Live Report: Zaiet Fest

ZAIET FEST II EDIZIONE

FOLKSTONE + SAWTHIS + ENGELSTEIN + ISSUES

8 giugno 2014, Stadio Casaleno, Frosinone

LocZaiet

Seconda edizione dello Zaiet Fest, evento di beneficenza dedicato al giovane Matteo Fontana, scomparso il 13 marzo 2013 a causa di una leucemia. Il bill è per tutti i gusti: ad aprire due cover band rispettivamente di Korn e Rammstein, per passare poi al thrash moderno degli abruzzesi Sawthis e chiudere alla grande con i Folkstone. Il concerto è gratuito e il parcheggio dello stadio Casaleno è ampio e adatto ad ospitare le centinaia di persone accorse per omaggiare lo sfortunato (ma coraggioso!) Matteo e per godersi una serata di buona musica.

Arrivo sul posto con le prime note degli Elgelstein, cover band dei Rammstein. Nel loro piccolo fanno un grande show con fiamme, fuochi d’artificio e altre trovate scenografiche; musicalmente ripropongono fedelmente i vari successi del combo tedesco e torna vivo il ricordo del devastante show che i Rammstein hanno tenuto nel 2013 a Roma. La scaletta ha visto tutti i classici dei teutonici e gli Elgelstein hanno portato a termine un concerto concreto e teatrale, confermando le buone impressioni raccontante da chi ha avuto la possibilità di vederli in altre occasioni. II concerto prosegue con i Sawthis, band che ho conosciuto nel 2000 con il demo The Seven Lies (all’epoca si chiamavano Sothis) e che quattordici anni più tardi trovo sul palco con un modern thrash ritmato fatto da riff massicci e ritmiche classiche per il genere, ottime per pogare e fare headbanging. Discreta la presenza scenica e genuina l’attitudine dei musicisti, bravi a tenere il palco e ad incitare più volte il pubblico a fare casino fino ad organizzare con successo un wall of death. Momento di massimo coinvolgimento è stato quando la band ha suonato Roots Bloody Roots dei Sepultura. Per assistere al concerto degli headliner c’è, però, da attendere ancora un po’, il tempo di montare tutta la strumentazione ed eseguire il soundcheck. Prima dei Folkstone c’è, però, un bel video proiettato sul telone del palco dove a parlare sono gli amici di Matteo, i quali hanno raccontato dell’amicizia che li legava a Zaiet, un momento molto toccante che ha strappato qualche sorriso e tante lacrime.

Tempo il video tra applausi e occhi lucidi parte l’intro dei bergamaschi Folkstone: Il Confine, Grige Maree e Non Sarò Mai sono un inizio potentissimo, tutte estratte dall’ultimo lavoro in studio. Il pubblico si scalda con Lo Stendardo e Simone Pianetti, le cornamuse di Robi, Teo, Andreas e Maurizio avvolgono la chitarra di Luca Bonometti, con la sezione ritmica (Edo alla batteria e Federico Maffei al basso) a colpire duro per l’intero arco del concerto. Come sempre Terra Santa è dedicata a Giovanardi, Frerì fa cantare tutti i fan e non poteva mancare la dolce Luna nonostante sia cantata in bergamasco. Poco dopo Robi è pronta con il microfono in mano per far ballare la gente con Un’Altra Volta Ancora, ma tutto si ferma per dar spazio a due amici di Matteo che suonano Wish You Were Here dei Pink Floyd coinvolgendo il pubblico in un momento molto intimo e delicato. Dopo questo break di dieci minuti i Folkstone tornano sul palco e terminano il concerto con alcuni tra i brani più amati: Ombre Di Silenzio, Nebbie e Folkstone prima della chiusura con l’outro Rocce Nere. La band ha suonato in maniera impeccabile, la line-up ormai rodata da tanti concerti è guidata da un Lore sempre più efficace al microfono, migliorato tantissimo nel corso degli anni e schietto e divertente quando si tratta di introdurre un brano.

Lo Zaiet Fest 2014 è stato un successo, tutto è filato liscio (pazienza per alcune situazioni “tecniche”) e, cosa più importante, Matteo Fontana avrà sicuramente apprezzato.

È recentissima la notizia della cifra devoluta all’A.I.L. sez. di Frosinone da parte dell’ “Associazione Matteo Fontana Onlus”: ben 2250 euro per il sostegno alla ricerca e il perfezionamento delle procedure di trapianto autologo di cellule staminali.

http://www.zaietonlus.org

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...