recensione dell’album, continuate così con la webzine di Mister Folk, ci piacerebbe suonare in Italia!

ENGLISH VERSION:

Welcome on Mister Folk! Introduce the group to the readers of the site.

Hello and thank you! We are a Black Folk Metal band from northern France. I started this musical project alone in 2016 and met my bandmates one year later. I knew the singer: Pierre-Alain for many years, but until then he was too shy to try his voice in a band, although he was really good. We recorded an EP in 2019 “Sombres Danses” with former members Roman (guitar) and Alex (drums), and played in France and Belgium, then in 2020 the lineup changed a bit with Tritt (from Cave Growl, an other french folk metal band) playing the drums, and me on guitars, the other members being Marie (violin) and David (bass). We recorded the first full-length album Empoisonné during the Covid-19 crisis and now we are ready to hit the stage again!

Your name means “witches”: where does this choice come from and is there a link between the name and the lyrics of the songs?

This is a strong mythical figure that we feel connected to, because it’s timeless and you can find it in every culture, it has a deep link with nature, society, inner darkness, psychology and folklore. So yes there are many references to witchcraft in the lyrics. But we are not bound by this name, we feel free to make songs and lyrics about a lot of other subjects.

If you have to give musical coordinates to the readers who don’t know you, how would you describe your music and with which bands do you feel you have something in common?

We play blackened folk metal with some heavy metal and sometimes death metal parts, we are open to many influences, but it must stay folk, and extreme metal. We like of course Finntroll, Moonsorrow, Thyrfing, but also Otyg, Asmegin, Agalloch, Melechesh, Primordial, Negura Bunget… and many more, but these are the main influences.

You recently have published the first full-length entitled Empoisonné (tr.: poisoned), a well done work and pleasant to listen to. You can tell anything about your new record!

It was a lot of work since we did everything ourselves,(recording, mixing, illustrations..) and we had some difficulties with the covid restrictions: a lot of discussions about the album were only via Discord or telephone, the guitars and drums were recorded separately at home. I recorded both rythm, lead and folk guitar, that’s why we are now looking for a second guitarist to play the album.

I think that the album’s cover is very beautiful, would you like to tell us something about it? What does the lady in the moon mean?

Thank you, this is a village burning on a hill, making it look like a volcano, surrounded by forests where you can see witches’ shapes. Some elements are taken from the EP cover, but you will find them only if you look closely. The lady in the moon represents the destiny of a woman executed for witchcraft. That is the main story of the album.

On Empoisonné there is only one song that is part of the previous EP Sombres Danses: does it mean that in two years you have created a lot of new music and that you think it is better than what you have done in the past? Will the old songs find their place in a future work, perhaps re-arranged or in an acoustic key?

There are songs we play for a long time (A Feu Et à Sang, Défloraison), and new ones (Cavalière Des Ronces, Dans Ces Eaux) I don’t know if they are better, we like most of them and we still want to play older songs from the EP. For example we play Ophidia every time in concert. But now we have too many songs for a regular 45 min show, we will have to choose.

I really appreciate the music and the lyrics of all the songs in Empoisonné, in particular Les Yeux Verts. Would you tell us what all the lyrics are about?

Thank you, this song is the description of the witches surrounding the village, they come from different places and gather their spirits at night… according to the legends of the local peasants, but no one has really seen them precisely. Green eyes (Les Yeux Verts) were supposed to be a sign of magic and therefore the devil.

Will there be a concept album entirely dedicated to medieval witches or to the last European witch, Anna Goldi? And what about Salem’s witches?

I think we won’t make an album about a precise historical event, not because it’s not interesting but because everyone can already read about it on Wikipedia, we prefer to invent a concept or story ourselves.

Are there any French interesting legends or stories about witches? Would you recommend us some books or songs about that?

There is a region in the middle of France called Berry which is full of superstitions and witchcraft stories, even still in our days. In our region I only heard about the legend of the Marie Grauète. You can find songs about it in old picard (regional language) but it’s just a story used to keep the children away from the swamps. The interesting thing is when you can not tell the difference between the legends and reality, there were a lot of witchcraft affairs in France, even at the royal court.

Many folk metal bands have recorded fully acoustic records or EPs: do you like the more intimate dimension and believe that you will do something like this in the future?

Yes, we would love to do an acoustic EP (maybe not a full album) in the future. That would fit the melodies of our songs perfectly, we already make acoustic rehearsals sometimes when we are outside.

If there will be the possibility of an acoustic album, will you consider the idea to add some flutes and the clean voice or you’ll keep the contrast between acoustic music and growl?

Definitely, we would like to add many instruments. I love the sound of the clarinet with its balkanic/oriental vibe, and classical flute and I think it fits well with our songs, but maybe accordion too. I would love to try the mix of metal growls and acoustic instruments like Ensiferum did a few years ago. That’s what we like in the folk metal subgenre: it’s hard to make it sound right but you can try a lot of musical combinations.

You are from Lille: how it’s the music scene in your area? Do you feel part of the French folk / viking scene and in general of the European one? Are there any groups you collaborate with and help each other with?

There is a very active metal scene in our region! Not so much folk metal but we have a lot of friends in heavy, symphonic, black or death metal bands. Johanne from the band Dusk and Darkness is playing the flute on our album (L’auberge Des Corps Perdus). I wanted to invite more guests to the album but we didn’t have enough time, it will be for the next one! We hope to see the local concerts coming back as soon as possible in Lille. We know a lot of French Folk Metal bands since we already played with them (the drummer and I were in folk bands before Sorcières) You can check out Toter Fisch, Boisson Divine, Adaryn, Veliocasses, Arseis, Drenai, Mormieben, Pitkan Matkan… It is a small scene if you compare it to French black metal or other genres, but every band has interesting ideas and a strong identity.

How did you lived the Covid-19 period? Did you “take advantage” of it to compose new music or did you “recharge your batteries”, so to speak?

We had many concerts cancelled in 2020, which was very frustrating, that was a very grim period for us and musicians in general, so we used this time to finish some songs, upgrade the others and  finally record the album!

Do you have any plans for this last part of the year and for 2022?

We are currently looking for a second guitarist, and we want to play live again. Many songs from the album haven’t been played on stage yet so we can’t wait! We should have one or two concerts in autumn and already have a nice one for 2022. Only in France for now. Maybe we’ll start to write music for another album this winter but we must first practice the current set list.

We are at the final greetings; would you like to add something?

Thank you for your questions and the album review, keep up the great work with Mister Folk webzine,  we would love to play in Italy!

Intervista: Dyrnwyn

Uno dei dischi più riusciti di questo 2021 è il nuovo lavoro Il Culto Del Fuoco dei romani Dyrnwyn. Quando lo ascoltai in rough mix un anno fa al Time Collapse Recording Studio capii immediatamente le potenzialità di un lavoro curato nei minimi dettagli e non stupisce la firma per un’etichetta di qualità come la Cult Of Parthenope. Questa chiacchierata che state per leggere è avvenuta nella stessa giornata dello studio report, mi è sembrato quindi opportuno aggiornarla con qualche domanda extra che trovate a fine articolo: sono domande fatte di recente, utili per colmare il lasso di tempo (un anno) trascorso tra la chiacchierata face to face e la pubblicazione del disco e di questo articolo.

Sono intervenuti il chitarrista Alessandro Mancini (A), il bassista Ivan Cenerini (I), il chitarrista Alberto Marinucci (AM) e il produttore Riccardo Studer (R).

Iniziamo dalle domande più classiche, ovvero come siete arrivati a questo album e la scelta del titolo.

A: Il titolo è Il Culto Del Fuoco e lo abbiamo deciso quando stavamo scegliendo gli argomenti da trattare nel disco. Abbiamo scoperto e studiato questo culto che è uno dei più arcaici della storia di Roma, il culto di Vesta nel quale il fuoco era molto importante e veniva chiamato proprio “Il Culto Del Fuoco”. Il disco si concentra sempre sulla Roma delle origini, se così si può dire, quindi stiamo parlando dei suoi quattrocento anni e anche meno, con antiche divinità e alcune battaglie cruciali come Sentinum e i fatti delle Forche Caudine. Ci sono otto pezzi per un totale di una cinquantina di minuti. Tornando indietro, dopo il primo disco Sic Transit Gloria Mundi ci siamo presi una bella pausa dopo aver suonato più che potevamo, compresi alcuni festival europei, e all’improvviso ho composto Vae Victis. Avevamo voglia di creare qualcosa di nuovo, abbiamo lavorato con continuità e man mano che uscivano gli argomenti da libri e documenti nascevano le canzoni. Solitamente partiamo dal testo, dall’argomento trattato e a seconda di quel che si parla facciamo suonare quel determinato intro e in base all’idea che ci si fa dell’atmosfera si lavora sui riff e melodie, ma sempre in funzione di quella che è un’immagine che abbiamo in testa.

Nel folk metal la chitarra non è lo strumento principale come accade negli altri generi, ma insieme agli altri strumenti fa la canzone; ma in questo genere è difficile ricordare un buon riff di chitarra (Roi, Gode, Roi degli Arkona ha un gran riff, ma è un esempio che ha pochi compagni). Su questo disco devo dire che la chitarra sale di livello per quello che fa e per come lo fa, suona con maggiore convinzione…

A: A volte basta aggiungere degli accordi aperti sotto le melodie per far suonare bene una parte, ma un po’ per dare maggiore dignità alla chitarra e anche per enfatizzare una determinata sezione della canzone, ho cercato di lavorare diversamente e di tenere alta la tensione, magari chi ascolta non si aspetta quel pezzo di riff in più o quella battuta con quel 2/4 di stacco che magari non era necessario, però riesce a dare quel qualcosa in più. Magari non la prima, e forse neanche alla seconda, ma alla terza volta che si ascolta dici “adesso arriva quella parte lì” e in questo modo la canzone non si consuma al primo ascolto. Al primo ascolto ci sono delle cose che ti devono catturare, ma poi ci sono dettagli o melodie che al terzo ascolto te ne accorgi e inizi ad apprezzare.

Le canzoni sono nate nel periodo del primo lockdown o già avevate fatto qualcosa prima?

A: le canzoni sono nate da settembre 2019 a febbraio 2020, è stato un lavoro costante e abbiamo trovato un modo che per noi funziona. Io so di essere quello più proficuo e di avere esperienza con i software e quindi riesco a creare la forma canzone; poi c’è una persona che si occupa di cercare il cuore di quello che trattiamo che è Ivan Cenerini, lui legge e studia libri e libri della Roma Repubblicana.

La registrazione è slittata per i noti problemi o era questo il periodo che avevate scelto?

A: avevamo prenotato un po’ prima ed è slittata di poco grazie a Riccardo che ha fatto i salti mortali per aiutarci.

R: ho fatto i salti mortali per rifare il calendario, la situazione dello studio era tragica per gli incastri da fare. Ho preso un nuovo posto e lo sto ristrutturando, è in zona Flaminio. Cinque stanze, potrò registrare anche la batteria. I gruppi ci sono, il lavoro non manca…

E la mano c’è…

R: questo lo dici tu…

Senza mano i gruppi non verrebbero da te…

R: se c’è continuità vuol dire, forse, che c’è la mano, ma preferisco sempre che siano gli altri a dirlo.

Come ti trovi a lavorare con i Dyrnwyn?

R: con loro mi trovo bene, c’è anche un fattore musicale perché come per il disco precedente ho messo mano alle orchestrazioni: su Sic Transit Gloria Mundi avevo fatto tutto io, per Il Culto Del Fuoco Alessandro ha portato invece una buona base sulla quale lavorare. Tendo a mettere tante cose e con loro mi devo limitare perché altrimenti si rischierebbe di perdere la matrice folk; come hai detto tu rispetto al disco precedente ci sono parti di batteria più tirate, riff più potenti, se poi si lavora troppo sulle orchestrazioni spinte si rischia di avere i Septicflesh, una tipologia di metal che a me piace ma non è quello della band. Un punto di forza di un gruppo è la personalità e si deve lavorare su questo. Infine quando si lavora a un disco conta tanto anche il fattore umano e con loro mi trovo davvero molto bene.

Hanno una loro personalità secondo te?

R: sì, non gli voglio fare i complimenti sennò si gasano (risate, nda).

Il grande passo che avete fatto è proprio sulla personalità: sul primo disco c’erano delle parti dove si poteva dire “qui sembrano i Draugr” e così via. Ora il disco suona fresco, avete trovato un’identità che già c’era ma ora è stata sviluppata ulteriormente. Forse perché la line-up è la stessa da un po’?

R: avere gli stessi musicisti per anni porta tanti vantaggi, anche quella confidenza di dire “guarda, qui forse non va bene”, ma anche l’esperienza che ti porta a lavorare su certi dettagli e perdere meno tempo su cose che hanno poca importanza.

A: basta non essere permalosi: se tu mi dici che una parte non va bene io devo essere in grado di pensare che so farne una meglio e no che questa è l’unica che va bene. Se si lavora così poi la band si scioglie, se nessuno cede.

Passiamo ai testi: Ivan hai campo libero.

I: l’idea è sempre stata quella di parlare di argomenti poco trattati di Roma. La Roma senza influenze greche, senza cristianesimo. Cerchiamo storie arcaiche tratte dai libri di archeologi e storici, da lì tiro fuori i testi che magari non sono musicali ma lavorando insieme al cantante riusciamo a farli funzionare.

T: quest’anno abbiamo scritto insieme e a più riprese abbiamo ripreso i testi modificandoli.

Thierry, mi sembra che ti trovi a tuo agio con i Dyrnwyn e in questo disco sei riuscito ad esprimerti al 100%. Hai portato qualcosa di diverso per quel che riguarda la voce, rendendo il tutto meno prevedibile e ascoltandoti ho l’impressione che ti piace molto cantare con loro.

T: effettivamente è così, è cambiato un po’ l’approccio che abbiamo tra di noi e di conseguenza qualcosa di nuovo è venuto fuori. Un po’ perché passando più tempo insieme aumenta la confidenza, un po’ perché abbiamo fatto dei passi in avanti. Abbiamo imparato gli uni dagli altri e io da loro ho preso a piene mani quando c’erano delle cose tecniche che non conoscevo. Ho smesso di fumare e la voce reagiva in maniera diversa e ho cercato di mettere tutte queste cose nel nuovo disco.

Il cantante è spesso l’emblema del gruppo mentre tu sei molto taciturno, un po’ in disparte. Di te non so nulla, quindi ti chiedo come sei entrato in contatto con i Dyrnwyn e qual è il tuo background musicale.

T: non sono una persona molto in vista nell’ambiente. Nasco come chitarrista ma dopo un problema alla mano ho iniziato a cantare con dei generi che loro detestano (risate e commenti vari, ndMF) come postharcore e il metalcore. Quando ci siamo conosciti cantavo in una band industrial/new metal grazie a un amico che ha parlato di me ad Alessandro quando cercavano un nuovo frontman: ci siamo sentiti, abbiamo fatto le prime prove e poi siamo andati avanti insieme.

Questo genere lo conoscevi già o è stata una scoperta?

T: è stata una grande scoperta perché conoscevo marginalmente il folk metal e il black metal… poi Grima tutta la vita (gruppo atmospheric black metal dalla Russia, ndMF)! Questa musica per me è completamente nuova a livello di sonorità, di tecnica e anche di concezione, quindi è stata una scoperta che mi ha coinvolto man mano sempre di più.

Nel vostro sound il flauto traverso riveste un ruolo non principale ma comunque importante. Qual è la situazione con Jenifer?

AM: anche lei è mooolto estranea al genere, quindi ha fatto l’esperienza con noi in maniera esplorativa/vacanziera che l’ha divertita e ha fatto anche piacere a noi conoscere una brava strumentista che sa quel che sta facendo, e abbiamo instaurato un’amicizia. Magari non aveva voglia di investire il suo tempo in un progetto che la divertiva ma non la coinvolgeva così tanto emotivamente. Ci diamo una mano, lei con noi si diverte e quindi le abbiamo chiesto se voleva incidere anche questo disco e ci ha detto di sì.

Alberto, visto che parli poco lo chiedo a te: qual è la tua canzone preferita?

AM: la mia preferita è Leucesie. Mi ha sempre coinvolto, la sento più unica, forse perché è diversa dalle altre. Anche per come entrano le orchestrazioni, come si accompagnano alla parte strumentale.

Avete mai pensato di ri-registrare i vecchi pezzi con l’attuale formazione?

I: è molto un fatto di produzione. Si farà, ma non sappiamo quando.

A: è nel garage, sul tavolo degli attrezzi in attesa. Di Ad Memoriam ci sono due pezzi che ancora oggi io ascolto nonostante le ingenuità dell’epoca, e sono Tubilustrium e Teutoburgo. C’è una di queste due che vorremmo rivedere sia a livello orchestrale che musicale, oltre alla nuova voce, che ora con un po’ di esperienza in più ci piacerebbe rendergli giustizia. Purtroppo la situazione mondiale non ci ha permesso di farlo perché l’idea era di mettere uno dei due pezzi che ti ho detto prima come bonus track, solo che quando è scoppiata la pandemia era proprio il momento in cui volevamo lavorare su questa cosa e non c’è invece stato il modo di farlo.

Cambiamo discorso: vi sentite parte di una scena italiana/romana?

I: scena italiana sì!

A: sicuramente esiste una scena italiana che ha anche elementi validi. Il punto è cosa uno pensa che sia il folk metal. Io credo, e parlo anche per loro, che il folk metal nasce per recuperare, riscoprire e parlare a terzi di radici proprie. Basandomi su questa descrizione io poi valuto anche i gruppi che ascolto, oltre che ovviamente la musica. Non è che se un gruppo mi parla di folletti e cavalieri magici allora non lo ascolto: magari la musica mi piace, però non lo considererò quel folk metal che mi piace perché gli manca il contenuto che io credo che debba essere una delle parti principali del folk metal. Detto questo, un gruppo che mi viene in mente sono i Kanseil, loro hanno un rapporto molto stretto con la propria terra, nelle canzoni parlano di cose che i loro compaesani hanno vissuto decenni fa e non nel lontano passato. Pensando a loro dico che sì, effettivamente l’Italia ha una storia molto ricca, non solo cristiana e non solo etrusca, romana ecc, ma anche più recente piemontese, siciliana e così via che merita di essere raccontata e conosciuta, che mi porta a dire che la scena italiana c’è e le cose che dice sono valide come quelle norrene, spagnole, greche e asiatiche. L’appartenenza a una scena italiana e romana sì di nome, meno a livello organizzativo. Penso che con maggiore comunicazione e una voglia di creare qualcosa di vero, si potrebbe creare un circuito per beneficiarne tutti. Fare una cosa del genere su una scala nazionale con band che a volte vogliono avere a che fare con te e a volte non vogliono avere a che fare con te… è difficile… Roma… io non…

Se vi ricordate un anno fa (ovvero nel 2019, ndMF) io avevo proposto una cosa solo romana con i quattro gruppi della zona che siete voi e i Blodiga Skald di Roma, gli Stilema di Ladispoli e gli Under Siege di Palestrina… poi non vedi interesse in una cosa dove solo i gruppi hanno da guadagnarci e lasci perdere.

M: Roma va molto con le mode, non solo i gruppi ma anche il pubblico. Fai il Mister Folk Festival con l’headliner figo la gente ti ci viene, fai un festival con solo i gruppi laziali la risposta del pubblico sarebbe scarsa. Poi le band secondo me non hanno tutta sta voglia di fare…

A: tutta questa fratellanza che si professa in realtà non c’è, non è così e chi ti dice così mente.

I: ci sono gruppi con i quali si collabora e si sta bene, vedi con gli Atavicus.

Volete aggiungere qualcosa alla fine di questa chiacchierata?

I: sarebbe bello che una volta ascoltato il disco la persona andasse a cercare quei riferimenti dei testi, alla scoperta di Roma.

A: oppure contattate direttamente Ivan, il nostro Cicerone!!!

DOMANDE EXTRA FATTE l’1/9/2021:

Riccardo, in questi giorni hai salutato il vecchio studio per trasferirti nel nuovo: ce ne vuoi parlare?

Proprio in questi giorni ho traslocato dal mio vecchio studio (o meglio chiamarlo BOX) dopo undici anni. Sono molto felice di essere finalmente riuscito a completare la costruzione dello studio nuovo e chiudere questo progetto iniziato da più di due anni e mezzo, con la pandemia che ha cambiato le carte in tavola e rallentato il tutto. Sono molto legato a quel box adibito a project Studio e ci ho passato veramente tantissimo tempo, salvo un periodo di due anni in cui ho lavorato all’interno dell’Overload Studio a Garbatella, il quale mi ha permesso di registrare batterie, fare reamping e crescere come produttore. Negli anni successivi, ritornato al box, ho invece stretto collaborazioni con altri colleghi e professionisti per completare gli aspetti che nel project studio non potevano essere realizzati (ad esempio quella con Giuseppe Orlando degli OuterSound per le batterie) avendo una stanza sola e garantendo comunque alle band una produzione completa. Ho molti progetti da realizzare nel nuovo spazio, che si dispone su cinque sale ed un area relax comune, fra cui quello di creare una rosa di musicisti con cui collaborare per la parte autorale e di arrangiamento del Time Collapse, ed anche quello di formare una piccola orchestra di strumentisti fidati e metterla a servizio delle band alle quali faccio da orchestratore, per le produzioni di musica cinematografica e metterla anche a servizio di compositori esterni che hanno bisogno di far suonare reali gli strumenti solisti o intere sezioni d’orchestra. Speriamo di riuscirci 🙂

DYRNWYN:

Dopo l’esperienza con la Soundage Productions siete passati alla Cult Of Parthenope. Come sono andate le cose con l’etichetta russa e come vi state trovando con la label italo-inglese? Come siete giunti all’accordo con loro?

Con la Soundage il rapporto è stato fin da subito molto chiaro e tranquillo , senza fare una grossa spesa non pretendevamo chissà cosa e ci andava bene così essendo anche il primo full-length della band uscire con un’etichetta che ha comunque un suo nome nel genere ci ha fatto piacere. Per il secondo disco però volevamo qualcosa di più per visibilità e pubblicità, un aiuto più concreto che potesse permettere a Il Culto Del Fuoco di girare meglio ed essere ascoltato da più persone rispetto al precedente disco. La Cult Of Parthenope, oltre ad esserci consigliata da te, ci è stata caldamente raccomandata anche da Riccardo Studer, che produce anche il disco di Scuorn appunto, ed è stato facilissimo trovarci in accordo con Giulian fin da subito. Sicuramente c’è un lavoro maggiore e diverso rispetto alla vecchia etichetta e ci siamo trovati benissimo: oltre a darci tutto ciò che era stabilito sul contratto, Giulian è anche stato dispensatore di ottimi consigli per la band.

Il disco è uscito da qualche mese: ascoltandolo oggi come vi sentite?

L’unico rammarico che abbiamo è quello di non averlo potuto suonare fino ad ora, e speriamo di rimediare al più presto. L’effetto che ci fa il disco riascoltandolo è lo stesso da quando è uscito, lo riteniamo un ottimo lavoro, ancora ci crea le stesse emozioni di quando lo abbiamo composto e registrato. La produzione poi è stata anche migliorata rispetto al nostro primo lavoro, quindi siamo tutti molto più che soddisfatti.

Anche se il disco è fuori da poco immagino che stiate lavorando a qualcosa di nuovo…?

Immagini bene, non c’è ancora nulla di concreto ma diciamo che già sono stati fatti passi avanti sulle tematiche e sonorità del prossimo disco, non abbandoneremo il nostro sound e lo studio della Roma antica meno conosciuta. Sicuramente non ci piace oziare troppo, anche se il nuovo disco non abbiamo mai potuto suonarlo dal vivo e forse per alcuni potrà sembrare un azzardo già pensare ad un prossimo lavoro.