Mister Folk festeggia i 5 anni di attività!

Questo è un giorno speciale: MISTERFOLK.COM spegne le prime 5 candeline! A pensarci ora il 2013 sembra così lontano, eppure questi anni sono letteralmente volati e il sito, pur tra le difficoltà tipiche della vita, è sempre andato avanti cercando di fare tutto al meglio per il bene della scena folk/viking metal.

Di conseguenza dopo un po’ di tempo le “classiche” recensioni e interviste non sono più bastate e sono arrivate due novità che sono state ben recepite da voi lettori e appassionati: una piccola ma volenterosa distro per cd underground e il festival del sito, che ha portato a Roma nomi come Skyforger, Heidra, Selvans, Atavicus e Vinterblot, dando anche visibilità alla scena locale con i concerti di Blodiga Skald, Dyrnywn e Under Siege.

MISTER FOLK DISTRO

MISTER FOLK FESTIVAL

A oggi l’archivio del sito conta 222 recensioni, 93 interviste, 27 live report e 40 articoli di vario tipo. La mole di dischi immessi mensilmente sul mercato da label e band è impressionante e non è possibile recensirli tutti quanti, quindi spesso sono state fatte delle scelte dettate dal cuore, quasi sempre a scapito dei click facili, tipo recensire e dare la precedenza a band underground e autoprodotte invece dei nomi storici proposti dalle etichette “pesanti”, recensioni che potete trovare su qualunque rivista o sito. Con questo spirito sono state pubblicate ben 5 compilation gratuite e piene di buona musica con il plus dell’artwork professionale realizzato dall’illustratrice Elisa Urbinati (autrice anche del nuovo logo!). Tutto questo, però, non sarebbe stato possibile senza l’aiuto e il supporto dei collaboratori/traduttori presenti e passati (Stefano Zocchi, Chiara Coppola, Flavia Di Luzio, Luca Taglianetti e Claudia Ithil), grazie per la pazienza e il duro lavoro. Infine, il mese scorso è stata ufficializzata la collaborazione con la Hellbones Records, giovane e volenterosa etichetta romana che seguirà con interesse la scena folk metal tricolore: il primo “frutto” della collaborazione è il disco Ragnarok della viking metal band Bloodshed Walhalla, in uscita a giugno.

Una curiosità. Qual è l’articolo più letto in questi 5 anni di misterfolk.com? Con 1800 letture uniche è l’intervista del 2015 a Matteo Sisti, polistrumentista di Krampus ed Eluveitie incontrato proprio in occasione dell’ultima data a Roma della band elvetica (QUI il live report). In occasione del prossimo disco “metal” della formazione svizzera non mancherà occasione per scambiare due parole con il sempre schietto Matteo.

Infine vi ricordo che sulla pagina Facebook c’è il link di questo articolo da condividere in modalità pubblica per avere l’opportunità di vincere il libro Folk metal. Dalle origini al Ragnarök pubblicato da Crac Edizioni, un libro unico nel suo genere, il vincitore sarà estratto tra 7 giorni.

Grazie per il supporto e le belle parole che mi riservate quando c’incontriamo ai concerti o per i messaggi che mi inviate tramite posta, le vostre parole sono fuoco per me! Folk on!

il libro che potete vincere!

Annunci

Mister Folk Festival 2018, il foto report parte 2

A pochi giorni dal quinto anniversario della fondazione di Mister Folk, ecco arrivare la seconda parte del foto report del Mister Folk Festival, evento che si è svolto al Traffic Club di Roma il 10 marzo con Skyforger, Heidra, Atavicus e Under Siege. Se ve la siete persa, QUI potete vedere la prima parte del foto report.

Un grande ringraziamento a tutte le persone che hanno partecipato al festival, a No Sun Music e Gabriele in particolare per il fondamentale aiuto, a Radio Rock per aver pubblicizzato per settimane l’evento, a tutti i siti che ne hanno parlato e alle band per l’amicizia e la disponibilità. Infine, un grande ringraziamento ai ragazzi di Art In Progress per la professionalità e il grande lavoro svolto; le foto che vedete qui sotto sono di Gianluca Soriconi.

Ci si vede il prossimo anno!?! 😉

SKYFORGER

HEIDRA

ATAVICUS

UNDER SIEGE

Mister Folk Festival 2018, il foto report parte 1

La seconda edizione del Mister Folk Festival è stato un successo, e questo è merito delle tante persone che sono venute al Traffic Club di Roma per divertirsi e assistere alle grandi esibizioni di SKyforger, Heidra, Atavicus e Under Siege.

In questo articolo potete ammirare alcuni degli scatti realizzati dal fotografo Marco Canarie, ma vi invito a visionare l’album completo sulla pagina Facebook di Art In Progress, l’associazione culturale che sta lavorando giorno e notte per completare il video della serata di prossima pubblicazione. Inoltre, tra non molto, sarà pronto anche il foto report parte 2

UNDER SIEGE

ATAVICUS

HEIDRA

SKYFORGER

Collaborazione Mister Folk & Hellbones Records!

Ci siamo, HELLBONES RECORDS e MISTER FOLK annunciano l’inizio di una loro collaborazione riguardante il filone folk metal! Era già da tempo che ne parlavano i due interessati, Giacomo Daniele (Hellbones Records) e Fabrizio (Mister Folk), e ora la comunicazione ufficiale!

È un grande piacere per me collaborare con Fabrizio e il suo sito Mister Folk, specializzato nel folk/pagan/viking metal. Fabrizio è una persona semplice, come me, che mette passione in quel che fa!

Sono entusiasta di questa possibilità, Hellbones Records è una giovane etichetta guidata da una persona come Daniele che ama la musica e crede nel potenziale delle band.

Il primo frutto di questa collaborazione sarà il disco Ragnarok della one man band Bloodshed Walhalla (QUI trovate tutte le recensioni e le interviste) – in uscita nei prossimi mesi – un intenso viaggio viking metal all’interno della mitologia norrena.

Mister Folk Festival 2018 a Roma!

MISTER FOLK FESTIVAL 2018
Skyforger + Heidra + Atavicus + Under Siege
sabato 10 marzo, h. 20:00
Traffic Club, Roma

Dopo la prima edizione dello scorso anno con quattro formazioni italiane di assoluta qualità come Selvans, Vinterblot, Dyrnwyn e Blodiga Skald, torna, con l’aiuto di No Sun Music, il Mister Folk Festival in quel del Traffic Club di Roma.

La data scelta è sabato 10 marzo, sul palco del locale capitolino si esibiranno Skyforger, Heidra, Atavicus e Under Siege.

Gli headliner Skyforger sono uno dei gruppi più importanti della scena folk/pagan: attivi dal 1995, hanno pubblicato sei full-length di assoluto valore, fortemente legati alla storia della propria terra, la Lettonia, e di indiscussa qualità. Per la band guidata dal cantante/chitarrista Pēteris “Peter” Kvetkovskis è la prima volta a Roma e il loro sarà uno show intenso e coinvolgente come pochi.

Anche i danesi Heidra suoneranno per la prima volta nella capitale: il loro extreme folk metal sembra fatto per essere proposto dal vivo, dimensione che vede Morten Bryld e soci particolarmente a proprio agio. In carriera hanno realizzato un paio di demo, un EP e un full-length, mentre è di prossima pubblicazione il nuovo lavoro registrato, indovinate un po’, a Roma.

Gli Atavicus sono una di quelle band che vorresti sempre vedere suonare in un festival: cazzuti e caciaroni il giusto, hanno l’attitudine adatta per lo show, ma soprattutto hanno delle canzoni che funzionano alla grande. La discografia degli ex Draugr Lupus Nemesis e Triumphator conta solamente un EP e un singolo, ma sul palco del Traffic non è detto che non ci possano sorprendere con qualche inedito…

Ad aprire la serata ci penseranno gli Under Siege, freschi autori di un buonissimo full-length di debutto in grado di ridimensionare lavori di band ben più blasonate. Il loro death/folk metal arricchito dalla cornamusa del cantante Paolo Giuliani conquisterà il cuore di tutti i presenti.

I dettagli della serata (orari, costi ecc.) saranno annunciati a breve, quindi tenete d’occhio l’evento Facebook per tutte le notizie, e chissà se non ci possa essere anche una sorpresa! Vi aspettiamo all’evento folk metal della capitale!

Le recensioni e le interviste delle band presenti nell’archivio del sito:

Skyforger – Senprūsija Live (dvd)
Skyforger – Kurbads
Heidra – Awaiting Down
Atavicus – Ad Maiora (EP)

Atavicus – L’Ardire Degli Avi (singolo)
Under Siege – Under Siege
Intervista: Heidra
Intervista: Atavicus 

Best Album 2017: Scuorn!

BEST ALBUM 2017

Il 2017 è stato un anno ricco di album belli. Non sono mancate le sorprese, le delusioni e le mezze delusioni, ma oggi si parla solo di bella musica e per fortuna non è stata poca. La selezione dei dischi più meritevoli è stata difficile, sono rimasti fuori lavori meritevoli e nomi importanti, ma una lista di venti o più dischi avrebbe avuto poco senso.

Il 2016 ha visto vincere Runaljod – Ragnarok dei Wardura il titolo di Miglior Disco dell’anno, chi si siederà per dodici mesi sul trono del folk/viking metal?

1°: Scuorn, 130 voti: Parthenope è stato senza ombra di dubbio il disco rivelazione del 2017, e non solo in ambito pagan folk. Il debutto della one-man band campana ha lasciato tutti a bocca aperta, un lavoro trasversale che oltrepassa i confini del genere e che ammalia per la sua romantica bellezza.

2°: Helheim, 84 voti: il primo disco di un certo peso uscito nel 2017 è stato landawarijaR degli Helheim, esiste modo migliore di iniziare l’anno? Il sound dei norvegesi è affilato e stordente, ricco di sfumature e imprevedibili momenti emozionanti. Inoltre, la citazione di Impressioni Di Settembre non poteva assolutamente passare inosservata.

3°: Bloodshed Walhalla, 51 voti: Drakhen, mente e corpo dei Bloodshed Walhalla, è motivo d’orgoglio per noi italiani. Il suo terzo disco Thor, il più ostico per via dei settanta minuti spalmati in appena otto tracce, è una gemma preziosa purtroppo sconosciuta ai più. Viking metal ma non solo.

4°: Nokturnal Mortum: 39 voti: si fanno sentire poco i Nokturnal Mortum, ma quando lo fanno tirano fuori un discone come Істина/Verity e allora non si può che stare alle loro regole e aspettare tanti anni tra un cd e l’altro. Il furore dell’est colpisce ancora!

5°: Ereb Altor, 38 voti: puro viking metal, il sogno di ogni Quorthon adepto. L’ultimo lavoro Ulfven è un concentrato di tutto quello che un lavoro viking deve avere con un tocco prettamente nordico che completa alla grande un quadro veramente bello.

Gli altri: Vintersorg e King Of Asgard mancano la top 5 per appena un voto: Till Fjälls del II fa urlare di gioia ancora oggi a un anno dalla sua pubblicazione, mentre :taudr: dei vichinghi svedesi bada alla sostanza nei 33 minuti del disco a suon di riff ruvidi e canzoni potenti. Un grande ritorno è quello di Crom grazie all’ottimo When Northmen Die, con le classiche sonorità che da sempre contraddistinguono il progetto tedesco, ovvero l’unione del viking e del power più melodico. In campo piratesco non si può non citare i pazzi Alestorm con il loro No Grave But The Sea (il bonus cd cantato dai cani è da pelle d’oca…), mentre è da fare un discorso a parte per i toscani Wind Rose, freschi di mini tour in Giappone: Stonehymn è un signor disco di cazzuto power/folk legato in parte all’immaginario tolkieniano, ma la band sembra riscuotere più successo nel resto del mondo che in casa propria. Una manciata di voti sono andati ai fantastici The Flight Of Sleipnir, autori di Skadi, cd dalle sempre sorprendenti sonorità viking/stoner, così come pochi ne hanno presi anche i cupi Havukruunu: Kelle Surut Soi è un bellissimo disco ed è un peccato che in Italia quasi nessuno se ne sia accorto. Una menzione, infine, va agli inglesi Skyclad, tornati con un nuovo disco, il buon Forward Into The Past, dopo otto anni di silenzio.

E il 2018? In pochi giorni saranno sul mercato due nomi come Arkona ed Heidevolk, ma non dimentichiamo l’underground, sempre ricco e interessante, con Dalriada, Hordak, Adavant e Grimner per citare alcuni nomi. Il meglio, ne sono certo, deve ancora arrivare.

Infine vi ricordo che è stata pubblicata da poco la nuova compilation di Mister Folk, la numero 5! Potete scaricare gratis e legalmente 22 gruppi underground e l’artwork di Elisa Urbinati Illustration per scoprire e ascoltare tanta buona musica! MISTER FOLK COMPILATION Vol. V